skip to Main Content

Cosa farà il governo per salvare Acciaierie d’Italia (ex Ilva)

Il decreto Aiuti bis prevede interventi a sostegno della liquidità di Acciaierie d’Italia (ex-Ilva) fino a 1 miliardo di euro. Tutti i dettagli

Il decreto Aiuti bis, approvato ieri dal governo e contenente misure di sostegno ai consumatori e alle imprese per 17 miliardi di euro, prevede una norma a favore di Acciaierie d’Italia, l’azienda siderurgica un tempo chiamata ILVA.

IL RUOLO DI INVITALIA

Invitalia, l’agenzia italiana per l’attrazione degli investimenti controllata interamente dal ministero dell’Economia e delle finanze, che possiede una quota nella società, potrà sostenere Acciaierie d’Italia con misure finanziarie dal valore complessivo massimo di 1 miliardo di euro.

La norma del decreto Aiuti bis dice infatti che Invitalia “è autorizzata a sottoscrivere aumenti di capitale o diversi strumenti, comunque idonei al rafforzamento patrimoniale, anche nella forma di finanziamento soci in conto aumento di capitale, sino all’importo complessivamente non superiore a 1.000.000.000 euro”.

Il maggiore azionista di Acciaierie d’Italia è il gruppo siderurgico lussemburghese ArcelorMittal.

LE RIUNIONI DI GIORGETTI E ORLANDO

La cifra era stata menzionata dal ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti durante un incontro con l’azienda e i sindacalisti a giugno. Proprio questa settimana Giorgetti e il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, si erano riuniti con i rappresentanti di Acciaierie d’Italia, dei sindacati, di Confindustria e delle regioni anticipando aiuti finanziari. La società è infatti in crisi di liquidità da diversi mesi che si ripercuote sulla produzione e sull’acquisto delle materie prime (il cui costo è peraltro aumentato).

Giorgetti aveva parlato di “un impegno finanziario significativo” e con garanzia statale fino a che le condizioni sul mercato delle materie prime non saranno tornate alla “relativa normalità”.

LE RICHIESTE DI MORSELLI E BERNABÉ

L’amministratrice delegata di Acciaierie d’Italia, Lucia Morselli, aveva ricondotto le difficoltà finanziarie dell’azienda al fatto che questa “ha destinato tutte le risorse e la ricchezza generata agli investimenti, che non abbiamo mai smesso di fare e che continuiamo a fare”. Di conseguenza, spiegò, “siamo limitati nell’acquisto delle materie prime e della produzione da monte a valle”.

Anche il presidente del consiglio di amministrazione di Acciaierie d’Italia, Franco Bernabé, aveva chiesto al governo di definire in fretta degli aiuti per la società.

ACCIAIERIE D’ITALIA È UN “ASSET DI INTERESSE STRATEGICO”

Come riporta Domani, il ministro Giorgetti ha giustificato l’inclusione degli aiuti ad Acciaierie d’Italia nel decreto perché l’azienda rappresenta un “asset di interesse strategico nazionale”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore