Economia

Ecco come e perché divampano le polemiche sul Mes (Meccanismo europeo di stabilità)

di

Cosa sta succedendo, fuori e dentro il Parlamento, sulla riforma del Mes. Le parole di Visco (attutite dai media), l’audizione di Galli, le critiche di Borghi e Bagnai, l’auspicio di Fassina e il tweet di Salvini. L’approfondimento di Manola Piras

Lievitano dibattito e polemiche sulla riforma del Mes, il Meccanismo europeo di stabilità, che dovrebbe veder la luce entro il prossimo mese di dicembre.

In questi giorni si registrano le preoccupazioni della Banca d’Italia che hanno innescato la reazione della Lega, da tempo sulle barricate e che già durante il governo Conte 1 – di cui faceva parte – ha presentato un’interrogazione all’allora ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria. In tutto questo si apre un ulteriore dibattito fra giornalisti e analisti sull’attenzione prestata al tema dalla stampa nazionale accusata- in alcuni casi – di edulcorare la pillola.

COS’E’ IL MES

Nato nel 2012 per sostituire i preesistenti Fondo europeo di stabilità finanziaria e Meccanismo europeo di stabilizzazione finanziaria, il Mes (o Esm, secondo l’acronimo inglese) vuole essere una sorta di Fondo monetario europeo per sostenere i membri dell’area euro in difficoltà cui si offre un programma di aiuti in cambio di riforme strutturali.

IL DIBATTITO SULLA RIFORMA DEL MES

La riforma del Mes desta allarme per il nostro Paese perché prevede che il supporto finanziario sia attivato in caso di turbolenze sui mercati del debito pubblico ma qualora ricorrano alcune condizioni: non trovarsi in procedura d’infrazione, avere da due anni un deficit sotto il 3% e un debito pubblico sotto al 60%. Dunque, l’Italia sarebbe esclusa dal supporto cui potrebbe accedere – in seconda battuta – solo se accettasse una ristrutturazione del debito.

L’INTERROGAZIONE DEL CARROCCIO E LE PAROLE DELL’EX MINISTRO TRIA

Già lo scorso giugno Claudio Borghi e altri deputati leghisti hanno presentato un’interrogazione al titolare di via XX Settembre sull’iter della riforma e lo stesso Tria, durante il suo intervento all’assemblea dell’Abi, a luglio, aveva affermato che la trasformazione del Meccanismo di stabilità in un fondo monetario europeo con compiti di sorveglianza fiscale può comportare “possibili ripercussioni negative sui mercati internazionali”.

COS’HA DETTO IL GOVERNATORE VISCO SULLA RIFORMA DEL MES

Sulla questione il 15 novembre è intervenuto il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, secondo cui la riforma del Mes deve essere gestita attentamente perché potenzialmente comporta “rischi enormi” . Parlando al seminario congiunto Official Monetary and financial institutions forum OMFIF-Banca d’Italia, il numero uno di Palazzo Koch ha spiegato che “i piccoli e incerti benefici di una ristrutturazione del debito devono essere ponderati rispetto all’enorme rischio che il mero annuncio di una sua introduzione possa innescare una spirale perversa di aspettative di default”. Inoltre, secondo Visco, “dovremmo tutti tenere a mente le terribili conseguenze dell’annuncio del coinvolgimento del settore privato nella risoluzione della crisi greca dopo il vertice di Deauville a fine 2010”.

IL TWEET DI JONES (REUTERS)

Parole chiare che però hanno forse innescato qualche ripensamento a Via Nazionale. O almeno così pare leggendo il tweet del corrispondente Reuters da Roma, Gavin Jones: “Comunque Bankitalia abbastanza schizofrenica. Come se avesse paura delle proprie parole. Noi facciamo pezzo sul ‘huge risk’ e i vari avvertimenti e proposte. Arriva chiamata in redazione da Bankitalia chiedendoci di ammorbidirlo un po’”.

L’AUDIZIONE DI GALLI E IL COMMENTO DI BORGHI E BAGNAI

Da registrare, la scorsa settimana, pure l’audizione in commissioni riunite Bilancio e Politiche Ue di Montecitorio di Giampaolo Galli, ex capo economista ed ex direttore generale di Confindustria ed ex deputato Pd, oggi docente alla Luiss. Per Galli, la riforma Mes – tra l’altro – è un “pericolo per l’Italia e per gli italiani”. Parole che hanno suscitato la reazione di Borghi e dell’economista Alberto Bagnai, senatore della Lega: “E’ impressionante sentire queste parole da un osservatore esterno e non sospettabile di antieuropeismo. Il professor Galli ha inoltre dichiarato a chiare lettere che una ristrutturazione del debito, implicita nei nuovi meccanismi del fondo, ‘sarebbe un colpo di pistola a sangue freddo alla tempia dei risparmiatori, una sorta di bail-in applicato a milioni di risparmiatori”, hanno scritto Bagnai e Borghi in una nota. Ricorda poi il parlamentare del Carroccio: “Abbiamo sempre denunciato il sospetto segreto con cui il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e l’ex ministro dell’Economia Giovanni Tria, hanno condotto le trattative senza mai informare il Parlamento, pur essendone obbligati per legge. La loro reticenza ci aveva indotto persino ad interrogazioni parlamentari addirittura quando eravamo parte della stessa maggioranza”.

A Borghi, ha replicato Galli su Facebook: “La campagna #stopMES è una sciocchezza demagogica. Il MES, pur con limiti, è un’istituzione preziosa, uno strumento di solidarietà dei paesi più solidi (Germania) nei confronti di quelli più esposti alle crisi, Italia in primis. Ecco perché“.

LE CRITICHE DI BARRA CARACCIOLO ALLA RIFORMA DEL MES

Una condanna della riforma arriva anche da Luciano Barra Caracciolo, magistrato ed ex sottosegretario agli Affari europei con Paolo Savona ministro nel governo M5s-Lega, come sottolineato su Twitter  dall’analista Giuseppe Liturri: “Magistrale ricostruzione di @LucianoBarraCar della catena causale e temporale che ha portato ad una bozza di Trattato che #Bankitalia stessa definisce fonte di ’rischi enormi’ per l’Italia. Una stampa degna di questo nome dovrebbe parlarne per settimane”.

In un lungo e articolato intervento sul suo blog Orizzonte48.com Barra Caracciolo evidenzia: “La riforma Esm impone una scelta, obbligata e senza alternative, tra ristrutturazione del debito pubblico o definitiva ristrutturazione sociale italiana, cioè uno sconvolgimento ordinamentale e dunque costituzionale, – o meglio la sua brusca e intollerabile accelerazione, che è totalmente non voluta dal popolo sovrano”. “Quando finiremo di pagare per i problemi delle intenzionali pecche istituzionali dell’eurozona?”, si domanda l’ex sottosegretario.

Inoltre, la preoccupazione di Barra Caracciolo è che si determini “un effetto di sbilanciamento sull’Esecutivo di decisioni che non solo sfuggiranno sempre più all’autonoma deliberazione parlamentare e alla indipendenza di giudizio degli organi costituzionali di garanzia, ma che sono assunte, in modo crescente e divorante, in sede sovranazionale, e quindi al di fuori del circuito di deliberazione dell’indirizzo elettorale, democratico e costituzionale”.

LA POCA ATTENZIONE DELLA STAMPA AL PROBLEMA SECONDO BORGHI

Il leghista Borghi in questi giorni ha anche evidenziato la scarsa attenzione al problema da parte della stampa nostrana. Ha scritto su Twitter: “Io veramente non ho parole. Guardate che tipo di forze sono in atto e la manipolazione sfacciata. A sinistra l‘agenzia con le dichiarazioni di Visco sul Mes, a destra il titolo dell’UNICO giornale che ne parla a parte @LaVeritaWeb. Incredibile, i RISCHI ENORMI diventano BENE”. Il riferimento è al titolo dell’articolo che il Sole 24 Ore ha dedicato alle parole di Visco: “Bene la riforma dell’Esm, ma serve un safe asset europeo”.

Critiche raccolte da Stefano Fassina, sempre su Twitter, che però più che della stampa si preoccupa degli effetti della riforma. Dopo aver ringraziato Borghi, il parlamentare di Leu ed ex viceministro Pd all’Economia ha colto l’occasione per lanciare una proposta: “In Parlamento dobbiamo dare mandato a @GiuseppeConteIT di non firmare revisione #Esm” perché “è non solo conflitto tra Stati, ma conflitto di classe: gli interessi delle nostre imprese esportatrici sono allineati a quelli delle imprese esportatrici tedesche”.

In effetti sulla stampa nazionale l’argomento non sembra trovare grande spazio, nonostante l’intervento del governatore della Banca d’Italia. Le critiche di Borghi al giornale di Viale dell’Astronomia, però, ieri hanno trovato l’eco che non ti aspetti: un articolo del Fatto quotidiano dal titolo “Le paure di Visco e l’ottimismo del Sole, giornale della vie en rose”. Eloquente l’incipit: “L’ottimismo, si sa, è il sale della vita e quale giornale, se non Il Sole 24 Ore, è più adatto a vivere la vie en rose o almeno en saumon? Prendiamo il discorso di Ignazio Visco di cui il giornale della Confindustria dà conto ieri”.

E su tutto il dibattito si è fiondato per metterci il definitivo cappello politico il leader della Lega, Matteo Salvini:

++

COS’E’ IL MES

++

AGGIORNAMENTO: LA VERSIONE DI CONTE SUL MES

Dopo una giornata di polemica arrivano fonti di Palazzo Chigi a tentare di smorzare le polemiche sul Mes. La revisione del Trattato sul Meccanismo Europeo di Stabilità (MES) “non è stato ancora sottoscritta”: “nessuna firma né di giorno né di notte”, fanno sapere fonti all’Ansa. Le stesse che definiscono “infondate e false diffuse da Salvini”. Il leader della Lega in mattinata aveva dichiarato; “Pare che nei mesi passati Conte abbia firmato di nascosto, magari di notte, un accordo in Europa per cambiare il Mes (meccanismo europeo di stabilità), trasformando il fondo salva-stati in fondo ammazza-stati. Chi ha voglia vada fino in fondo per chiedere a conte e tria se, senza l’autorizzazione del pParlamento, hanno dato l’ok dell’italia. La lega non ha dato alcuna autorizzazione. Sarebbe alto tradimento e per i traditori, in pace e guerra, il posto giusto è la galera”. Ma, stando alle fonti di Chigi, non sarebbe così.

Nella nota non solo una smentita ma anche un attacco a Salvini. Le fonti, infatti, quando il leader leghista era vicepremier il negoziato ”è stato discusso in varie riunioni di maggioranza. Il fatto che ne scopra solo adesso l’esistenza è molto grave” perché “denota una imperdonabile trascuratezza per gli affari pubblici”.

“La Presidenza del Consiglio ha l’obbligo di chiarire le notizie infondate e false diffuse, anche oggi, dal senatore Matteo Salvini”, si legge in una nota di Palazzo Chigi. “Innanzitutto, la revisione del Trattato sul Meccanismo Europeo di Stabilità (MES) non è stato ancora sottoscritto né dall’Italia né dagli altri Paesi e non c’è stato ancora nessun voto del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, o degli altri Capi di Stato e di governo europei sul pacchetto complessivo di questa riforma. In definitiva, nessuna firma né di giorno né di notte. La sottoscrizione è calendarizzata per il prossimo mese di dicembre e il Ministro dell’Economia Gualtieri ha già chiarito, per iscritto, la sua disponibilità a riferire alle Camere l’avanzamento dei lavori e a illustrare nel dettaglio i contenuti della riforma, anche con riguardo all’intero pacchetto”, spiegano le stesse fonti.

Poi, ancora, una precisazione: “Si ricorda che, in ogni caso, il Parlamento ha un potere di veto sull’approvazione definitiva della revisione Trattato MES, e avrà modo di pronunciarsi in sede di ratifica, quindi prima di ogni determinazione finale in merito alla sua entrata in vigore”.

Nella nota si fa un salto indietro di qualche mese e si ricorda che il Presidente Conte ha riferito alle Camere il 19 giugno scorso, accogliendo la risoluzione parlamentare che impegnava il Governo ad esprimere una valutazione finale sul negoziato soltanto all’esito della definizione dell’intero pacchetto di riforme che, oltre alla revisione del MES, prevede la creazione di uno strumento di bilancio per la competitività e la convergenza nell’Eurozona (BICC) e l’approfondimento dell’Unione bancaria”. La ricostruzione prosegue: “Coerentemente con questo indirizzo del Parlamento, il 21 giugno scorso il Presidente Conte ha insistito perché fosse inserito, nelle comunicazioni finali dell’Eurosummit, un chiaro riferimento a proseguire la revisione del trattato promuovendo le differenti riforme in base ad una “logica di pacchetto”.

A seguito di questo intervento e dell’intenso confronto che ne è seguito, nel testo delle comunicazioni finali dell’Eurosummit è stata inserita la seguente formula: “Invitiamo l’Eurogruppo in formato inclusivo a proseguire i lavori su tutti gli elementi di questo pacchetto globale”, formula, questa, che non compariva nel testo precedente. Il giorno stesso, 21 giugno, dopo la conclusione dei lavori dell’Eurosummit, il testo delle comunicazioni finali è stato pubblicato sul sito del Consiglio europeo”.

I riferimenti all’ex titolare del Viminale proseguono: “Il senatore Salvini, all’epoca era Vicepresidente del Consiglio dei Ministri nonché Ministro dell’Interno, e avrebbe dovuto prestare più attenzione per l’andamento di questo negoziato, tanto più che l’argomento è stato discusso in varie riunioni di maggioranza, alla presenza di vari rappresentanti della Lega (Viceministri all’Economia e Presidenti delle Commissioni competenti). Il fatto che il senatore Salvini scopra solo adesso l’esistenza di questo negoziato è molto grave. Denota una imperdonabile trascuratezza per gli affari pubblici. Chi pretende di guidare l’Italia senza premurarsi di studiare i dossier dovrebbe quantomeno evitare di diffondere palesi falsità. Con la propaganda intrisa di menzogne non si curano certo gli interessi dei cittadini italiani”, concludono le fonti della presidenza del Consiglio (ma sul sito di Palazzo Chigi non compare ancora alcuna nota ufficiale).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati