Advertisement skip to Main Content

Boeing Vertici Azionisti

Ecco il maxi stipendio del ceo (uscente) di Boeing approvato dagli azionisti di Boeing

Gli azionisti di Boeing hanno votato per mantenere il ceo nel cda del produttore di aerei oltre a una retribuzione di quasi 33 milioni di dollari. Dave Calhoun, alla guida del colosso statunitense dal 2020, ha annunciato a marzo che lascerà l’azienda entro la fine dell’anno.

Il ceo uscente di Boeing è stato rieletto dagli azionisti.

Nell’assemblea generale annuale dei soci del 17 maggio, gli azionisti del produttore di aerei Boeing in difficoltà hanno confermato l’attuale cda compreso il ceo uscente Dave Calhoun e approvato un pacchetto retributivo di quasi 33 milioni di dollari per il ceo.

Si tratta del pacchetto più alto mai pagato al ceo dell’azienda e di un aumento del 45% rispetto ai 22,6 milioni di dollari ricevuti per il 2022. La stragrande maggioranza dell’aumento deriva da un gigantesco bonus azionario concesso in aggiunta al suo patrimonio di oltre un milione di dollari, segnala la Cnn.

I proxy advisor Institutional Shareholder Services e Glass Lewis avevano consigliato agli azionisti di votare contro alcune delle posizioni di Boeing durante la riunione.

L’approvazione arriva in un momento burrascoso per Boeing.

Dal disastroso inizio 2024 con lo scoppio del portellone del 737 Max 9 durante il volo 1282 dell’Alaska Airlines, il produttore di aerei americano è sotto esame delle autorità e sta perdendo un sacco di soldi e la fiducia dei consumatori nel frattempo. La Federal Aviation Administration (Faa) ha imposto un limite alla produzione per i jet 737 Max — i più venduti di Boeing— oltre a chiedere al produttore di sviluppare un piano globale per affrontare “problemi sistemici di controllo della qualità”. In realtà Boeing deve ancora riprendersi dal blocco a seguito degli incidenti mortali del suo 737 Max tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019 che hanno comportato il fermo a terra per 20 mesi del suo aereo più venduto.

Dall’inizio dell’anno ad oggi le azioni Boeing sono crollate del 30%.

Tutti i dettagli.

VIA LIBERA AL PROGRAMMA DI REMUNERAZIONE AL CEO

Venerdì gli azionisti di Boeing hanno approvato il compenso di 32,8 milioni di dollari del ceo David Calhoun , dopo che il proxy advisor Iss ha segnalato un disallineamento tra la retribuzione dell’amministratore delegato e la performance aziendale.

“Il nostro programma di compensi è progettato per allineare la retribuzione della leadership con le prestazioni a lungo termine della nostra attività”, ha affermato Steve Mollenkopf, il nuovo presidente di Boeing, quando gli è stato chiesto come la società possa giustificare un pacchetto di compensi così elevato date le recenti lamentele sulla sicurezza. “Il nostro obiettivo è davvero rispettare i nostri impegni nei confronti dei più elevati standard di sicurezza e qualità”.

IL ROSSO DI BOEING

Dall’inizio della messa a terra nel 2019, la società ha riportato perdite rettificate per un totale di oltre 31 miliardi di dollari. In particolare, Boeing ha perso più di 23 miliardi di dollari – inclusi 2,2 miliardi di dollari l’anno scorso – da quando Calhoun ha assunto la carica di ceo nel gennaio 2020, principalmente in relazione a un paio di incidenti mortali di 737 Max avvenuti in Indonesia ed Etiopia mentre era nel consiglio di amministrazione ma prima di lui. divenne amministratore delegato.

IL PIANO SULLA SICUREZZA DA PRESENTARE ALLA FAA

Nel corso dell’assemblea, gli azionisti hanno anche ascoltato i vertici spiegare cosa sta facendo il produttore di aerei in difficoltà per migliorare la qualità e la sicurezza dei suoi aerei dopo l’incidente dello scorso 5 gennaio.

Calhoun ha affermato che la società sta completando un piano di 90 giorni per risolvere i suoi problemi di produzione. Alla fine di febbraio, la Faa ha ordinato a Boeing di sviluppare un piano globale per affrontare “problemi sistemici di controllo della qualità”, dopo che lo scoppio del portellone del velivolo 737 Max 9 durante il volo 1282 dell’Alaska Airlines ha suscitato rinnovate preoccupazioni sulla sicurezza.

IL DOSSIER SPIRIT AEROSYSTEMS

Il ceo ha aggiunto che la società sta ancora lavorando per completare l’acquisizione del fornitore chiave Spirit AeroSystems, ma non ha dato alcuna scadenza per il completamento. Spirit AeroSystems è il fornitore dietro lo scoppio del tappo del portellone del 737 Max 9 del volo dello scorso 5 gennaio dell’Alaska Airlines.

TOTONOMI PER IL NUOVO VERTICE DELL’AZIENDA

“Boeing non potrà rimettersi in carreggiata finché il consiglio di amministrazione non nominerà un nuovo amministratore delegato esterno all’azienda con un background tecnico e una profonda conoscenza della tecnologia aerospaziale”, ha affermato a Reuters Bill George, ex amministratore delegato di Medtronic e professore di pratiche gestionali ad Harvard.

Ma ad oggi non si sa ancora chi prenderà il posto di Dave Calhoun alla guida di Boeing.

Secondo Tony Bancroft, gestore del portafoglio di Gabelli Funds, che possiede azioni della Boeing, Pat Shanahan, ceo del fornitore della Boeing Spirit AeroSystems, sarebbe una “ottima opzione” per prendere il posto di Calhoun. Altri possibili successori segnalati da analisti o fonti — rileva ancora Reuters — includono il membro del cda della Boeing e capo della compagnia aerea David Gitlin e il presidente dell’American Airlines Greg Smith.

Back To Top