Energia

I prezzi nel più grande mercato del carbonio del mondo si stanno impennando. Report Economist

di

alghe

I prezzi del carbonio in Europa, sede del più grande sistema di scambio di emissioni al mondo, hanno raggiunto il massimo storico di quasi 40 euro per tonnellata di CO2 equivalente. L’approfondimento dell’Economist

Mentre i mercati finanziari diventano più fiduciosi riguardo al ritmo delle vaccinazioni e alle possibilità di una rapida ripresa economica, i prezzi delle azioni, delle materie prime e di tutti i tipi di beni stanno aumentando. Così come i prezzi del carbonio in Europa, sede del più grande sistema di scambio di emissioni al mondo. I prezzi sono aumentati del 60% da novembre; il 12 febbraio hanno raggiunto il massimo storico di quasi 40 euro (49 dollari) per tonnellata di biossido di carbonio equivalente- scrive The Economist.

L’anno scorso il valore dei mercati globali del carbonio ha raggiunto il record di 229 miliardi di euro, un aumento di cinque volte rispetto al 2017. Il sistema di scambio delle emissioni (ETS) dell’UE rappresenta quasi nove decimi di quel valore e di quella crescita (quello della Cina è appena iniziato). Nel 2020 circa 1 miliardo di euro di permessi di emissione sono passati di mano al giorno, così come un sacco di opzioni e contratti futures. Ci sono ora chiari segni che il mercato sta entrando nel mainstream finanziario, con centinaia di società di investimento che vi operano.

Per molto tempo dopo il suo lancio nel 2005, l’ETS ha funzionato a malapena; una sovrabbondanza di quote (che danno al possessore il diritto di emettere una quantità di gas serra) ha mantenuto i prezzi vicini allo zero. Ma dopo che la Commissione europea ha assorbito i permessi in eccesso nel 2019, il mercato ha cominciato a prosperare.

È un mercato strano. La Commissione mette all’asta i permessi quasi ogni giorno e limita l’offerta complessiva di permessi in base agli obiettivi di emissione politicamente determinati dell’UE. La domanda, nel frattempo, proviene da tre tipi di partecipanti. Le compagnie elettriche e di riscaldamento, come la tedesca RWE e la francese Engie, sono le più desiderose. Comprano quote per coprire le emissioni dei progetti attuali o per proteggersi da futuri aumenti di prezzo. Seguono le imprese industriali, come ArcelorMittal, un produttore di acciaio. La maggior parte di queste ricevono permessi gratuiti, in modo che l’ETS non incoraggi i produttori a trasferirsi all’estero.

La terza, e crescente, fonte di domanda sono le imprese finanziarie, tra cui le banche, come Goldman Sachs e Morgan Stanley, e gli hedge fund, come Lansdowne Partners e Northlander Advisors. Questi non sono obbligati a detenere quote; sperano invece di trarre profitto, sia commerciando per conto dei servizi pubblici che speculando sui mercati dei futures o delle opzioni.

La recente impennata dei prezzi riflette sia la domanda che l’offerta. Il passaggio a una nuova piattaforma ha ritardato alcune aste a gennaio, il che significa che sono state vendute meno quote. E l’11 dicembre i leader dell’UE hanno deciso di accelerare i tagli alle emissioni, riducendole del 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, piuttosto che del 40%. Questo significava un tetto di emissioni più basso, quindi alla fine meno permessi e un prezzo più alto.

L’aspettativa di prezzi del carbonio più alti può aver spinto le aziende industriali a iniziare a coprire le loro emissioni all’inizio di quest’anno. Questo ha aumentato la domanda di permessi, così come il tempo insolitamente freddo, che ha aumentato la domanda di riscaldamento (l’ETS non copre le caldaie nelle case, ma include quelle grandi, come quelle che riscaldano molti edifici). Gli speculatori possono aver accelerato l’aumento dei prezzi, facendo salire i prezzi dei futures. Circa 230 fondi d’investimento detengono futures legati alle quote, contro i 140 del 2019. Rappresentano solo il 5% circa del mercato dei futures, ma è una quota crescente e rialzista. Le posizioni lunghe, o le scommesse che il prezzo salirà, sono raddoppiate da novembre.

Una ragione per l’entusiasmo degli investitori è che il carbonio sembra una scommessa a senso unico. Molti analisti si aspettano che l’obiettivo del 55% dell’UE richiederà un calo del numero di quote e un aumento dei prezzi, forse verso gli 80 euro a tonnellata. Questa potrebbe essere una buona notizia per gli investitori. Quando nel 2018 è diventato chiaro che la commissione sarebbe intervenuta per limitare l’offerta, le quote sono diventate la commodity con la migliore performance dell’anno.

Comprare e tenere non è l’unica strategia. Casey Dwyer di Andurand Capital nota che i prezzi del carbonio sono in gran parte non correlati con quelli di altre attività, quindi alcuni investitori li tengono per diversificare i loro portafogli. Potrebbero anche essere usati per proteggersi dall’inflazione: un prezzo del carbonio più alto è generalmente accompagnato da prezzi al consumo più alti.

La presenza di società finanziarie ha cambiato il funzionamento del mercato. Federico Di Credico della ACT Financial Solutions, specializzata in mercati verdi, dice che le dinamiche prima ruotavano principalmente intorno alle riunioni della commissione. Ora anche gli indicatori economici, come i nuovi dati del PIL, giocano un ruolo. Alcuni analisti sostengono che la speculazione causa volatilità; altri dicono che il risultato è una maggiore liquidità.

La maggior parte, però, si aspetta che i flussi finanziari crescano.

“Una volta che gli investitori iniziano a vederlo come un commercio ESG [che tiene conto dei fattori ambientali, sociali e di governance], i fondi assegneranno più denaro ai mercati del carbonio”, prevede Ulf Ek di Northlander Advisors. E a differenza di molte forme di investimento ESG, il prezzo del carbonio in Europa, dove è applicato pienamente, sembra beneficiare direttamente l’ambiente. Le emissioni dei servizi pubblici sono diminuite di circa la metà dal lancio dell’ETS. Al contrario, il settore industriale, che è ammortizzato dalle quote gratuite, ha visto pochi miglioramenti.

Quale sarà il prossimo passo dell’ETS? Alcuni elementi, incluso il tetto complessivo, saranno rivisti a giugno. E la commissione ha un’espansione nel suo mirino. Un’idea è quella di collegare l’ETS ad altre regioni attraverso una tassa di confine sul carbonio. In teoria, questo proteggerebbe l’industria europea dai concorrenti d’oltremare ad alta intensità di carbonio. E potrebbe collegare l’ETS ad altri mercati, come l’ETS della Gran Bretagna, che sarà lanciato a breve, e il sistema cap-and-trade della California.  Pochi pensano che l’obiettivo della commissione per una tassa di confine entro il 2023 sia realistico.

Più probabile è l’espansione all’interno dell’Europa. Lo schema copre solo il 45% delle emissioni del continente. Il trasporto marittimo dovrebbe aderire nei prossimi anni. Il trasporto su strada e gli edifici potrebbero avere mercati separati. Se fatta bene, questa espansione dovrebbe attrarre più capitale e forse portare a prezzi più alti. Ma come mostrano i primi anni del mercato, molto dipende dall’implementazione.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

Articoli correlati