skip to Main Content

Chi si allea in Francia per l’idrogeno verde

Francia Idrogeno

TotalEnergies, AirLiquide e Vinci hanno lanciato un fondo per l’idrogeno pulito in Francia. Ecco numeri, ambizioni e contesto

Le società francesi TotalEnergies (energia), AirLiquide (gas industriali) e Vinci (ingegneria) hanno annunciato oggi il lancio di un fondo dedicato alle infrastrutture per l’idrogeno pulito.

IL VALORE DEL FONDO

Il fondo è stato descritto come il più grande al mondo tra quelli dedicato a questo combustibile: punta a raggiungere una dotazione di 1,5 miliardi di euro, e ne possiede già 800 milioni.

IL COMMENTO DI TOTALENERGIES

Patrick Pouyanné, amministratore delegato di TotalEnergies (già Total: la società ha cambiato nome per enfatizzare la sua transizione alle nuove energie pulite), ha dichiarato che l’idrogeno rinnovabile “svolgerà un ruolo chiave nella transizione energetica, e TotalEnergies vuole essere una pioniera nella sua produzione di massa”.

L’IDROGENO VERDE, BLU E GRIGIO

L’idrogeno verde è quello ottenuto tramite il processo di elettrolisi dell’acqua, utilizzando l’elettricità generata da fonti rinnovabili come l’eolico e il solare. Esistono poi l’idrogeno “grigio”, cioè ottenuto attraverso la combustione di fonti fossili e quindi inquinante, e l’idrogeno “blu”, ricavato dal gas naturale ma catturando e stoccando le emissioni di CO2 attraverso apposite tecnologie.

IL RUOLO DELL’IDROGENO NELLA TRANSIZIONE ENERGETICA

L’idrogeno, nelle sue colorazioni blu e verde, è considerato un combustibile molto utile ai fini della transizione energetica, in quanto non emette CO2: potrà essere impiegato sia per la decarbonizzazione di quelle industrie e quei trasporti difficilmente elettrificabili; sia per lo stoccaggio energetico, andando a compensare l’intermittenza dell’eolico e del solare, che non sono costanti nell’output ma dipendenti dal meteo.

I COSTI

L’ostacolo principale all’utilizzo dell’idrogeno sta nei costi alti, specialmente per quanto riguarda la varietà verde da elettrolisi. Produrre un chilo di idrogeno verde costa infatti tra i 4 e gli 8 dollari. Di contro, un chilo di idrogeno blu costa circa 3,5 dollari, mentre l’idrogeno grigio è ancora più economico: 1,5 dollari al chilo.

COSA FARÀ TOTAL

Pouyanné ha detto che TotalEnergies sta lavorando alla decarbonizzazione dell’idrogeno grigio utilizzato nelle sue raffinerie europee: il processo verrà completato entro il 2030. Il dirigente ha detto di pensare che sia “necessario uno sforzo collettivo per avviare il settore dell’idrogeno e portarlo alla scala”. In Francia, scrive Le Monde, lo stato ha stanziato 7 miliardi di euro entro il 2030 per lo sviluppo dell’idrogeno pulito.

Tra le compagnie storicamente concentrate sul petrolio, come TotalEnergies, che hanno aumentato l’attenzione e gli investimenti sull’idrogeno c’è anche Eni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore