Energia

Ci sarà un nuovo boom delle materie prime? L’analisi del Guardian

di

materie prime

I prezzi delle materie prime hanno raggiunto livelli record, e si prevede che saliranno ancora. L’approfondimento del Guardian

L’economia globale potrebbe essere sull’orlo di un nuovo “superciclo” delle materie prime, mentre i governi si preparano a utilizzare una rivoluzione industriale verde per rilanciare la crescita dopo la pandemia di coronavirus.

I prezzi delle materie prime, come l’energia e i metalli, hanno raggiunto livelli record nelle ultime settimane, nonostante la diffusione di Covid-19, e si prevede che saliranno ulteriormente con l’avvio di piani di ripresa economica verde – scrive The Guardian.

Gli esperti di mercato, tra cui la banca statunitense Goldman Sachs, ritengono che il boom potrebbe fare eco all’ultimo “superciclo” dei primi anni 2000, guidato dalla forte crescita delle economie emergenti del BRIC (Brasile, Russia, India e Cina).

“Covid sta già inaugurando una nuova era di politiche mirate al bisogno sociale invece che alla stabilità finanziaria”, ha detto la banca statunitense. “Ciò creerà probabilmente una crescita economica ciclicamente più forte e ad alta intensità di materie prime”.

Chris Midgeley, responsabile dell’analisi di S&P Global Platts, ha affermato che “un’insolita confluenza di eventi globali ha dato il via a un’impennata dei mercati delle materie prime negli ultimi mesi, ma il trend è stato trainato in gran parte dalla crescita in Cina.

Il prezzo del minerale di ferro è salito a 176,90 dollari a tonnellata poco prima di Natale, il più alto dal maggio 2011, e il prezzo di mercato del rame ha superato gli 8.000 dollari a tonnellata per la prima volta in oltre sette anni. Il prezzo globale del petrolio è salito a 11 mesi a 55 dollari al barile con l’aiuto del cartello petrolifero Opec.

“I cantieri sono alcune delle poche aree dell’economia che sono rimaste aperte, e in posti come la Cina il governo ha cercato di stimolare quella parte dell’economia”, ha detto Midgeley.

I piani di stimolo fiscale delineati dai paesi – tra cui il Regno Unito e la nuova amministrazione Biden negli Stati Uniti – sono suscettibili di aumentare la domanda di metalli e di energia per la costruzione di infrastrutture verdi.
“Cose come il rame, il nichel e il cobalto sono tutti elementi che probabilmente vedranno una spinta dalla domanda extra per la costruzione di infrastrutture”. Anche l’acciaio e i prodotti petrolchimici saranno necessari”, ha detto Midgeley.

Un dollaro USA più debole, la valuta usata per il commercio della maggior parte delle materie prime, potrebbe permettere ai prezzi di salire più in alto con la crescita della domanda.

Mark Lewis, principale stratega della sostenibilità di BNP Paribas Asset Management, ha detto: “Sono sui mercati finanziari da 30 anni ormai e non ho mai visto niente di simile. Sembra che ogni mercato che si guarda, gli investitori vogliono comprare”.

I prossimi tre decenni sono “suscettibili di portare un superciclo di investimenti in infrastrutture per l’energia pulita, trasporti puliti e tutto ciò che è necessario per rendere possibile la transizione verde”, ha detto.

L’aumento dei prezzi dei combustibili fossili potrebbe aumentare l’appetito per l’energia rinnovabile a basso costo, che sarà ancora più economica al confronto con l’aumento dei prezzi, ha aggiunto Lewis.

L’energia a basse emissioni di carbonio sarà ancora più interessante dal punto di vista economico per i principali utenti di energia in Europa grazie ai prezzi record dei permessi di emissione di carbonio sul sistema di scambio delle emissioni dell’UE, che ha raggiunto 34,25 euro a tonnellata di CO2 per la prima volta la scorsa settimana.

Tuttavia, l’aumento dei prezzi dei combustibili fossili potrebbe anche indurre le principali compagnie petrolifere e del gas a investire in nuovi progetti redditizi, gonfiando i profitti dei portafogli esistenti in “un gran finale” per i combustibili fossili, ha avvertito.

“Questo è il dilemma per queste aziende”, ha detto Lewis. “Ogni azienda sarà interessata a massimizzare i rendimenti del suo attuale portafoglio [di combustibili fossili]. Ma noi osserveremo molto attentamente se inizieranno ad investire in nuovi grandi progetti”. Sarà una prova molto interessante del loro impegno”.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati