Energia

Città e internet delle cose, ecco i cassonetti smart

di

L’ultima forntiera dell’internet delle cose, trasformare i cassonetti della spazzatura in hotspot wi-fi. E’ questa l’idea della società americana BigBelly che ha avvitato le trattative con la città per l’attivazione del nuovo servizo.

Cassonetti della spazzatura puzzolenti addio. L’internet delle cose è ormai una realtà e negli Stati Uniti già sperimentano nuove applicazioni nel tessuto urbano. Una di queste è l’idea dell’azienda del Massachussets BigBelly, trasformare i cestini della spazzatura in hotspot wi-fi capaci di fornire il segnale ad aree scoperte. L’azienda avrebbe già avviato le trattative con la municipalità di New York per installare i nuovi bidoni intelligenti. Posizionati sul livello dello strada, il segnale wi-fi dei cassonetti non interferirebbe con quello emesso dai grattacieli, garantendo così un servizio stabile.

I bidoni della spazzatura di hotspot BigBelly potranno fornire una velocità di connessione dai 50 a 75 megabit al secondo, una velocità sufficiente a supportare le esigenze di una piccola azienda. I bidoni in realtà sono più che semplici hotspot wi-fi: saranno strumenti intelligenti capaci, oltre ad essere a visualizzare annunci digitali, di comunicare quanto la capacità è ormai satura e quando la spazzatura inizierà a puzzare, il tutto rigorosamente alimentato ad energia solare. L’intenzione di BigBelly è infatti quella di fornire gratuitamente il proprio servizio, per sostenere il business sarà quindi necessario però la società aprirsi alla pubblicità. BigBenny si riserva comunque il tempo per proseguire i propri test, al fine di rendere efficiente l’internet delle cose applicato ai bidoni già da questo autunno.

Big Belly

Non è la prima volta che si tenta di applicare l’internet delle cose agli arredi urbani. Un progetto simile a quello studiato BigBelly era stato introdotto a Londra ma era stato criticato per eventuali ricadute sulla privacy. Altre aziende, tra cui anche italiane, hanno pensato di integrare servizi di hotspot, di ricarica, di analisi ambientale anche a elementi urbani come panchine o mattonelle. Quello dell’internet of things è un mercato generalmente in ascesa: in Italia è stato stimato in 1,55 miliardi di euro complessivi nel 2014, passando da interesse di nicchia per le aziende a concreta opportunità di business con la prospettiva di una crescita dirompente nei prossimi anni, a maggior ragione se troverà un traduzione anche all’interno delle nostre città.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati