skip to Main Content

Africell, ecco come gli Stati Uniti cercano di arginare la Cina in Africa

Cina Stati Uniti

Come e perché gli Stati Uniti hanno deciso di sostenere l’operatore di telecomunicazioni Africell. L’articolo di Giuseppe Gagliano

Guerra di tlc fra Cina e Usa anche in Africa.

L’operatore di telecomunicazioni Africell, che vuole rilanciarsi nella Repubblica democratica del Congo (Rdc) e irrompere in Angola, sta ricevendo un forte sostegno dagli Stati Uniti. Questo è solo l’ultimo esempio della lotta di Washington e Pechino per l’influenza sul continente.

L’amministrazione del presidente Joe Biden sembra aver deciso di fare del gruppo delle telecomunicazioni uno dei suoi strumenti di influenza economica sul continente africano.

Questo impulso da parte dell’amministrazione statunitense arriva in un momento in cui Africell sta vivendo una rinascita. Vent’anni dopo la sua fondazione in Gambia, l’operatore vanta ora 12 milioni di utenti in tre mercati.

In Gambia è leader in quanto ha 1,6 milioni di utenti in più rispetto a Comium (gruppo presente anche in Liberia e guidato da Nizar Dalloul, fratello di Ziad), QCell e Gamcel. In Sierra Leone, secondo GSMA, è in prima posizione dietro Orange, davanti a QCell e Sierratel. Nella Repubblica Democratica del Congo è al 4° posto dietro Vodacom, Orange e Airtel.

Questa maggiore intesa con lo zio Sam, unita alla sua partenza dall’Uganda all’inizio di ottobre, dovrebbe consentirgli di prepararsi per il lancio di dicembre in Angola, il quarto paese operativo.

Inizialmente con sede a Beirut, Africell ha – fino ad ora – ha avuto la reputazione di operatore esclusivo, presente principalmente nelle aree urbane, e di avere relazioni politiche ambigue – in particolare, con Lambert Mendé, ex ministro delle telecomunicazioni della Rdc durante gli anni di Kabila .

Ora, i suoi manager sono determinati a presentarla come un’azienda statunitense. Siamo “basati sull’isola britannica di Jersey, con una sede operativa a Londra e il nostro capitale è posseduto al 95% da cittadini statunitensi”, afferma un portavoce di Africell.

È ormai risaputo che sta riequilibrando le relazioni del Paese a favore degli Stati Uniti. Come per suggellare questa partnership, Peter Pham è stato nominato nel consiglio di amministrazione di Africell nel giugno 2021. Questo repubblicano era l’ex direttore del dipartimento Africa del think tank americano dell’Atlantic Council e siede anche nel consiglio di amministrazione della società mineraria britannica Rainbow Rare Earths Limited.

La natura affabile e un po’ esuberante dell’ambasciatore degli Stati Uniti fa quasi dimenticare che Africell lo ha assunto nel contesto della guerra tecno-economica che gli Stati Uniti e la Cina stanno conducendo negli ultimi tre anni. “Solo coloro che sono irrimediabilmente illusi negano la realtà”, dice quando gli viene chiesto questo. L’ambasciatore degli Stati Uniti è lì anche per aprire le porte ai paesi del continente che mostrano il desiderio di avvicinarsi a Washington.

La Repubblica democratica del Congo, che conta oltre 80 milioni di abitanti, è una di queste. Africell è presente nel Paese dal 2012, anche se la sua quota di mercato è stagnante da diversi trimestri, nonostante un aumento del 10% dei ricavi negli ultimi quattro anni, secondo i dati forniti dall’azienda. Tuttavia, la spinta finanziaria che l’operatore ha ricevuto dagli Stati Uniti gli sta attualmente consentendo di aggiornare la sua rete esistente e di entrare in due nuove province.

Il 18 ottobre si è tenuto un incontro tra il primo ministro della Rdc, Jean-Michel Sama Lukonde Kyenge, e una delegazione Africell, composta da Dalloul, Pham e il resto del consiglio di amministrazione di Africell, per annunciare che la rete si sarebbe estesa a Kikwit e Bandundu, provincia di Kwilu e provincia di Kasai.
In Africa centrale, molti osservatori sono rimasti sorpresi dal fatto che alla società, che impiega 1.000 persone nel continente, sia stata assegnata la licenza di operatore in Angola. Anche in questo caso, il sostegno degli Stati Uniti è stato decisivo. “Ho accolto João Lourenço a Washington molto prima che diventasse presidente. È stato un ministro della difesa molto impegnato con gli Stati Uniti e conosce le nostre politiche. Ora è risaputo che sta riequilibrando le relazioni del Paese a favore degli Stati Uniti”, afferma Pham.

Africell ha dato la priorità a questo mercato di quasi 33 milioni di persone, tanto da decidere addirittura di lasciare l’Uganda per poter effettuare un “riposizionamento strategico con l’obiettivo di liberare risorse per alimentare la futura crescita di Africell in altri mercati africani, come l’Angola”, dice un portavoce del gruppo.

Sebbene Africell si stia riprendendo, dovrà comunque cercare rapidamente nuovi finanziamenti per potersi sostenere a lungo termine.

Da parte sua, e senza svelare nulla, Pham ha assicurato che il gruppo sta lavorando a nuovi contributi finanziari. “Potrebbero avere tutti i soldi del mondo, ma senza un eccellente team operativo in grado di eseguire una strategia di conquista, non andranno molto lontano”, afferma il capo di un operatore rivale.

In Angola, Africell è stata incaricata di predisporre una rete 5G, anche se questo tipo di tecnologia non è una priorità nei mercati africani, dove la sfida attuale è passare dal 3G al 4G.

“Stiamo investendo centinaia di milioni di dollari in questo progetto in Angola. Abbiamo già annunciato partnership tecnologiche con Nokia, Oracle e Aviat e presto ne annunceremo altre”, afferma Christopher Lundh, direttore della filiale di Africell in Angola. Queste ambizioni sono simili alla conquista dell’Occidente, il cui scopo è far tremare l’onnipotente operatore locale Unitel.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore