skip to Main Content

Cosa farà il Marocco sui droni per Israele

Mossad

Israele vuole produrre droni in Marocco in grandi quantità e ad un prezzo molto più basso, e posizionarsi nei mercati di esportazione. L’articolo di Giuseppe Gagliano

Il Marocco svilupperà l’industria dei droni kamikaze per Israele.

A luglio, il National Cyber Directorate israeliano ha annunciato che il suo CEO, Yigal Unna, aveva firmato un accordo di cooperazione con le autorità marocchine che avrebbe aiutato le aziende israeliane a vendere conoscenza e tecnologia, secondo i media israeliani.

È stato il primo accordo di difesa informatica tra i due Paesi dalla ripresa delle relazioni diplomatiche tra Marocco e Israele.

Lo scorso mercoledì, la pubblicazione francese Africa Intelligence, specializzata in informazioni politiche, diplomatiche ed economiche sui paesi africani, ha rivelato che entrambi i paesi stanno attualmente lavorando per sviluppare un progetto per produrre droni kamikaze in Marocco.

In questo modo gli israeliani potranno produrre droni in Marocco in grandi quantità e ad un prezzo molto più basso, e posizionarsi nei mercati di esportazione. Sebbene non vengano offerti dettagli sul tipo e sul prezzo, a parte il fatto che sono “dispositivi relativamente semplici da costruire e con conseguenze devastanti”.

La testata francese spiega che il lancio di questo settore in Marocco arriva dopo diversi mesi di trattative con il gruppo Israel Aerospace Industries (IAI). Precisamente, BlueBird Aero Systems è la filiale del gruppo specializzato nella produzione di questi droni.

I droni Kamikaze sono un nuovo tipo di arma, veicoli aerei senza equipaggio che funzionano come bombe, senza la necessità di avere attentatori suicidi davanti.

Possono viaggiare a circa 150 chilometri all’ora, rimanere in aria per un’ora e contenere una testata esplosiva che esplode da sola quando si scontra con il suo bersaglio, che è stato precedentemente identificato attraverso una telecamera di ricognizione. Gli Stati Uniti guidano l’industria dei droni kamikaze, che Israele, Turchia e Iran hanno già testato sui campi di battaglia e alla quale si è unita anche la Cina.

Possono essere utilizzati per operazioni di sorveglianza, sebbene il loro obiettivo principale sia l’attacco. E quindi costituiscono un nuovo modo di fare la guerra. In effetti, si sono già affermati nel Nagorno-Karabakh.

La maggior parte della cooperazione in materia di sicurezza tra Marocco e Israele avviene in segreto e riguarda principalmente lo scambio di informazioni di intelligence. Inoltre, nel 2013, Rabat ha acquisito tre droni Heron che sono stati consegnati via Francia nel 2020.

I media internazionali hanno anche ripreso l’arrivo di una stazione di trasporto aereo C-130 alla base aerea di Hatzor a luglio, alla vigilia dell’esercitazione militare internazionale Bandiera blu (Bandiera blu). Era la prima volta nella storia delle relazioni tra i due Paesi che un aereo militare marocchino atterrava sul suolo israeliano.

Questa forma di cooperazione nel campo dell’industria militare è possibile grazie all’evoluzione della legislazione marocchina. Il 28 giugno il Consiglio dei ministri ha adottato il decreto attuativo della legge sui materiali e gli equipaggiamenti, le armi e le munizioni per la difesa e la sicurezza.

Il testo tratta della nascita di un’industria militare e della difesa in Marocco e stabilisce le modalità di fabbricazione, commercio, importazione, esportazione, trasporto e transito di materiali e attrezzature militari.

Questa unione tra Marocco e Israele è guidata dallo stesso re Mohamed VI, che ha inviato anche una lettera al presidente Isaac Herzog, in cui ha espresso la speranza che il rinnovo dei legami tra i paesi favorisca la pace regionale, secondo le informazioni diffuse dal Ufficio del presidente israeliano.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore