Advertisement skip to Main Content

Sussidi

Tutte le mosse anticinesi di Usa e Giappone sui minerali critici

Per contrastare la Cina, Stati Uniti e Giappone hanno firmato un accordo di rafforzamento delle filiere dei minerali critici per l'energia verde. Ecco cosa prevede.

In un contesto globale caratterizzato da crescenti tensioni geopolitiche e da un’intensificazione della competizione per le risorse, la decisione presa a dicembre dalla Repubblica Popolare Cinese di imporre restrizioni sulle tecnologie di lavorazione delle terre rare rappresenta un ulteriore passo nella sua strategia di lungo termine mirata al controllo dei mercati dei minerali critici. Questi elementi sono essenziali non solo per la produzione di beni ad alta tecnologia, come i dispositivi per le energie rinnovabili e i sistemi di difesa, ma sono anche centrali nelle dinamiche di potere internazionali, essendo classificati dagli Stati Uniti come “minerali critici”.

TERRE RARE E POLITICA ESTERA

Dal punto di vista storico, la Cina ha sfruttato la sua posizione dominante nel settore delle terre rare per influenzare le politiche internazionali e per esercitare pressioni economiche e politiche nei confronti di paesi dipendenti da queste risorse, come dimostrato nel 2010 durante il conflitto con il Giappone riguardante le isole Senkaku. La dipendenza del Giappone dai minerali cinesi ha spinto Tokyo a diversificare le proprie fonti di approvvigionamento, una lezione che Washington sembra non aver ancora completamente assimilato, nonostante i rischi evidenti.

LA RISPOSTA DEGLI STATI UNITI

L’aggressività crescente della Cina nell’area Indo-Pacifico e le politiche più confrontative adottate dalle amministrazioni di Trump e Biden hanno tuttavia spinto gli Stati Uniti a intraprendere azioni concrete in termini di politica mineraria. Tra queste, spiccano investimenti significativi in attività di estrazione, lavorazione, riciclo e sviluppo di materiali alternativi a livello nazionale. Nonostante queste iniziative, la sola estrazione mineraria non è sufficiente a soddisfare la domanda interna americana di minerali critici, rendendo imperativo per gli USA cercare soluzioni attraverso il “friends hiring”, ovvero l’integrazione di paesi alleati e politicamente stabili nelle catene di approvvigionamento.

GLI ACCORDI DI BIDEN

Sotto l’attuale amministrazione Biden, è stato dato un forte impulso alla stipula di accordi sia bilaterali sia multilaterali per rafforzare le alleanze commerciali in questo settore. Esempi significativi di queste nuove politiche sono l’accordo storico con il Giappone sui minerali critici e i tentativi di negoziare accordi simili con l’Indonesia e l’Unione Europea. Questi sforzi rappresentano tentativi concreti di ridurre la dipendenza dagli approvvigionamenti cinesi e di costruire catene di approvvigionamento più resilienti e sicure.

Vediamo di entrare nel dettaglio.

L’ACCORDO USA-GIAPPONE SUI MINERALI CRITICI

L’Accordo tra Giappone e Stati Uniti sul Rafforzamento delle Catene di Approvvigionamento dei Minerali Critici, firmato il 28 marzo 2023, stabilisce un impegno a rafforzare e diversificare le catene di approvvigionamento di minerali critici essenziali per l’energia pulita e le batterie dei veicoli elettrici, in particolare cobalto, grafite, litio, manganese e nichel. L’Accordo sottolinea l’importanza di promuovere il commercio equo, la protezione ambientale, i diritti dei lavoratori e l’approvvigionamento sostenibile di questi minerali. I punti chiave dell’Accordo includono:

  1. Proibizione delle restrizioni all’importazione o dei dazi all’esportazione: L’Accordo enfatizza la necessità di promuovere il trattamento nazionale, la concorrenza leale e condizioni orientate al mercato nel commercio dei minerali critici.
  2. Sostenibilità ambientale delle catene di approvvigionamento: L’Accordo pone l’accento sulla cooperazione in materia di norme internazionali per l’etichettatura e il riciclaggio dei minerali critici. Le parti si impegnano inoltre a valutare gli impatti ambientali dei progetti relativi ai minerali critici, a promuovere pratiche economiche circolari e efficienti in termini di risorse e a implementare accordi ambientali multilaterali.
  3. Diritti dei lavoratori: L’Accordo obbliga entrambe le parti a mantenere i diritti dei lavoratori e a far rispettare le leggi sul lavoro. Questo include la prevenzione del lavoro forzato o obbligatorio, del lavoro minorile e della discriminazione. Le parti collaboreranno per indagare e affrontare la violenza contro i lavoratori, proteggere i lavoratori migranti e promuovere l’uguaglianza di genere e la tutela del lavoro con congedo protetto. Inoltre, cercano di scoraggiare i beni prodotti utilizzando lavoro forzato o obbligatorio e coopereranno nell’identificazione e nella dissuasione di tali beni.
  4. Cooperazione e condivisione delle informazioni: L’Accordo incoraggia la cooperazione e la condivisione di informazioni per affrontare le violazioni dei diritti dei lavoratori nelle catene di approvvigionamento di minerali critici e promuovere la dovuta diligenza. Ogni parte stabilirà un organo nazionale consultivo o di consulenza sul lavoro per il contributo pubblico su questioni relative all’Accordo.
  5. Consultazione degli stakeholder: La consultazione degli stakeholder è riconosciuta come importante nella politica commerciale relativa alle catene di approvvigionamento di minerali critici e entrambe le parti coopereranno per garantire catene di approvvigionamento sicure, sostenibili ed eque.
  6. Eccezione per la sicurezza: L’Accordo include un’eccezione per la sicurezza che permette alle parti di proteggere i loro interessi essenziali di sicurezza. Sottolinea l’intento delle parti di implementare l’Accordo in conformità con le loro leggi e risorse.

IL FRIENDSHORING

L’espansione delle politiche di “friendshoring” è una mossa strategica che potrebbe fornire benefici tangibili grazie alla legislazione americana esistente, come la legge sulla riduzione dell’inflazione del 2022, che offre incentivi fiscali per l’uso di minerali critici di origine alternativa. Questo modello non solo serve gli interessi americani, ma potrebbe anche diventare un punto di riferimento per altre nazioni che cercano di emanciparsi dal dominio cinese nelle risorse critiche.

Back To Top