Energia

Tutti i subbugli nei Democratici sulla politica energetica di Biden

di

biden stati repubblicani

Che cosa pensa davvero Biden su gas e non solo? Se lo chiedono gli esperti Usa e nella base democratica c’è un certo subbuglio. Ecco perché

Axios è un sito di informazione che tende a fare le pulci a qualunque politico gli capiti sotto tiro. Naturale perciò che a Joe Biden stia facendo pelo e contropelo negli ultimi tempi, alla scoperta dei punti di forza ma anche delle incongruenze del suo programma elettorale.

A proposito di incongruenze, questa settimana la newsletter di Axios ne ha trovata una di una certa consistenza: la riluttanza del candidato a dichiarare cosa farà con il gas naturale e, in particolare, con la controversa tecnica di estrazione nota come frackjing.

BIDEN SI PRESENTA CON UN PIANO AGGRESSIVO DI LOTTA AL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Biden ha la caratteristica di presentarsi con un aggressivo piano di lotta per il cambiamento climatico. Ma quando si parla di gas naturale, e quindi anche di quella tecnica – il fracking – che molto ha contribuito al boom energetico Usa, il candidato tende a contraddirsi.

Questa settimana per esempio ad un evento in Pennsylvania, uno stato dove esiste un’importante industria fondata sul gas naturale, Biden ha ripetutamente affermato di non avere intenzione di bandire il fracking, “non importa quante volte Donald Trump mente su di me”.

LE DICHIARAZIONI DI BIDEN SUL FRACKING SONO STATE POCHE E INCOERENTI

Il fatto è che nelle fasi iniziali della sua campagna elettorale, Biden aveva detto l’esatto contrario, seppure in sordina: l’ha fatto più volte l’anno scorso durante la campagna per le primarie democratiche, ma poi l’argomento è scomparso del tutto dai radar.

RINUNCIANDO A INSISTERE SUL FRACKING; BIDEN MIRA A CONQUISTARE IL CONSENSO DEGLI STATI PRODUTTORI COME OHIO E PENNSYLVANIA

C’è poi il fatto che Biden ha pensato bene di impostare la sua politica energetica supportando le energie rinnovabili anziché penalizzando i combustibili fossili. Cosa che gli permetterà di conquistare il voto degli elettori degli stati in bilico che hanno un’economia fortemente influenzata dalla produzione di gas naturale come la Pennsylvania o l’Ohio.

I GIOVANI ATTIVISTI SONO DELUSI DALLA MANCANZA DI AUDACIA DEL PROGRAMMA ENERGETICO DI BIDEN

Questa formula però non piace ai giovani attivisti della base democratica, che hanno un approccio più radicale e preferirebbero che Biden dichiarasse guerra contro petrolio, gas naturale e carbone.

“Pensavo che sarebbe stato più audace sui combustibili fossili”, ha ammesso ad esempio la sua delusione un giovane militante, Varshini Prakash, che ha fondato l’organizzazione Sunsrise Movement e ha partecipato alla task force che ha fornito raccomandazioni a chi avrebbe poi stilato il programma elettorale di Biden. “E’ qualcosa per cui ho lottato”, prosegue il giovane, “ma alla fine non è successa”.

Ora che la campagna elettorale è entrata nel suo ultimo giro di boa, a Biden non sarà più concessa indulgenza e sarà prima o poi costretto a dire pienamente il suo pensiero sulle energie fossili, il gas naturale e naturalmente il fracking. Il fatto è che fino ad ora continua a non farlo, e come ha rivelato ad Axios una persona che lavora nella campagna elettorale del candidato, “ogni volta che ne parli, ti frega”

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati