skip to Main Content

Australia

Tutti i piani di Australia e Corea per sfidare la Cina sui metalli

La Cina potrebbe utilizzare il suo dominio sulle filiere di litio, cobalto e terre rare come un'arma geopolitica. Ci penserà l'Australia a salvarci dalle ritorsioni di Pechino? Ecco cosa dice l'analisi dell'Economist.

Come il petrolio è stato utilizzato come arma dai suoi fornitori negli anni ’70, così il dominio della Cina nella fornitura e nella lavorazione dei minerali critici potrebbe rivelarsi minaccioso. Il cobalto, la grafite, il litio, il nichel, le terre rare e altri ancora sono definiti critici per una buona ragione. Sono fondamentali per la difesa, gli smartphone e altre tecnologie digitali. Alcuni sono essenziali per le turbine eoliche, le batterie e i veicoli elettrici. Un futuro di energia pulita è inconcepibile senza di loro.

La Cina detiene un quasi monopolio su molti di questi minerali. Fornisce quasi il 90% degli elementi di terre rare lavorati. È di gran lunga il maggior produttore di litio. Nella regione dell’Indo-Pacifico, questa situazione sta spingendo Australia, Giappone, Corea del Sud e altri paesi a cercare di diversificarsi dalla Cina, definendo così una nuova geopolitica basata sulle risorse – scrive The Economist.

COME CAMBIANO LE FILIERE

I piani per le nuove catene di approvvigionamento di minerali critici vengono elaborati in forum multilaterali come il gruppo Quad di America, Australia, India e Giappone. Paesi ricchi di risorse come l’Australia e l’Indonesia (con una grande quantità di nichel e progetti per un’industria delle batterie) mirano a trarre profitto da una bonanza di minerali. Secondo il National Bureau of Asian Research, un think tank di Seattle, gran parte delle strategie si concentrano su tre aspetti: “friend-shoring“, spostamento della gestione della catena di approvvigionamento da “just in time” a “just in case” e garanzia di capacità di riserva nella lavorazione dei minerali.

Le iniziative legate ai minerali stanno arrivando in massa. Secondo il ministro australiano delle Risorse, Madeleine King, il dominio della Cina rappresenta una “sfida strategica”. Il 20 giugno il suo governo ha presentato una strategia per i minerali critici per affrontarla. L’Australia è il maggior produttore di litio, il terzo di cobalto e il quarto di terre rare, eppure è un minuscolo produttore di materie prime. L’obiettivo è quello di diventare, entro il 2030, un produttore “globalmente significativo” di minerali critici lavorati. L’Australia può “fare la sua parte per assicurarsi di costruire catene di approvvigionamento sicure”, ha dichiarato la signora King.

LA STRATEGIA DELL’AUSTRALIA PER I METALLI CRITICI

A tal fine, l’Australia sta impegnando 500 milioni di dollari australiani (343 milioni di dollari) in progetti nell’ambito della sua nuova strategia. Questo si aggiunge a un fondo esistente di 2 miliardi di dollari australiani per far decollare i progetti di minerali critici in fase iniziale, tra cui una raffineria di terre rare. Quest’anno il governo australiano ha bloccato una società cinese dall’aumentare la sua partecipazione in un’azienda di terre rare per motivi di sicurezza nazionale.

In quanto partner di libero scambio dell’America, l’Australia spera di poter beneficiare dei sussidi verdi previsti dall’Inflation Reduction Act del presidente Joe Biden. In aprile una delegazione di produttori australiani ha visitato Tokyo, sperando che gli investimenti giapponesi e i contratti di acquisto a lungo termine facciano per l’industria australiana dei minerali critici quello che hanno fatto per i settori del minerale di ferro e del gas, ora preminenti. L’anno scorso il Giappone ha inserito i minerali critici tra gli 11 settori strategici che meritano il sostegno del governo. A marzo, il Giappone e l’America hanno concordato di cooperare sulle catene di approvvigionamento dei minerali, anche per contrastare gli attori “non di mercato” (cioè la Cina).

IL RUOLO DELLA COREA DEL SUD

La Corea del Sud, con ambizioni globali nel settore dei veicoli elettrici e delle batterie, sembra particolarmente vulnerabile alla concorrenza tra America e Cina su questo tema (e su altri). Nell’ambito dell’impegno del Presidente Yoon Suk-yeol per “misure globali di sicurezza delle risorse”, il suo governo ha pubblicato all’inizio dell’anno un piano per garantire le forniture di minerali critici. L’obiettivo è ridurre la dipendenza del Paese dalle importazioni dalla Cina dall’80% al 50% entro il 2030 e aumentare l’uso di minerali riciclati dal 2% al 20% del totale. La Corea del Sud ha stretto partnership con paesi come l’Australia, l’Indonesia e il Kazakistan, oltre che con l’UE. Ha aderito a un Partenariato per la sicurezza dei minerali a guida americana e multipaese, annunciato lo scorso anno.

ANCHE INDIA E TAIWAN VOGLIONO CONTARE DI PIÙ

Anche Taiwan e l’India stanno cercando di adottare nuove strategie per i minerali critici. In quasi tutti i casi, la sfida è rappresentata dal blocco della Cina sulla lavorazione, che è costosa, complessa e potenzialmente pericolosa per l’ambiente. Per trasformare un minerale di terre rare nel prodotto finale sono necessarie decine di fasi metallurgiche. Solo piccole quantità di minerali critici possono essere estratte da grandi quantità di minerale. Decenni fa, la Cina ha posto la lavorazione al centro dei suoi piani industriali, utilizzando massicci sussidi e standard ambientali poco rigorosi. Il suo dominio riflette questa strategia decennale.

In linea di massima, ai suoi clienti non è dispiaciuto che la Cina abbia usato il suo monopolio di lavorazione per abbassare i prezzi e scoraggiare i concorrenti globali. Tuttavia, i rischi del dominio cinese sono aumentati. Per il Giappone questo è diventato evidente nel 2010, quando la Cina ha sospeso le esportazioni di terre rare verso il paese come rappresaglia per una disputa su alcune isolette contese. L’anno scorso ha minacciato di trattenere minerali critici da due appaltatori americani della difesa, Lockheed Martin e Raytheon Technologies, per protestare contro la vendita di armi a Taiwan.

La pandemia ha fatto sì che altri si svegliassero sui pericoli di un processore monopolista, sottolineando la vulnerabilità delle catene di approvvigionamento in generale. L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha ulteriormente evidenziato i rischi di fare affari con un potenziale nemico. Bloccando le forniture di gas ai clienti europei, la Russia ha cercato di armare un bene cruciale. (È anche un esportatore chiave di nichel e palladio).

LA DIVERSIFICAZIONE È DIFFICILE

Tuttavia, un caso di studio dimostra quanto possa essere difficile creare forniture alternative di minerali. Dopo lo scontro con la Cina nel 2010, il governo giapponese ha incoraggiato una società commerciale giapponese, Sojitz, a firmare contratti di acquisto con un produttore australiano, Lynas Rare Earths, sostenendolo con prestiti a basso costo. La Cina si è opposta inondando il mercato per sopprimere i prezzi delle terre rare. In Malesia è cresciuta l’opposizione politica a un nuovo impianto di lavorazione di Lynas, nonostante l’Agenzia Internazionale per l’Energia gli abbia dato il via libera. Un gruppo di propaganda cinese sostenuto dal Partito Comunista aveva diffuso disinformazione sul progetto. Lynas sopravvive grazie ai prestiti a basso costo concessi dal Giappone, che di recente le ha anticipato altri 200 milioni di dollari australiani (S136 milioni di euro) in investimenti.

Alla luce di questi ostacoli e dei costi elevati di una lavorazione sicura dal punto di vista ambientale, qualsiasi nuova capacità richiederà un sostegno a lungo termine, sostiene la signora King. Le piccole società minerarie di terre rare non possono permettersi le ferrovie e le altre infrastrutture di supporto gestite dalle gigantesche società australiane di estrazione del minerale di ferro. L’amministratore delegato di Lynas, Amanda Lacaze, chiede una “pianificazione industriale diretta” per rivaleggiare con i 30 anni di pianificazione strategica della Cina sui minerali critici. Anche la cooperazione tra i Paesi che la pensano allo stesso modo sarà fondamentale, sostiene John Coyne dell’Australian Strategic Policy Institute di Canberra. Il “dialogo di Darwin” del suo istituto mira a migliorare il coordinamento tra America, Australia e Giappone sulle terre rare.

Come potrebbero essere diverse le catene di approvvigionamento dei minerali rari? Secondo Coyne, l’obiettivo, raggiunto attraverso gli investimenti e la cooperazione, dovrebbe essere una maggiore resilienza e concorrenza e una minore dipendenza dalla Cina. C’è ancora molto da fare prima di raggiungere anche questo modesto obiettivo. La Cina ha una presa imponente e i costi di ingresso nella lavorazione sono elevati. Persino il capo di Raytheon, il più grande produttore di missili guidati al mondo, questa settimana ha dichiarato al Financial Times che porre fine alla sua dipendenza dalle forniture cinesi di minerali critici sembra “impossibile… Possiamo ridurre il rischio, ma non disaccoppiare”.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top