skip to Main Content

Perché il Wto bacchetta gli americani

Wto

Gli Stati Uniti promuovono il “friend-shoring” per creare una globalizzazione senza la Cina. Ma la direttrice del Wto invita a riflettere bene sulle amicizie

 

Sai riconoscere un falso amico?

Intervistata da Reuters durante il Forum economico mondiale di Davos, la direttrice generale dell’Organizzazione mondiale del commercio (WTO), Ngozi Okonjo-Iweala, ha lanciato un avvertimento implicito agli Stati Uniti d’America.

“Chi è un amico? Non [puoi essere] troppo sicuro che sarà un amico anche domani, ne abbiamo visti di esempi”, ha detto Okonjo-Iweala all’agenzia. L’economista nigeriana fa riferimento a uno dei termini del lessico geopolitico più diffusi degli ultimi termini, il friend-shoring, una sorta di “globalizzazione tra amici”.

CHE COS’È IL FRIEND-SHORING

Il New York Times definisce il friend-shoring come “la pratica di delocalizzare le catene di approvvigionamento in paesi in cui il rischio di interruzioni dovute al caos politico è basso”. Secondo Bloomberg, il friend-shoring sta “incoraggiando le aziende a spostare la produzione dagli stati autoritari a quelli alleati”.

Friend-shoring è un concetto promosso principalmente dagli Stati Uniti, e in particolare dalla segretaria al Tesoro Janet Yellen, con l’obiettivo di convincere le aziende americane e i governi dei paesi partner a ridurre l’esposizione alla Cina, escludendola dalle filiere maggiormente critiche e aprendo stabilimenti produttivi altrove. Ovvero nelle nazioni più affini per valori o per forma di governo, dove la probabilità di ritorsioni politiche sugli approvvigionamenti è bassa.

Le mete evocate più spesso nei discorsi sul friend-shoring sono il Vietnam (una repubblica socialista, in realtà, ma può vantare un basso costo della manifattura), l’India (formalmente una democrazia, tra molte contraddizioni) e il Messico (alleato degli Stati Uniti, geograficamente vicino e ben integrato nelle catene del valore nordamericane).

COSA HA DETTO OKONJO-IWEALA

Okonjo-Iweala ha detto a Reuters che il friend-shoring – e dunque la definizione di “amico” – dovrebbe venire esteso a quelle nazioni oggi marginali rispetto al commercio internazionale. “Gli amici non dovrebbero essere solo in Asia; c’è l’America latina, c’è l’Africa. Ci sono paesi in cui si può benissimo de-concentrare la manifattura. Li si inserisce nella catena di fornitura, e in questo modo li si include” nel sistema globale degli scambi.

Secondo l’economista, poi, la nozione stessa di “amico” è ingannevole e dovrebbe venire applicata con cautela dai promotori del friend-shoring, perché non è detto che l’amicizia duri in eterno.

NON ABBANDONARE IL WTO

Visto l’abbandono della Russia da parte di molte aziende occidentali, i discorsi sul distacco dalla Cina e gli obiettivi di rimodellamento della globalizzazione, Ngozi Okonjo-Iweala pensa che il WTO debba realizzare una riforma delle sue istituzioni e dei suoi processi in modo da riuscire a promuovere con efficacia il libero scambio. La direttrice ha tuttavia invitato i governi a non abbandonare l’organizzazione e il suo sistema commerciale.

“Non bisogna buttare via il bambino con l’acqua sporca”, ha detto. “Se lo si fa, si crea una situazione di tutti-contro-tutti e non credo che sarebbe vantaggiosa per nessuno”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore