Economia

Popolare Bari, tutti i forcing di Bankitalia su Jacobini, Sapelli, Npl e patrimonio

di

Bankitalia

Operazione ad ampio spettro di Bankitalia sulla Popolare di Bari.

La banca centrale ha dato sì il via libera al governo – che aveva ricevuto nel frattempo l’ok di Bruxelles – alla norma inserita nel decreto crescita che propone di trasformare le Dta (Deferred tax asset) in credito d’imposta fino a 500 milioni per le banche del sud disposte a sposarsi (una norma da tempo auspicata dalla Popolare di Bari e non solo), ma l’Istituto governato da Ignazio Visco ha in atto altre azioni sulla banca pugliese: ha avviato una nuova ispezione sulla Popolare di Bari, incalza la banca su ristrutturazione e patrimonializzazione, infine con la moral suasion sussurra al presidente Marco Jacobini un passo indietro favorendo di fatto – secondo rumors politici – un avvicendamento tra Jacobini e lo storico dell’economia Giulio Sapelli, che peraltro per poco tempo è stato vicepresidente della stessa banca salvo a sorpresa dimettersi.

IPOTESI SAPELLI PER LA POPOLARE DI BARI AL POSTO DI JACOBINI

Una prospettiva ben vista da Lando Maria Sileoni, leader della Fabi (il maggior sindacato dei bancari): “Se l’economista Giulio Sapelli fosse proposto come presidente della nuova grande banca popolare del Sud, avrebbe tutto il nostro sostegno”, ha detto Sileoni, intervistato a Class Cnbc, a proposito della nascita, favorita da un incentivo fiscale, di una holding bancaria per aggregare una decina di istituti di credito del Mezzogiorno.

COME VANNO I CONTI DELLA POPOLARE DI BARI

D’altronde l’attenzione della Banca d’Italia è fisiologica vista la “situazione contabile non facile” della Popolare di Bari, come ha scritto oggi il Sole 24 Ore: una situazione “fotografata dal cda nel bilancio 2018 approvato il 10 maggio scorso: rettifiche nette di valore su attività finanziarie per 202,5 milioni, svalutazione integrale degli avviamenti residui (105,9 milioni), perdita netta di 372 milioni e un Cet 1 ratio a fine 2018 pari al 7,86% contro una richiesta minima (Overall Capital Requirement) pari all’8,828%”.

LE URGENZE PER LA POPOLARE DI BARI

Serve insomma nuovo capitale, che la banca punta a recuperare da più fronti: cessioni, a cominciare da Cassa Orvieto per cui c’è l’offerta di Sri Global, razionalizzazione delle strutture e soprattutto un aumento di capitale, che dovrebbe essere recuperato sul mercato dopo lo sdoppiamento tra banca retail, destinata a rimanere cooperativa, e banca corporate, in versione Spa: questa la sintesi del Sole 24 Ore, mentre negli scorsi giorni il Corriere della Sera ha sollevato dubbi sulla solidità di Sri.

I PROSSIMI PASSI DELLA POPOLARE DI BARI

I tempi comunque stringono. Il 13 e 14 luglio, dopo l’ultimo slittamento dal 29 giugno inizialmente previsto, verrà rinnovato il cda che comporterà l’uscita di scena di Marco Jacobini – secondo quanto svelato nei giorni scorsi dal Sole – e di parte dell’attuale cda. A giorni è attesa la presentazione della lista.

IL CDA IN SCADENZA

L’istituto di credito inoltre dovrà, nell’assemblea del 14 luglio, rinnovare quattro consiglieri in scadenza: Modestino di Taranto, Francesco Viti, Luca Montrone, Francesco Pignataro).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati