skip to Main Content

Il rimbalzo del petrolio durerà? Report Economist

Petrolio

Cosa succede nel mondo dell’energia tra prezzi alti del petrolio e spinta alla decarbonizzazione. L’articolo dell’Economist

Gli appelli al business del petrolio per decarbonizzare stanno diventando sempre più forti ovunque, e non solo dai governi e dagli ambientalisti. L’agenzia di rating Moody’s calcola che la metà degli 1,8 trilioni di dollari del debito globale dell’industria energetica è detenuto da gestori patrimoniali e assicuratori che affrontano una crescente pressione sui fronti ambientale, sociale e di governance (ESG), in particolare il clima. Un sondaggio annuale di 250 grandi investitori istituzionali pubblicato il 6 gennaio dal Boston Consulting Group (BCG) ha scoperto che più di quattro su cinque pensano che sia importante per le imprese stabilire obiettivi di riduzione delle emissioni a lungo termine. Quasi altrettanti “sentono una maggiore pressione” per applicare filtri verdi agli investimenti – scrive The Economist.

Allo stesso tempo, l’Agenzia Internazionale dell’Energia si aspetta che il consumo mondiale di petrolio ritorni al suo livello pre-pandemico di 100 milioni di barili al giorno (b/d) nel 2022. Anche se non aumentasse più dell’1% all’anno dopo, il tasso naturale di esaurimento delle riserve significa che nei prossimi cinque anni dovranno essere aggiunti 12-17 milioni di barili al giorno di nuova fornitura per soddisfare la domanda, secondo Alastair Syme della banca Citigroup. Gli investitori lo riconoscono. Quando le economie si sono riaperte l’anno scorso dopo le peggiori devastazioni della pandemia e il prezzo del petrolio si è ripreso – questa settimana sta flirtando con un massimo di sette anni di 85 dollari al barile – l’energia è diventata il settore più performante dell’indice S&P 500, davanti alla tecnologia e alla finanza. Ha lasciato le scelte azionarie ecologiche nella polvere.

Questa tensione era visibile il mese scorso al World Petroleum Congress di Houston, un appuntamento triennale degli idrocarburi a cui hanno partecipato più di 1.000 ministri dell’energia, capi del petrolio e altri luminari del settore. Il sindaco di Houston, Sylvester Turner, ha dato il via ai lavori dichiarando che “come capitale mondiale dell’energia, abbiamo l’obbligo morale di ridurre le emissioni di carbonio”. Poco dopo Amin Nasser, amministratore delegato di Saudi Aramco, il colosso mondiale del petrolio, ha messo in guardia contro l’inflazione e il caos sociale se i paesi non accettano che “il petrolio e il gas avranno un ruolo essenziale durante la transizione”. Tra una visita e l’altra agli stand in cui le aziende petrolifere, da Aramco a ExxonMobil, una supermaggioranza americana, facevano a gara per apparire meno inquinanti dei rivali, i partecipanti potevano essere ascoltati mentre si torcevano le mani sul calo della spesa di capitale per l’esplorazione e la produzione, che è diminuita da circa 500 miliardi di dollari a livello globale nel 2019 a 350 miliardi di dollari nel 2020. Daniel Yergin, un saggio dell’energia premiato con il Pulitzer presso la società di consulenza IHS Markit, ha avvertito che un “sottoinvestimento preventivo” rischia di danneggiare l’economia mondiale.

Non di comune accordo

Ascoltate attentamente, però, e la cacofonia rivela il mix di strategie che il grande petrolio sta perseguendo mentre guarda al prossimo decennio e oltre. Gli europei puntano sempre di più sul verde. I giganti controllati dallo stato come Aramco stanno prendendo tempo. E gli americani sono impegnati in un delicato atto di bilanciamento da qualche parte nel mezzo.

L’approccio delle imprese europee rappresenta la rottura più netta con il passato. Stanno cedendo molte attività petrolifere, specialmente le più sporche, e le stanno sostituendo con scommesse sulla generazione di energia verde. A dicembre Shell, un gigante britannico, ha completato una vendita da 9,5 miliardi di dollari di campi di scisto nel ricco bacino del Permiano. La britannica BP e la francese TotalEnergies hanno venduto, rispettivamente, circa 3 miliardi di dollari e 2,3 miliardi di dollari in attività dall’ottobre 2020.

Bernard Looney, il capo della BP, ha difeso lo spostamento della sua azienda insistendo sul fatto che “questa non è carità, non è altruismo”. Forse. Ma non è nemmeno un buon affare come pompare petrolio. IHS Markit stima che gli investimenti globali in petrolio e gas hanno generato un ritorno operativo annuale mediano sul capitale dell’8,3% dal 2010, rispetto al 5% delle rinnovabili. Inoltre, l’energia verde è un territorio poco familiare per le compagnie petrolifere, dove devono affrontare la dura concorrenza di operatori storici come Orsted e Vestas, due giganti europei delle rinnovabili. Un analista la chiama la strategia del “basso ritorno, basso rimpianto”.

Al contrario, l’approccio dei giganti petroliferi nazionali potrebbe essere riassunto come “alti rendimenti, nessun rimpianto”. I colossi del Golfo Persico, guidati da Aramco, hanno le più grandi riserve di petrolio convenzionale e i costi più bassi. In un ironico scherzo della geologia, le riserve di petrolio dell’Arabia Saudita sono anche tra le meno costose da sviluppare. Largamente impermeabili alla pressione degli azionisti e degli ambientalisti, la loro quota di investimenti petroliferi globali è aumentata da circa un terzo nei primi anni 2000 a più della metà. Secondo Bob Brackett di Bernstein, una società di investimenti, il dilemma per i colossi controllati dallo stato è come mantenere alti i prezzi del petrolio senza soffocare la domanda.

Le compagnie petrolifere americane non possono permettersi di essere pazienti come i petro-stati del Golfo. Rifiutano anche la ritirata europea dal greggio. La loro strategia prevede di assorbire una parte delle emissioni dell’industria. Ma il suo fulcro è cercare di diventare sempre più efficienti nel pompare il petrolio, resistendo all’impulso di spendere in nuove capacità ogni volta che i prezzi del petrolio aumentano.

La spinta alla decarbonizzazione delle imprese americane è diversa da quella europea in due modi. Stanno incanalando molto meno della loro futura spesa di capitale verso progetti a bassa emissione di carbonio rispetto alle controparti d’oltreoceano. E la parte del leone non sta andando in imprese che sostituiscono gli idrocarburi, ma per limitare o compensare l’impatto climatico delle aziende.

La maggior parte delle grandi compagnie petrolifere americane hanno piani per limitare le perdite di metano, un potente gas serra, dai loro gasdotti e produrre idrogeno, un promettente carburante pulito, dal gas naturale. La ExxonMobil è a capo di un consorzio di cattura e stoccaggio del carbonio da 100 miliardi di dollari. Gli analisti osservano che le locazioni in acque poco profonde nel Golfo del Messico che l’azienda ha recentemente acquisito non si adattano alla sua strategia petrolifera, ma sono adatte allo stoccaggio di anidride carbonica. Ancora più ambizioso, Occidental Petroleum sta approntando il più grande impianto di “cattura diretta dell’aria” del mondo per succhiare l’anidride carbonica dall’aria, la cui costruzione inizierà più tardi quest’anno nel Permiano. “Non si discute più… il cambiamento climatico è reale e dobbiamo affrontarlo”, insiste Vicki Hollub, il capo di Occidental.

Col tempo, questi progetti potrebbero avere un ruolo nel ripulire il disastro climatico che l’industria petrolifera ha contribuito a creare. Per ora rimangono uno spettacolo secondario e, nelle candide parole di un boss del petrolio americano, “forniscono una copertura” agli investitori che devono genuflettersi agli attivisti ESG. Infatti, sia gli azionisti che i manager delle compagnie petrolifere americane hanno un chiaro obiettivo primario: mungere gli alti prezzi del petrolio senza soccombere a una indisciplina del capitale che spesso è seguita a periodi di greggio costoso.

Da nessuna parte questo è più chiaro che tra i produttori di scisto del paese. S&P Global Platts, una società di ricerca, indica grandi miglioramenti nella produttività e nell’efficienza nella zona dello scisto americano, che contiene alcune delle riserve di idrocarburi più economiche del mondo. Il tempo richiesto per mettere in funzione nuovi progetti si è ridotto drasticamente negli ultimi anni. Anche i costi sono diminuiti. Molti produttori di scisto ora generano denaro quando il petrolio viene scambiato a 40 dollari al barile, rispetto al prezzo di “pareggio” di 80 dollari al barile di dieci anni fa.

Fare frackin’ alla grande

Le imprese di scisto hanno fatto più soldi l’anno scorso con il petrolio a 70 dollari al barile di quando i prezzi hanno superato i 100 dollari nel 2014. Avendo bruciato 150 miliardi di dollari in contanti dal 2010 al 2020, genereranno un flusso di cassa cumulativo di quasi 200 miliardi di dollari tra il 2010 e il 2025, secondo IHS Markit. Devon Energy, un grande operatore di scisto, è riuscito a tagliare le sue spese operative nel Permiano di quasi un terzo dal 2018. Questo, più circa 600 milioni di dollari di risparmi annuali da una fusione con WPX, un rivale, ha spinto il suo punto di pareggio fino a 30 dollari al barile, si vanta il suo amministratore delegato, Rick Muncrief.

Muncrief attribuisce la scintillante performance borsistica della sua azienda l’anno scorso – quando i rendimenti degli azionisti si sono avvicinati al 200% – in parte al suo uso pionieristico dei dividendi variabili, che promettono agli investitori sia un payout fisso tradizionale che una parte del flusso di cassa libero quando i prezzi del petrolio aumentano. Scott Sheffield, il collega di Muncrief alla Pioneer Natural Resources, una società rivale, aggiunge che la mentalità di crescita a tutti i costi che ha portato a diversi crolli dello scisto in passato è stata sostituita da “un nuovo contratto per gli investitori”. Questo mette il ritorno di denaro agli azionisti davanti all’espansione alimentata dal debito. Moody’s calcola che il rapporto tra debito e profitto operativo lordo dei produttori di scisto scenderà a 1,8 quest’anno, dal 4,4 del 2020.

Tutto questo potrebbe crollare. Il prezzo del petrolio potrebbe crollare. O le compagnie potrebbero tornare ai loro modi indisciplinati. In un rapporto pubblicato l’11 gennaio l’Energy Information Administration americana ha previsto che la produzione di scisto raggiungerà un nuovo record nel 2023.

Per ora, però, la strategia americana sembra funzionare, che sia o no un bene per il clima. All’inizio dell’anno, le azioni delle compagnie petrolifere americane erano scambiate con un premio di valutazione del 69% rispetto a quelle dei loro pari europei, secondo Bernstein. Le compagnie che si concentrano sulla ricerca del petrolio e sul suo pompaggio dalla terra hanno fatto particolarmente bene. Un indice di queste aziende “upstream” compilato da Bloomberg, un fornitore di dati, è salito dell’86% l’anno scorso, il più grande guadagno annuale dalla sua creazione nel 1995 e superando di gran lunga l’aumento del 55% del prezzo del petrolio. Questo implica che l’impennata dei prezzi delle azioni non riflette un guadagno temporaneo. Con tutti i loro discorsi sulle basse emissioni di carbonio, in altre parole, gli investitori non stanno rinunciando al petrolio – e i boss americani del petrolio lo sanno.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore