skip to Main Content

Tutte le sportellate dei sindacati in Bnl Bnp Paribas

Sindacati Bnl

Che cosa sta succedendo in Bnl e perché i sindacati continuano a criticare i vertici dell’istituto controllato dal gruppo francese Bnp Paribas. L’articolo di Emanuela Rossi

Crescono i timori dei sindacati per il futuro di molti lavoratori del gruppo Bnl-Bnp Paribas. Nel mirino c’è il piano industriale che dovrebbe esternalizzare parte delle attività di Back Office e di Information Technology causando la chiusura di filiali e di uffici amministrativi e parecchi esuberi.

Secondo fonti dei sindacali l’avvio della procedura, già posticipato di un paio di settimane (da inizio a metà settembre), potrebbe subire un nuovo slittamento ed essere programmato a fine mese. Occorre ricordare che nelle ultime settimane dell’anno è previsto il closing dell’operazione di vendita dell’80% di Axepta – che porterà l’uscita di 110 dipendenti – e che a inizio 2021 è stato ceduto il 40% di Bnl Finance, specializzata nella cessione del quinto, a Poste. Anche queste operazioni che hanno suscitato polemiche e tensioni fra azienda e sindacati.

Di tutto questo i sindacati parleranno con i vertici dell’istituto guidato da Elena Golini in un incontro previsto per il 22 settembre.

LE PREOCCUPAZIONI DEI SINDACATI

La cessione del ramo IT e del back office e della logistica comporterà l’uscita dal perimetro del gruppo di 800 lavoratori e la chiusura di circa 130-150 filiali (attualmente sono più o meno 700) in tutto il Paese. Tra la chiusura di filiali e di uffici amministrativi, rilevano fonti sindacali a Startmag, Bnl abbandonerà del tutto interi territori, soprattutto al sud Italia. Inoltre, il rischio è che vengano dichiarati diversi esuberi, presumibilmente 800, che si andranno ad aggiungere agli 800 dei rami da cedere. Secondo i sindacati il gruppo preferirà non ricorrere al fondo di solidarietà del credito per i prepensionamenti ma gestire questi esuberi esclusivamente con pensionamenti incentivati e volontari.

Altro timore è che si decida di spingere sui canali diretti, ma più che con investimenti sul digitale, spostando buona parte della clientela e dei dipendenti dalle filiali agli uffici che gestiscono i rapporti a distanza, ovvero grandi call center che gestiscono il rapporto prevalentemente via telefono e home banking. Peraltro, se il tema delle cessioni è il più delicato perché espone al rischio di contenzioso legale (oltre che di conflittualità sindacale), anche le altre misure destano molta preoccupazione tra i lavoratori e tra i sindacati.

IL PRESIDIO A MILANO

Oggi dunque il presidio dalle 10.30 in piazza Lina Bo’ Bardi, a Milano, davanti alla sede di Bnl-Bnp Paribas “per protestare contro il progetto di cessione di numerose lavorazioni e soprattutto di circa 900 lavoratori e la chiusura di numerose agenzie su tutto il territorio nazionale” scrivono in una nota congiunta le Rsa milanesi e lombarde dei sindacati di categoria. Una manifestazione che segue quelle svolte in varie piazze italiane, per esempio a Roma, Firenze, Napoli e Bari. “Durante il presidio è prevista una particolare scenografia a rappresentare la prepotente decisione dei vertici di BNL/BNPP di cedere, come già accaduto per l’azienda Axepta, leader nel campo delle carte di credito, intere lavorazioni e numerosi lavoratori (circa il 10%) per mera riduzione dei costi – si legge ancora nel comunicato unitario -. La protesta vedrà allegorie sceniche che rappresenteranno la disgregazione dell’integrità aziendale e la minaccia al ruolo stesso del bancario nella sua importante funzione sociale.

Secondo Fabi, First, Fisac, Uilca e Unisin “la continua riduzione dei lavoratori delle banche e la ulteriore chiusura di numerosi sportelli di prossimità scaricano sulla sempre più indifesa clientela il peso totale di un disservizio annunciato, con il conseguente abbandono del tessuto economico del territorio”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore