Economia

Pensioni e legge Fornero, che cosa cambierà con il governo Conte-Di Maio-Salvini

di

quota 100 inps

Come cambierà davvero la legge Fornero sulle pensioni come previsto dal “Contratto per il governo del cambiamento” firmato da Movimento 5 Stelle e Lega? E quali impatti finanziari sono prevedibili? Sono alcune delle domande che si stanno ponendo in queste ore addetti ai lavori, tecnici della materia, esperti del settore e pensionandi oltre che pensionati toccati alla legge Fornero.

Per approfondire la questione, Start Magazine propone le analisi di Pietro Ichino, giuslavorista, Giuliano Cazzola, uno dei massimi esperti in Italia di previdenza e welfare, e Tito Boeri, presidente dell’Inps.

ECCO IL PROGRAMMA COMPLETO E DEFINITIVO

CHE COSA HA DETTO OGGI BOERI

Oggi è stato il presidente dell’Inps, Tito Boeri, a commentare il programma M5S-Lega in materia previdenziale. Per andare in pensione con quota 100 tra età e contributi o 41 anni di contributi a qualsiasi età così come previsto dal contratto di governo tra Lega e M5s si avrebbe “un costo immediato di 15 miliardi all’anno” per salire poi a regime a 20 miliardi, ha detto l’economista Boeri, nominato al vertice dell’Inps dal governo Renzi. Il debito implicito sarebbe di 120 miliardi di euro, ha aggiunto Boeri. Nel contratto si parla invece di 5 miliardi di costi, una cifra ipotizzabile, dice Boeri, solo se si reintroducessero le finestre ed altri strumenti.

ECCO L’ANALISI DI PIETRO ICHINO

Di seguito i brani del “Contratto” siglato da Luigi Di Maio del Movimento 5 Stelle e Matteo Salvini della Lega che riguardano le pensioni e la legge Fornero (in grassetto) e il commento di Ichino, tratto dal suo blog personale.

Occorre provvedere all’abolizione degli squilibri del sistema previdenziale introdotti dalla riforma delle pensioni cd. “Fornero”, stanziando 5 miliardi per agevolare l’uscita dal mercato del lavoro delle categorie ad oggi escluse.

L’unico significato possibile dell’espressione “categorie ad oggi escluse” è “lavoratori non appartenenti alla categoria dei prestatori di lavoro usurante, per i quali è già prevista la possibilità di pensionamento anticipato. La previsione, dunque, è proprio quella dell’abrogazione della riforma Fornero del dicembre 2011. Senonché questa abrogazione costerebbe molto, molto di più di cinque miliardi l’anno. La previsione deve intendersi dunque nel senso dello stanziamento di cinque miliardi per consentire ai sessantenni di andare in pensione prima. A spese delle generazioni successive, sulle quali pesa già il carico enorme del debito pubblico italiano, accumulatosi soprattutto a causa di una spesa pensionistica scriteriata.

ECCO QUANTO COSTA IL PROGRAMMA DI DI MAIO E SALVINI. I CONTI DI COTTARELLI

Daremo fin da subito la possibilità di uscire dal lavoro quando la somma dell’età e degli anni di contributi del lavoratore è almeno pari a 100, con l’obiettivo di consentire il raggiungimento dell’età pensionabile con 41 anni di anzianità contributiva, tenuto altresì conto dei lavoratori impegnati in mansioni usuranti.
Inoltre è necessario riordinare il sistema del welfare prevedendo la separazione tra previdenza e assistenza.

L’attuazione di questa previsione significherebbe che, per esempio, una persona che abbia incominciato a lavorare o a studiare all’Università a 18 anni, i cui eventuali periodi di sospensione dell’attività siano coperti da contribuzione previdenziale figurativa (come previsto da sempre per la Cassa integrazione, malattia, il trattamento di disoccupazione o di mobilità) o volontaria (come previsto per il periodo di studi universitari) potrebbe andare in pensione a 59 anni, anche avendo svolto un’attività sedentaria e non fisicamente faticosa. Ma questo, come già detto, oltre a deprimere ulteriormente il nostro tasso di occupazione nella fascia di età >60,  che è già patologicamente basso rispetto ai Paesi del centro e nord-Europa, costerebbe diverse decine di miliardi l’anno. Per non dire del costo indiretto costituito dall’aumento degli interessi sul nostro debito pubblico, conseguente al ritorno a un aumento incontrollato del debito pubblico, che potrebbe essere superiore rispetto al costo diretto della misura proposta.

COME SARA’ LA POLITICA ESTERA M5S-LEGA SECONDO IL PROF. DOTTORI

Prorogheremo la misura sperimentale “opzione donna” che permette alle lavoratrici con 57-58 anni e 35 anni di contributi di andare in quiescenza subito, optando in toto per il regime contributivo. Prorogheremo tale misura sperimentale, utilizzando le risorse disponibili.

Vale a questo proposito la stessa considerazione di carattere finanziario svolta in riferimento ai due capoversi precedenti.

ALITALIA, MPS, ILVA, LEONARDO-FINMECCANICA. TUTTI GLI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA M5S-LEGA

ECCO L’ANALISI DI GIULIANO CAZZOLA:

LE DUE VIE D’USCITA

Le modifiche, dunque, gireranno intorno alle due vie d’uscita indicate per il trattamento di anzianità: far valere quota 100 come somma dell’età anagrafica e dell’anzianità di servizio oppure aver maturato 41 anni di contribuzione. In tutti i casi, la contribuzione figurativa potrà essere ‘’conteggiata’’ solo per un tempo definito. Resta da capire se ci sarà, nella prima ipotesi, uno spazio (e quale) di flessibilità nella somma dei due parametri richiesti e se sarà prevista comunque un’età minima.

L’AGGANCIO AUTOMATICO

Di grandissima importanza è poi la questione dell’aggancio automatico all’attesa di vita, che – a stare con quanto ha scritto nel suo ultimo rapporto Alberto Brambilla – dovrebbe rimanere nel caso di pensionamento di vecchiaia ma non in quello di anzianità: ciò è assai discutibile per il peso che ha il settore anzianità sull’intera spesa pensionistica.

ALITALIA, MPS, ILVA, LEONARDO-FINMECCANICA. TUTTI GLI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA M5S-LEGA

GLI ONERI STIMATI

La controriforma sarebbe pertanto parecchio onerosa (vedremo di seguito i possibili costi), ma il suo più grave difetto, a mio avviso, continua ad essere un altro: verrebbe facilitato il pensionamento di anzianità di cui disporranno centinaia di migliaia (nello stock sono già 5,8 milioni per un onere annuo superiore ai 90 miliardi) di lavoratori (il maschile è usato in senso specifico perché sono gli uomini ad avvalersene in stragrande maggioranza) appartenenti alle generazioni del baby boom, in grado di arrivare – per la loro collocazione sul mercato del lavoro – all’appuntamento con la quiescenza in possesso di una storia contributiva corrispondente ai requisiti richiesti, ma ad un’età intorno ai 60 anni e a fronte di una prospettiva di vita destinata ad allungarsi ulteriormente.

LA PROSPETTIVA

Verrà quindi ad ampliarsi quel grumo di trattamenti di discreto livello economico (in media oltre 2mila euro mensili) che intaserà le arterie del sistema pensionistico per decenni a spese delle nuove generazioni di lavoratori a cui verrà imposto il carico di pensioni erogate sulla base di requisiti a cui loro non potranno mai accedere per le caratteristiche di percorsi lavorativi che non consentiranno l’accumulo di un’anzianità contributiva importante come quella richiesta.

TUTTI I DETTAGLI DEL PROGRAMMA GIALLO-VERDE SULLA GREEN ECONOMY

Tutto ciò premesso una nota di Tabula, il sito curato da Stefano Patriarca, consente di avere chiaro il quadro degli oneri da sostenere a seconda delle diverse opzioni sul tappeto.

Stima sul possibile impatto finanziario di un intervento di modifica della Legge Fornero limitatamente al pensionamento di anzianità
Le ipotesi si focalizzano sulle pensioni di anzianità e cioè quelle pensioni alle quali si accede
con un minimo di contributi accreditati indipendentemente dall’età.
Nel 2017 sono state liquidate dall’Inps nel solo settore privato circa 290 mila nuove
pensioni previdenziali dirette. Di queste i circa 160 mila sono state di anzianità, con un
importo medio mensile di quasi 2 000 euro e i nuovi pensionati di anzianità avevano in media
61 anni. Le pensioni di anzianità riguardano sostanzialmente gli uomini che infatti sono ben il
71% tra i pensionati di anzianità. Le donne sono maggiormente presenti nel pensionamento
di vecchiaia (67 anni nel 2019 e 67 anni e 3 mesi nel 2022).

Stime su differenti ipotesi di intervento di modifica

SPESA NEL 2019 (in miliardi)

A) Quota 100 (somma di contributi ed età): 11,5
B) Quota 100 o 41 anni di contributi: 12,3
C) Quota 100 con un’età minima di 62 anni: 11,2
D) Requisito 41 anni di contributi con qualsiasi età: 9,1
E) Requisito 41 anni di contributi con minimo 62 anni di età: 3,7

NOTE

Pensioni interessate alle ipotesi A B C circa 350- 400 mila
Pensioni interessate ipotesi D circa 140 mila
Con tali interventi in media i pensionati di anzianità accederanno alla pensione con un’età
media attorno ai 59 anni (in riduzione rispetto a quella del 2017 di 61 anni) e di ben 8 anni
più bassa dell’età di vecchiaia.
La copertura da garantire in legge di bilancio per tre anni deve tenere conto che nel terzo
anno la spesa sia circa il 20- 30% più alta di quella nel primo anno, mentre nel decimo anno la
spesa annua potrebbe essere maggiore di quella del 2019 di circa il 50-60%.
La spesa cumulata in 10 anni sarebbe per l’ipotesi più bassa attorno ai 50 miliardi e attorno ai
150 miliardi per l’ipotesi più alta.

Come si vede da Tabula la copertura delle controriforme comporta oneri variabili a seconda delle scelte che saranno compiute. Si tratta comunque di risorse importanti soprattutto perché si aggiungono ad altre misure di incremento della spesa pubblica (reddito di cittadinanza) e di riduzione delle entrate (flat tax). Ma – lo ripeto – l’errore più grave continua ad essere un altro: quello di impiegare ingenti stanziamenti a favore degli anziani pensionandi (già assistiti dal pacchetto Ape), quando – magari con somme inferiori – sarebbe possibile cominciare ad impostare un regime pensionistico che guardi al mercato del lavoro di oggi e alle giovani generazioni. Ed è un errore che viene commesso in particolare dal M5S che ha avuto in grande misura il voto dei giovani, mentre la Lega conferma una sua tradizionale ed accanita difesa delle pensioni dei lavoratori (maschi) padani.

 

TUTTI GLI APPROFONDIMENTI DI START MAGAZINE SUL PROGRAMMA M5S-LEGA:

ECCO IL PROGRAMMA COMPLETO E DEFINITIVO

ECCO QUANTO COSTA IL PROGRAMMA DI DI MAIO E SALVINI. I CONTI DI COTTARELLI

COME SARA’ LA POLITICA ESTERA M5S-LEGA SECONDO IL PROF. DOTTORI

PENSIONI, CHE COSA C’E’ SCRITTO NELLA BOZZA DI PROGRAMMA DI MAIO-SALVINI

ALITALIA, MPS, ILVA, LEONARDO-FINMECCANICA. TUTTI GLI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA M5S-LEGA

FLAT TAX, SIGARETTE, IVA E NON SOLO. TUTTO IL CAPITOLO FISCALE DEL PROGRAMMA

TUTTI I DETTAGLI DEL PROGRAMMA GIALLO-VERDE SULLA GREEN ECONOMY

CDP E DEBITO PUBBLICO, COSA SI FARA’ E COSA NON SI FARA’

COME DI MAIO E SALVINI INCENTIVERANNO L’ACQUISTO DELLE AUTO ELETTRICHE

FLAT TAX, ECCO I PRO E I CONTRO DELLA STEP TAX STUDIATA DA DI MAIO E SALVINI

ECCO QUALE SARA’ LA VERA SVOLTA DEL GOVERNO M5S-LEGA IN POLITICA ECONOMICA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati