skip to Main Content

Criptovalute Silvergate

Fate molta attenzione alle criptovalute. Report Financial Times

La criptovaluta dimostra che non dovremmo venerare l'"innovazione" fine a se stessa. L'approfondimento del Financial Times

Le grandi criptovalute sono nel bel mezzo di una grande resa dei conti.

Dopo una serie di spettacolari crolli e implosioni lo scorso anno, due delle più potenti e redditizie società di criptovalute ancora in piedi – Coinbase e Binance – sono state colpite da azioni legali da parte delle autorità di regolamentazione statunitensi questo mese. Una terza, Ripple Labs, sta ancora combattendo una causa intentata contro di lei nel 2020, avendo speso finora più di 100 milioni di dollari in spese legali. Scrive il Financial Times.

LE SOCIETÀ DI CRIPTOVALUTE NEL MIRINO DELLE AUTORITÀ

Non sono gli artisti della truffa e i truffatori più palesi di cryptoland ad essere presi di mira (ce ne sono molti in giro, ma tendono ad essere relativamente piccoli). Sono le aziende che hanno fatto del loro meglio per sembrare imprese legittime; quelle che hanno cercato di rendersi appetibili alle autorità di regolamentazione, alla Silicon Valley e ai politici.

Sono i tipi in giacca e cravatta che vanno a cena con i presidenti e che si avvicinano ai parlamentari Tory e alle celebrità della lista Z alla Camera dei Comuni. Quelli che si vantano di “grandi incontri” con il segretario economico al Tesoro e che scrivono in modo altruistico del loro desiderio che il Regno Unito “sia una grande parte del successo [della crittografia]” e della loro convinzione che la Gran Bretagna debba “mettere il Web3 e la blockchain al centro del governo”.

NEL NOME DELL’INNOVAZIONE

Questa folla di “cripto saggi” ha spinto senza sosta la crittografia inquadrandola non come un modo miracoloso per ricavare oscene quantità di denaro dal nulla, ma come una “innovazione” cruciale che i Paesi devono abbracciare se non vogliono rimanere indietro. Ora, loro e i loro sostenitori stanno cercando di contrastare il giro di vite della Securities and Exchange Commission (Sec) degli Stati Uniti con lo stesso argomento retorico: qualsiasi mossa per regolamentare o punire il selvaggio West delle criptovalute soffocherà la suddetta “innovazione”.

LE ACCUSE ALLA SEC

“La Sec sta cercando di uccidere l’innovazione delle criptovalute negli Stati Uniti”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Ripple Brad Garlinghouse in un video pubblicato sui social media la scorsa settimana, dopo la pubblicazione di alcuni documenti relativi al caso della Sec contro la sua società. “La Sec sta creando un ambiente normativo ostile all’innovazione”, ha dichiarato la scorsa settimana a Fox Business Tim Draper, venture capitalist e amico di un’altra famosa innovatrice, la truffatrice Elizabeth Holmes, che è stata incarcerata.

Questa accusa è talmente diffusa che la Sec ha dovuto persino negarla esplicitamente: “Non siamo qui per soffocare l’innovazione, ma per soffocare le frodi”, ha dichiarato la settimana scorsa il direttore della Sec.

LA VERA SPINTA A VENTURE CAPITALIST E SILICON VALLEY

Ma cosa intendiamo per “innovazione”? Il Cambridge Dictionary la definisce come “una nuova idea o un nuovo metodo”, o “la creazione e l’uso di nuove idee o metodi”. Tuttavia, il modo in cui si tende a usarla è più simile a “una cosa tecnologica che nessuno capisce bene, ma che un giorno potrebbe essere utile e potrebbe sicuramente fare soldi a un certo punto”.

“Funziona molto bene per l’industria inquadrare ogni tecnologia che immette nel mondo – che si tratti di cripto o di IA generativa, o di qualsiasi altra cosa – come un’innovazione che dobbiamo perseguire”, mi dice Paris Marx, ospite del podcast Tech Won’t Save Us. “Ma la Silicon Valley e i venture capitalist non sono realmente interessati a sviluppare la tecnologia per il miglioramento della società… Quello che gli interessa è fare soldi grazie a qualsiasi ciclo di hype che si troveranno davanti”.

L’ALTRO LATO DELLA MEDAGLIA

A volte il problema dell’innovazione è che l’idea in questione, pur essendo nuova, non è in realtà molto utile: è una soluzione in cerca di un problema, come nel caso della tecnologia blockchain. E a volte il problema è che l’innovazione, pur non essendo priva di utilità, è incredibilmente dannosa: gli oppioidi sintetici hanno fornito sollievo dal dolore a milioni di persone, ma hanno anche creato un’epidemia di overdose, uccidendo quasi 80.000 americani nel 2022 e contribuendo a far scendere l’aspettativa di vita negli Stati Uniti ai minimi di 25 anni.

Perché, dunque, siamo arrivati a considerare l'”innovazione” come un bene assoluto e perché “soffocarla” è così inequivocabilmente un male? Sicuramente anche l’obiettivo dell’innovazione – e le possibili ripercussioni – dovrebbero essere importanti. L’innovazione può essere cruciale per fare progressi in ogni tipo di settore, come la medicina o la scienza, ma sembra che siamo arrivati a un punto in cui è l’idea stessa a essere venerata. Questo è sbagliato: l’innovazione non dovrebbe essere vista come un fine in sé, ma come un mezzo per migliorare qualcosa.

La crittografia può essere una novità, ma questo non la rende utile o preziosa per la società. Non possiamo continuare a pensare che tutta l’innovazione sia una forza positiva.

In pratica, “innovazione” spesso significa solo sfruttare le lacune delle norme esistenti finché le autorità di regolamentazione non si mettono al passo – il cosiddetto “arbitraggio normativo”, una strategia che l’industria delle criptovalute ha messo in atto con grande successo e su cui ha fatto affidamento. Sfortunatamente per questi ingegnosi “innovatori” delle criptovalute, recuperare è esattamente ciò che i regolatori stanno facendo.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

Back To Top