Economia

Leonardo-Finmeccanica, Fincantieri e Mermec, ecco chi e come sta intralciando l’operazione Vitrociset

di

Tutti i nuovi particolari sulla vicenda Vitrociset rilevata da Leonardo-Finmeccanica. La richiesta di risarcimento inoltrata a Ciset (che controlla Vitrociset) da parte della cordata Mermec-Fincantieri. La baruffa familiare dei Crociani. E non solo. Fatti, indiscrezioni e ricostruzioni

 

C’è anche lo zampino della ennesima baruffa familiare dei Crociani, storici proprietari di Vitrociset, dietro lo stallo nell’acquisizione definitiva dell’azienda romana che lavora anche per i Servizi segreti da parte del gruppo Leonardo (ex Finmeccanica) presieduto da Gianni De Gennaro.

E’ quanto svela oggi ilfattoquotidiano.it in un articolo che aggiunge nuovi particolari e altre notizie dopo l’articolo di Start Magazine di ieri.

Secondo quanto risulta al Fatto Quotidiano, “la società romana, controllata dalla famiglia Crociani, ha chiesto a Leonardo di posticipare il perfezionamento dell’operazione che normalmente si sarebbe dovuta concludere prima di Natale 2018”, ha scritto Pierluigi Giordano Cardone del giornale on line diretto da Peter Gomez.

Il motivo del rinvio? “Due richieste di misure cautelari avanzate da Claudio Crociani, figlio di primo letto dell’ex patron di Vitrociset, e dal gruppo Mer Mec, che l’8 agosto del 2018, insieme a Fincantieri, aveva presentato l’offerta d’acquisto dell’azienda attiva nell’informatica e nell’alta tecnologia per la difesa, la sicurezza e lo spazio”, scrive ilfattoquotidiano.it.

Decisiva, secondo il giornale diretto da Gomez, fu “la volontà di De Gennaro di sollecitare il board di Leonardo all’esercizio del diritto di prelazione su Vitrociset nell’ultimo giorno utile prima del passaggio, poi sfumato, al tandem Fincantieri-Mer Mec. Tanto più che l’acquisizione dell’azienda romana rappresenta una buona opportunità per rafforzare Leonardo nel core business dei Servizi, in particolare della Logistica, del Simulation & Training e delle Operazioni Spaziali”; magari per sbarrare la strada a mire francesi dirette o indirette tramite Fincantieri, nota un addetto ai lavori, considerata l’impostazione notoria di De Gennaro, tra l’altro presidente del Centro studi americani (dove Carlotta Ventura ha preso posto come direttore generale di Paolo Messa, ora direttore Relazioni Istituzionali Italia di Leonardo).

Oltre all’iniziativa di un componente della famiglia Crociani, emergono nuovi dettagli sulla battaglia legale decisa dal gruppo pugliese Mermec di Vito Pertosa (da dove arriverà il prossimo numero uno dell’Enac, Nicola Zaccheo, indicato dal governo Conte al posto di Vito Riggio). Pertosa ha avviato una richiesta di sequestro conservativo delle quote societarie di Ciset (l’azienda che controlla Vitrociset), con richiesta danni per la mancata ottemperanza del contratto con Fincantieri e Mermec.

Conclusione: per la baruffa tra Crociani e per la richiesta di risarcimento della cordata Mermec-Fincantieri, secondo fonti legali contattate da Start Magazine l’acquisto di Vitrociset non è stato perfezionato ancora e potrebbe essere rinviato verso fine gennaio.

ECCO UN ESTRATTO DELL’ARTICOLO DI PIERLUIGI GIORDANO CARDONE DEL FATTO:

Claudio Crociani ha domandato il sequestro conservativo delle quote di Vitrociset perché a suo dire la matrigna – ovvero Edoarda Vesselovsky, seconda moglie di Camillo Crociani – lo avrebbe escluso dai beneficiari dei proventi della vendita. Di quanti soldi si parla? Le cifre dell’operazione non sono ufficialmente note, ma secondo Il Sole 24 Ore si tratterebbe di una somma tra i 50 e i 60 milioni milioni di euro, a cui vanno aggiunti altri 60 milioni di debiti (in crescita?).

Oltre all’azione di Crociani, separatamente anche il gruppo pugliese controllato da Vito Pertosa ha presentato a sua volta una richiesta di sequestro conservativo delle quote societarie di Ciset (che controlla Vitrociset), con richiesta danni in autotutela, per mancata ottemperanza del contratto nella parte relativa ai tempi previsti per il closing. Un’azione, quella di Mer Mec, indirizzata al venditore e non a Leonardo-Finmeccanica, con cui i rapporti erano e rimangono di civile convivenza nonostante lo sgambetto di settembre.

L’intera vicenda e lo slittamento dei tempi d’acquisizione di certo non fa piacere, ma non sembra preoccupare più di tanto Leonardo. Anche perché, secondo fonti vicine al dossier, le ragioni di Mer Mec sarebbero tutte da dimostrare, mentre la questione Crociani atterrebbe solo a beghe interne alla famiglia che difficilmente potrebbero inficiare il passaggio di mano di Vitrociset.

QUI TUTTI GLI APPROFONDIMENTI DI START MAGAZINE:

ECCO ATTIVITÀ, CONTI E COMMESSE DI VITROCISET, L’APPROFONDIMENTO DI START MAGAZINE

COME LEONARDO E FINCANTIERI VOGLIONO BALLARE LA SAMBA CON BOLSONARO

ECCO COME LEONARDO E NON SOLO PROTESTA PER I TAGLI ALLA DIFESA TRAMITE AIAD

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati