skip to Main Content

Ecco Stati e regioni che si affidano a Huawei cloud (nonostante i veti Usa)

Huawei Cloud

Huawei sta trovando molti acquirenti statali e regionali (anche in Italia) per i suoi servizi cloud nonostante i veti statunitensi. Cosa emerge dal report del think tank Csis di Washington

 

Huawei sta trovando molti acquirenti governativi per i suoi servizi cloud nonostante i crescenti sospetti nei confronti dell’azienda, afferma il report Reconnecting Asia Project del Center for Strategic and International Studies, un think tank con sede a Washington.

I ricercatori del Csis hanno trovato 70 accordi in 41 paesi tra governi (o imprese di proprietà statale) e il colosso delle tlc cinese.

Ricordiamo che il mercato cloud al momento è dominato dai colossi statunitensi: Amazon Web Services con una quota di mercato del 32%, seguito da Microsoft Azure con una fetta del 19%. Cerca di accorciare il divario anche Google Cloud, raggiungendo una quota del 7%.

I paesi in via di sviluppo firmano accordi con Huawei nonostante gli avvertimenti americani. Gli Stati Uniti infatti hanno ripetutamente accusato Huawei di spiare per conto del governo cinese, a volte sfruttando le “porte di servizio” delle telecomunicazioni nelle sue apparecchiature. Washington ha anche inserito Huawei e molte delle sue affiliate nella “entity list”, limitando la vendita di tecnologie critiche come i semiconduttori al colosso di Shenzhen.

Dal report emerge che la maggior parte dei paesi coinvolti in tali accordi con Huawei si trovavano nell’Africa sub-sahariana, in Asia e in America Latina. Ma anche il nostro paese figura nell’elenco con un acquirente statale del servizio cloud del colosso cinese.

Tutti i dettagli.

IL RILIEVO DEL THINK TANK DI WASHINGTON

“L’infrastruttura cloud e i servizi di e-government di Huawei gestiscono dati sensibili su salute, tasse e documenti legali dei cittadini”, afferma lo studio del Csis.

“Mentre Huawei si ritaglia una nicchia come fornitore per i governi e le imprese statali, sta costruendo una posizione strategica che potrebbe fornire alle autorità cinesi preziose informazioni e persino una leva coercitiva” mettono in guardia i ricercatori del think tank americano.

“Nonostante affrontino sfide legali e reputazionali, le offerte di Huawei stanno ancora guadagnando terreno, con quasi la metà degli accordi con date di inizio note annunciate dal 2018”, sostiene il Csis.

CHI ACQUISTA I SERVIZI CLOUD DI HUAWEI

I paesi a reddito medio sono i clienti più comuni per i servizi cloud ed e-government di Huawei.

Il 77% di questi accordi si è verificato in paesi che Freedom House, un gruppo di sorveglianza per la democrazia finanziato dal governo degli Stati Uniti, ha classificato come “non liberi” o “parzialmente liberi”, come l’Arabia Saudita e lo Zambia.

Il 72% degli accordi è stretto in paesi a reddito medio, tra cui Messico e Malesia.

IL MONITO DEL CSIS

“In questo contesto, le economie in via di sviluppo sono un prezioso banco di prova, offrendo una forte domanda, meno barriere all’ingresso e meno controllo rispetto alle economie sviluppate”, ha affermato il Csis. “Guadagnare un punto d’appoggio nei governi potrebbe dare all’azienda e alle autorità cinesi intelligence e persino una leva coercitiva”, mette in guardia il rapporto.

LA POSIZIONE DEL COLOSSO DI SHENZHEN

In qualità di infrastruttura cloud e fornitore di servizi, Huawei non possiede né controlla i dati dei clienti”, ha affermato Huawei in una nota. “Tutti i dati dei clienti sono di proprietà e completamente controllati dai nostri clienti. La sicurezza informatica e la protezione della privacy degli utenti rimangono le massime priorità di Huawei”, ha aggiunto la società.

CHI HA ACQUISTATO I SERVIZI CLOUD DI HUAWEI IN ITALIA

Dai dati del Csis, emerge che in Italia l’unico acquirente pubblico di Huawei è la Regione Umbria, nello specifico per il servizio Umbria Telepresence system.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore