skip to Main Content

Bando Non Metanizzati

Come procede il bando “non metanizzati” in Basilicata

L'assessore Latronico ha aperto il confronto "con tutti i soggetti interessati all’attuazione del bando cosiddetto 'non metanizzati'" per risolvere le criticità.

Al 16 febbraio 2023 sono state 1966 le istanze presentate per prenotare i contributi dell’Avviso Pubblico “Contributi a fondo perduto per l’installazione di impianti da fonti rinnovabili a servizio delle unità abitative non allacciate alla rete metano ricadenti nel territorio lucano” per un importo complessivo di 11.801.251,70 euro, dei quali 2.592.048,20 euro in provincia di Matera e 9.030.253,50 euro in provincia di Potenza.

Una proiezione – a due mesi dall’apertura dello sportello – che, se confermata, indica come le risorse disponibili saranno del tutto prenotate ancora prima della scadenza del bando, prevista per il 31 dicembre.

Sono questi i dati più significativi presentati nell’incontro, convocato dall’assessore regionale all’Ambiente ed Energia Cosimo Latronico, con gli operatori economici, le associazioni, le organizzazioni di categoria e i sindaci per valutare l’andamento dell’Avviso.

BANDO NON METANIZZATI, LATRONICO: APRIAMO CONFRONTO

“Apriamo oggi il confronto con tutti i soggetti interessati all’attuazione del bando cosiddetto ‘non metanizzati’ – ha detto l’assessore Latronico – per comprendere quali sono gli eventuali elementi di criticità e mettere in campo nuove strategie condivise. Abbiamo fatto investimenti significativi, circa 90 milioni di euro per i prossimi anni, con un bando che dà aiuti concreti alle famiglie lucane non servite dal gas metano”.

“Valuteremo attentamente le osservazioni e le richieste che ci giungeranno dagli stakeholder. Questo avviso, di pari passo con il ‘bonus gas’, ci aiuterà”, ha concluso, “a costruire un’azione di sistema verso la transizione ecologica con risultati importati per le famiglie e l’ambiente”.

I DATI STATISTICI

Back To Top