Advertisement skip to Main Content

Conti Google

Ecco come cloud e intelligenza artificiale fanno brillare i conti di Alphabet (Google)

Conti sopra le attese e primo dividendo per la parent company di Google. Fatti, numeri e reazioni di Borsa dopo la pubblicazione della trimestrale di Alphabet.

Rally per le azioni di Alphabet, società madre di Google, dopo la pubblicazione dei conti trimestrali.

La holding tecnologica guidata da Sundar Pichai ha superato le aspettative per il trimestre in termini di vendite, profitti e pubblicità e ha annunciato il suo primo dividendo. L’utile per azione è stato di 1,89 dollari su ricavi di 80,54 miliardi di dollari (in crescita del 15% rispetto a un anno fa), contro attese per 1,51 dollari su 78,59 miliardi.

Anche Ricerca Google, YouTube e Google Cloud non hanno perso un colpo. Ma il primo dividendo in assoluto di Alphabet ha avuto il successo maggiore, contribuendo a far salire il titolo di oltre il 12%. L’impennata delle azioni after-hour di Alphabet di quasi il 16% in seguito al rapporto ha aumentato il suo valore di mercato azionario di circa 300 miliardi di dollari, arrivando a oltre 2 trilioni di dollari.

Tutti i dettagli.

IL CLOUD E L’AI SPINGONO I RICAVI

Alphabet ha registrato vendite trimestrali per 80,5 miliardi di dollari, in aumento del 15% rispetto all’anno precedente, il tasso di crescita più rapido dall’inizio del 2022, e al di sopra della stima degli analisti di 78,8 miliardi di dollari.

La crescente domanda per i suoi servizi cloud sulla scia della crescente adozione dell’intelligenza artificiale e della costante spesa pubblicitaria ha contribuito al risultato.

Nello specifico, la ricerca di Google e le relative entrate sono aumentate del 14% raggiungendo i 46,2 miliardi di dollari, al di sopra della stima degli analisti di 45 miliardi di dollari nel trimestre. Le vendite pubblicitarie su YouTube, la piattaforma video di Google, sono aumentate del 21% raggiungendo gli 8 miliardi di dollari, al di sopra dei 7,7 miliardi di dollari previsti dagli analisti.

I ricavi di Google Cloud, l’unità dell’azienda che noleggia software e servizi informatici ad altre aziende, sono cresciuti del 28% arrivando a 9,6 miliardi di dollari, contro le stime di 9,4 miliardi di dollari del consensus. Le vendite pubblicitarie sono aumentate del 13% nel trimestre arrivando a 61,7 miliardi di dollari.

UTILE SUPERIORE AL CONSENSUS

L’utile netto è balzato del 57% a 23,66 miliardi di dollari, rispetto a 15,05 miliardi di dollari dell’anno precedente, battendo le stime degli analisti che si aspettavano 18,9 miliardi di dollari. L’utile per azione ha raggiunto 1,89 dollari, in aumento rispetto a 1,17 dollari dello scorso anno e superando la stima media di 1,53 dollari.

AUMENTA ANCHE LA SPESA

La spesa in conto capitale di Alphabet è salita a 12 miliardi di dollari – più dei 10 miliardi previsti – e il direttore finanziario Ruth Porat ha affermato che la società spenderà almeno tale importo a trimestre per il resto dell’anno.

LE PAROLE DEL CEO PICHAI

Nella conference call, il ceo di Alphabet Sundar Pichai ha affermato che il trimestre ha rappresentato “una forte performance da parte di Search, YouTube e Cloud” e che Google è “ben avviato con la nostra era dei Gemelli”, riferendosi al suo modello di intelligenza artificiale generativa.

“La nostra leadership nella ricerca e nelle infrastrutture sull’intelligenza artificiale e la nostra presenza globale di prodotti ci posizionano bene per la prossima ondata di innovazione dell’intelligenza artificiale”, ha aggiunto Pichai.

FOCUS SULL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Anche se proprio le ambizioni nell’intelligenza artificiale hanno subito una notevole battuta d’arresto nel primo trimestre, segnala il New York Times. A febbraio, gli utenti si sono resi conto che il chatbot di Google stava creando immagini di persone che non erano sempre storicamente accurate. I dirigenti di Google hanno promesso di risolvere il problema e nel frattempo hanno sospeso la capacità del chatbot di generare immagini di persone.

“Per continuare a pagare per Gemini e altri prodotti di AI, Alphabet ha cercato di tagliare i costi, anche licenziando i lavoratori. Dall’inizio dell’anno, ha licenziato dipendenti in molte delle sue unità aziendali, tra cui YouTube, finanza e la sua divisione principale di ingegneria” rileva ancora il Times.

Allo stesso tempo “I piani finanziari e di investimento nell’intelligenza artificiale di Google e Microsoft sono stati oggetto di particolare attenzione alla luce dell’esperienza del rivale Meta” rileva il Financial Times. “Le azioni del gruppo di social media sono crollate dell’11% dopo che l’amministratore delegato Mark Zuckerberg ha dichiarato mercoledì che avrebbe speso miliardi in più del previsto per l’intelligenza artificiale, avvertendo che i costi dovrebbero aumentare “in modo significativo prima di ottenere molte entrate da alcuni di questi nuovi prodotti”” ha aggiunto il Ft.

IL PRIMO DIVIDENDO PER ALPHABET

Inoltre, ieri il board di Alphabet ha annunciato il suo primo dividendo in assoluto di 20 centesi per azione che pagherà il 17 giugno e un riacquisto di azioni proprie da 70 miliardi di dollari, sostenuto da un aumento degli utili nelle sue principali linee di business. La mossa  ha entusiasmato gli investitori che hanno fatto salire le azioni di quasi il 16%.

Come ricorda Reuters, solo tre mesi fa, il rivale Big Tech di Alphabet, Meta Platforms, ha annunciato il suo primo dividendo in assoluto, una mossa che ha aumentato il valore di mercato azionario della società di social media di 196 miliardi di dollari il giorno successivo.

FA CORRERE LE AZIONI A WALL STREET

Le azioni sono aumentate fino al 13% nelle contrattazioni after-hour, consentendo ad Alphabet di aggiungere più di 250 miliardi di dollari alla sua capitalizzazione di mercato e spingersi oltre i 2 trilioni di dollari, unendosi ai concorrenti dei “Magnifici Sette” Microsoft, Apple e Nvidia, sottolinea ancora il Financial Times.

IL COMMENTO DEGLI ANALISTI

“I pagamenti di dividendi e i riacquisti annunciati da Alphabet oltre al solido ritmo degli utili non sono solo una boccata d’aria fresca per il mercato tecnologico nel suo insieme, ma anche una strategia molto intelligente per il colosso dei motori di ricerca che si trova ad affrontare un periodo difficile dell’anno, ” ha affermato Thomas Monteiro, analista senior di Investing.com.

Per Brad Erickson di RBC Capital Markets “Forse la cosa più importante in relazione al grande movimento after-hours del titolo è che i margini sono stati significativamente superiori alle aspettative”.

Back To Top