Advertisement skip to Main Content

Sogin

Cosa c’è nei dati rubati a Sogin?

Sogin, la società che si occupa dello smantellamento degli impianti nucleari italiani, ha subito un attacco informatico: sono stati sottratti 800 GB di dati, ma l'azienda esclude danni strutturali. Ecco cosa si sa

 

Sogin, la società pubblica che si occupa dello smantellamento degli impianti nucleari in Italia e della gestione dei rifiuti radioattivi, ha subìto domenica scorsa un attacco informatico che ha portato alla sottrazione di centinaia di gigabyte di dati.

800 GB DI DATI RUBATI

Sul dark web sono stati pubblicati degli annunci di vendita di 800 gigabyte di dati sottratti a Sogin – “contratti, progetti, schemi d’impianto”, scrive Il Sole 24 Ore; ma anche curriculum e foto dei dipendenti, aggiunge Open – al prezzo di 250mila dollari, acquistabili tramite pagamento in criptovaluta Monero.

CHI È L’AUTORE

L’autore è ZeroX, un gruppo di criminali informatici che a luglio aveva già sottratto dati alla compagnia petrolifera saudita Saudi Aramco.

IL CONTENUTO DEL SAMPLE

L’annuncio di vendita relativo a Sogin conteneva anche un sample, cioè un campione di dati rappresentativo del contenuto totale trafugato, che mostrava proposte di qualifica risalenti al 2016 per la fornitura di strumentazioni all’impianto Eurex di Saluggia: il sito contiene circa 270 metri cubi di rifiuti liquidi radioattivi.

MODALITÀ D’INGRESSO

Si pensa che ZeroX possa essere penetrato nei sistemi di Sogin attraverso il computer di un dipendente in smart working.

DATI DAL 2004 AL 2020

Stando a (In)sicurezza Digitale, gli 800 GB di dati coprirebbero un arco temporale dal 2004 all’intero 2020.

LA RISPOSTA DI SOGIN

In un comunicato piuttosto scarno, Sogin conferma di aver subito un attacco informatico e aggiunge di aver informato le autorità competenti. La società assicura che “la sicurezza sia nucleare che convenzionale degli impianti e la loro operatività è sempre stata garantita”.

L’attacco informatico, insomma, non avrebbe avuto ripercussioni sulle funzionalità del sistema informatico, sulla sicurezza e nemmeno sulle attività.

COSA FA SOGIN

Sogin sta per Società Gestione Impianti Nucleari e, come ricordato, è la società pubblica che si occupa della dismissione degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti radioattivi. È nata nel 1999 ed è guidata da Luigi Perri (presidente) e da Emanuele Fontani (amministratore delegato).

Quasi un anno fa Sogin ha pubblicato una mappa (la CNAPI) di luoghi potenzialmente idonei a ospitare il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi, dove concentrare le scorie che al momento sono sparse tra una ventina di siti in vari luoghi d’Italia. I luoghi selezionati da Sogin, e classificati a seconda delle migliori o peggiori caratteristiche, sono 67; molti di questi si trovano nella provincia di Viterbo.

Back To Top