Innovazione, Pagamenti digitali / Fintech

India verso l’addio al contante. Ed è rivoluzione Fintech

di

Fintech

Per frenare i pagamenti in nero il Governo indiano spinge sulla demonetizzazione. Numerosi i cittadini che si affidano ai pagamenti tramite smartphone. La rivoluzione Fintech è iniziata

Da una pescheria di una stradina sperduta, a Bhopal e ad un venditore ambulante di soda a Bangalore: sempre più mercanti indiani si affidano ai pagamenti digitali. La spinta alla demonetizzazione, avviata dal Governo indiano, che ha eliminato anche fisicamente le 500 e le 1.000 rupie, provando ad estirpare la piaga dei pagamenti in nero, potrebbe essere, come scrive Bloomberg, la migliore cosa che accada all’India. Il Paese non avrà altra scelta che affidarsi alla tecnologia.

E la tecnologia che vince, in questo momento, non è quella delle carte di credito, ma quella ancora più innovativa e ancora poco conosciuta dei pagamenti via smartphone. In un paese in cui si contano meno di 25 milioni di carte di credito, su una popolazione di oltre un miliardo, sono i servizi di pagamenti via smartphone come Paytm e FreeCharge, a registrare una crescita enorme, in pochi giorni. La rivoluzione è in atto.

Fintech: il grande successo di Paytm

FintechA stupire, in questo contesto, è il grande successo di una applicazione neonata, che in pochi giorni è riuscita a conquistare la fiducia di tutti. Cogliendo la grande opportunità che poteva rappresentare la demonetizzazione, infatti, Paytm ha avviato una grande strategia di marketing, pubblicando annunci pubblicitari sui più grandi quotidiani indiani.

Paytm, fondata da Vijay Sharma Shekhar, ha annunciato che nei giorni scorsi sono più le persone hanno utilizzato la piattaforma di pagamento on-line che le carte di credito. Sabato 19 novembre, Paytm ha gestito oltre 7 milioni di transazioni, per un ammontare complessivo 17,5 milioni di euro. Tramite carte di debito e di credito sono state effettuate oltre 6,9 milioni di transazioni giornaliere , secondo i dati forniti dalla Reserve Bank of India (RBI) nel mese di agosto 2016.

“E’ come se il velo nero si sia tolto. Ora il Fintech in India ha grandi opportunità”, ha affermato Sanjay Swamy, managing partner di un Venture Capital in Bangalore.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati