Economia

Eni, Enel, Generali, Leonardo e non solo. Ecco lo scudo Consob contro gli avvoltoi esteri

di

“Tutelare gli ultimi grandi bisonti italiani dagli avvoltoi stranieri”. Chi sono le aziende – come Eni, Enel, Assicurazioni Generali, Leonardo (ex Finmeccanica) e non solo – per cui la Consob ha abbassato per gli azionisti all’1% la soglia dell’obbligo di comunicare la partecipazione

Nuovi scudi nazionali – già approvati o in cantiere – per le grandi aziende italiane. Tutte le ultime novità: fatti, nomi e indiscrezioni.

IL CONCERTO NAZIONALE ANTI SCALATE

Un’emergenza che non è solo sanitaria e che rischia di lasciare gli italiani, oltre che più poveri, anche più deboli a livello di tessuto produttivo perdendo la proprietà di asset strategici nazionali. Da giorni il Copasir sta avvertendo del rischio e sta chiedendo un intervento del governo per estendere la Golden power anche ai gruppi assicurativi e bancari (come Assicurazioni Generali e Intesa Sanpaolo=. Peraltro Palazzo Chigi non è sordo a tali istanze visto che circola l’ipotesi di considerare strategiche tutte le aziende quotate alla Borsa di Milano. E lo stesso presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, lo ha confermato nell’intervista al Corriere della Sera di giovedì scorso.

MOSSA E OBIETTIVI DELLA CONSOB

Ora si muove pure la Consob che, per rafforzare la trasparenza delle partecipazioni nelle società italiane quotate in Borsa alla luce delle forti turbolenze innescate negli ultimi giorni dalla pandemia, ha deliberato l’obbligo per gli azionisti di comunicare la partecipazione in società quotate già dall’1%. Il provvedimento, dicono a Start Magazine fonti istituzionali, nasce per “tutelare gli ultimi grandi bisonti italiani dagli avvoltoi stranieri”.

CHE COSA HA DECISO LA CONSOB DI SAVONA

Con la delibera adottata il 17 marzo scorso la Consob – come si legge nel testo del provvedimento – ha deciso di “introdurre temporaneamente un regime di trasparenza rafforzata sulle partecipazioni detenute dagli investitori nelle società italiane quotate in Borsa a più alta capitalizzazione e ad azionariato diffuso”. Il provvedimento (delibera n. 21304 del 17 marzo 2020), adottato ai sensi dell’articolo 120 comma 2-bis del Testo unico della finanza (Tuf), fissa – ferme restando le soglie già previste dalla normativa vigente – soglie inferiori al superamento delle quali scatta l’obbligo di comunicare la partecipazione nelle quotate.

GLI EFFETTI DELLA DELIBERA CONSOB

La delibera della Consob presieduta da Paolo Savona ha effetto sulle 48 società quotate al mercato telematico azionario di Piazza Affari individuate secondo una griglia di criteri che fa riferimento ad una capitalizzazione superiore ai 500 milioni di euro e agli assetti proprietari. Sono escluse le società controllate di diritto. La nuova soglia viene dunque fissata all’1% per le società non PMI e al 3% per le PMI (prima della delibera del 17 marzo le soglie erano rispettivamente il 3% e il 5%). Il provvedimento è entrato in vigore il 18 marzo e, salvo revoca, ha validità di tre mesi.

IL NO ALLE VENDITE ALLO SCOPERTO

Nella stessa seduta, nell’ottica di tutelare i mercati finanziari durante questa fase emergenziale, la Consob ha introdotto un divieto alle posizioni nette corte (vendite allo scoperto e altre operazioni ribassiste) dopo aver ricevuto parere positivo dall’Esma, l’Autorità europea degli strumenti finanziarie dei mercati. Il divieto, per la prima volta, si applica a tutte le azioni negoziate sul mercato regolamentato italiano e durerà tre mesi. Viene così impedita ogni forma di operazione speculativa ribassista, anche effettuata tramite derivati o altri strumenti finanziari. La decisione di applicare misure restrittive sull’intero listino, sottolinea la Commissione, “è stata adottata con l’obiettivo di ripristinare l’integrità del mercato, anche alla luce delle misure eccezionali sulle vendite allo scoperto adottate nei giorni scorsi dall’Esma, e dalle autorità di vigilanza di Spagna, Francia e Belgio.

CHI E’ INTERESSATO DALLA DELIBERA CONSOB: ENI, ENEL, GENERALI, LEONARDO E NON SOLO

Questo l’elenco delle società interessate dalla delibera della Consob:

A2A, Anima Holding, Assicurazioni Generali, Astm, Atlantia, Azimut Holding, Banca Mediolanum, Banca Popolare di Sondrio, Banco Bpm, Bper Banca, Cerved Group, Eni, Enel, Finecobank, Hera, Interpump Group, Intesa Sanpaolo, Iren, Italgas, Italmobiliare, Leonardo, Mediaset, Mediobanca, Moncler, Pirelli, Prysmian, Reply, Saipem, Salini Impregilo, Sanlorenzo, Saras, Snam, Cattolica Assicurazioni, Telecom Italia, Trna, Unicredit, Ubi Banca, Unipol, Banca Farmafactoring, Bf, Carel Industries, Dovalue, El.En, Gruppo Mutuionline, Igd – Immobiliare Grande Distribuzione, Illimity Bank, Rcs Mediagroup, Tamburi Investment Partners.

LA NOTA DEL GRUPPO LEONARDO

Leonardo peraltro ha comunicato ufficialmente con una nota lunedì scorso di essere compresa tra le società interessate dalla delibera Consob. Dopo aver ricordato la nuova soglia minima per l’obbligo di comunicazione degli azionisti, il gruppo presieduto da Gianni De Gennaro e guidato dall’amministratore delegato Alessandro Profumo sottolinea che chiunque alla data del 18 marzo 2020 già detenga una partecipazione superiore all’1% è tenuto a renderlo noto entro 10 giorni lavorativi a partire proprio dal 18 marzo. Per questo motivo invita i suoi azionisti “al rispetto degli obblighi di comunicazione” e, in caso di partecipazione superiore all’1% del suo capitale sociale, a provvedere a comunicarlo sia a Leonardo sia alla Consob entro i termini stabiliti.

In ambienti della difesa e dell’aerospazio, si attendono ad ore mosse sia della Consob che del governo: nei decreti attuativi dei provvedimenti anti contagio economico da Covid-19 saranno previsti scudi ad hoc per le aziende italiane attive nella sicurezza cibernetica

COSA STA FACENDO IL COPASIR

Nel frattempo il Copasir continua a occuparsi del pericolo speculazione nei confronti delle società italiane più importanti, asset strategici del Paese. Oggi, come annunciato anche dal vicepresidente Adolfo Urso (FdI) via Twitter, si terrà una riunione del Comitato perché “è necessario alzare lo scudo sugli asset strategici e potenziare l’intelligence economica”. Urso che nei giorni scorsi aveva applaudito la decisione del governo di estendere la golden power a banche e assicurazioni ricordando di aver presentato un ddl al Senato, prima dell’emergenza coronavirus, sulla questione e di voler presentare emendamenti al decreto “Cura Italia” perché, come ha spiegato in un’intervista all’Huffington Post, “il sistema creditizio e finanziario sono i polmoni della nostra economia” e dunque occorre “permettere alla Cassa depositi e prestiti, ad Invitalia e alle Poste di costruire una diga di difesa dell’interesse nazionale, di costruire la linea del Piave”.

IL TITOLO ENI

In particolare, l’attenzione del Copasir è puntata sull’Eni per cui si teme una scalata. Come evidenzia La Stampa, ci sono segnali che provengono dalla Borsa: il titolo Eni ha subito negli ultimi giorni una “flessione poderosa e innaturale” che è arrivata a sfiorare addirittura il 50%, “un valore così basso da rendere possibile ogni azione ostile”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati