skip to Main Content

Perché tra Torino, Trieste e Milano si borbotta su Banca Generali

Banca Generali

L’accantonamento prudenziale sui crediti sanitari deciso dai vertici di Banca Generali. Fatti, nomi, numeri e rumors nell’articolo di Gianluca Zappa

 

Che cosa succede in Banca Generali?

E’ quello che si chiedono fra Trieste, Milano e Torino (non a Roma, pare) uomini della finanza e qualche esponente dei salotti buoni (buoni ma spesso maligni o solo maliziosi) sulla banca controllata da Assicurazioni Generali.

La domanda non nasce da rumors o bisbiglii su potenziali acquirenti di Banca Generali o dossier al vaglio di advisor.

No: niente indiscrezioni.

L’interrogativo è nato leggendo la relazione semestrale pubblicata lo scorso 5 agosto da Banca Generali, che vede nel cda tra gli altri Azzurra Caltagirone (visto che la famiglia siculo-romana è azionista scalpitante di Assicurazioni Generali) e Massimo Lapucci, segretario generale della fondazione Crt.

E’ un accantonamento da 80 milioni di euro a far impensierire – o solo interrogare – taluni fra Trieste, Milano e Torino, come detto.

Che cosa c’è scritto nella relazione semestrale?

Vediamo.

Prima gli autoelogi: “Il primo semestre 2021 si è chiuso con un utile sostenuto pari a 190,1 milioni di euro, in crescita del 44% rispetto al primo semestre dello scorso esercizio. La Banca sta beneficiando di una crescita strutturale della domanda di advisory finanziaria qualificata e sta perseguendo un percorso di crescita orientato alla sostenibilità anche finanziaria dei risultati. Il positivo risultato è stato favorito dal successo delle politiche commerciali. Alla fine del semestre la Banca ha infatti raggiunto e superato il target di raccolta netta prevista nel piano industriale triennale 2019-2021 realizzando flussi netti per 14,8 miliardi di euro (contro l’obiettivo > 14,5 miliardi di euro) e ha superato il target più elevato di masse raggiungendo gli 80,4 miliardi di euro (contro il range di 76-80 miliardi di euro)”.

Poi la notizia non esaltante: “Ll stanziamento prudenziale di un accantonamento per 80 milioni di euro al fine di tutelare i propri clienti da una potenziale perdita relativa a investimenti in titoli di cartolarizzazioni di crediti sanitari riservati a clienti professionali. Si stima che il richiamato accantonamento di 80 milioni di euro rappresenti l’impatto massimo dell’offerta di acquisto che Banca Generali lancerà pagando ai propri clienti un corrispettivo non inferiore all’ammontare investito inizialmente, dedotti i rimborsi intervenuti e le cedole incassate, a fronte di un valore di presumibile realizzo inferiore rispetto a quello atteso. L’importo dell’accantonamento è stato definito nell’ipotesi che tutti i clienti aderiscano all’operazione di acquisto per un nozionale di 478 milioni di euro che rappresenta la posizione complessiva in titoli derivanti dalle cartolarizzazioni di crediti sanitari. La decisione è stata presa alla luce di alcune criticità emerse nelle procedure di recupero dei crediti sanitari, anche legate alla lunga situazione pandemica e a un’analisi del portafoglio crediti effettuata con il supporto di un operatore di mercato specializzato che ha evidenziato una valorizzazione inferiore rispetto a quella attesa. La Banca, che ha agito solamente come Placement Agent delle cartolarizzazioni, ha deciso di assumersi questo impegno per tutelare i propri clienti e rafforzare il legame fiduciario con gli stessi”.
Tutto ok?
Forse. Eppure – ha sottolineato Mf/Milano Finanza – “il tema dell’investimento nei servizi sanitari e delle complicazioni legate a questa attività era emerso un anno fa. Banca Generali aveva sottoscritto complesse obbligazioni, in alcuni casi, fatture emesse da società italiane operanti nei servizi sanitari verso lo Stato, controllate dalla ‘ndrangheta calabrese. Bond costruiti dalla boutique Cfe con sede in Svizzera, che erano riusciti a eludere i controlli antiriciclaggio, secondo quanto riportato da un’inchiesta del Financial Times. Però allora si trattava di una somma piccola, un credito da 400 mila euro di un’azienda fornitrice del Sistema sanitario nazionale, ceduto attraverso un intermediario certificato da Banca d’Italia, che è stato acquisito insieme a un pacchetto di altri crediti da Banca Generali per essere inseriti in un fondo chiuso”.
Anche se Banca Generali – fanno notare addetti ai lavori – compra solo crediti cartolarizzati dall’asset manager Cfe, che peraltro che aveva avuto autorizzazioni.
Inoltre selezione ed esame antiriciclaggio sono stati condotti dall’asset manager Cfe (le cui persone sono tutti ex banchieri di importanti banche d’affari internazionali) e autorizzati i veicoli da altre strutture regolate dalla Banca d’Italia.

Sta di fatto per la seconda estate di fila il dossier Banca Generali attira l’attenzione dei vertici delle Generali e pure della torinese fondazione Crt.

Come detto, l’anno scorso era stato un tosto articolo-inchiesta del Financial Times, il quotidiano finanziario della City, ad accendere un faro su Banca Generali che peraltro secondo alcuni osservatori sembrava una “bomba mediatica” contro l’Italia.

Con Cfe (società di advisory Cfe con sedi tra Ginevra e il Lussemburgo) Banca Generali ha da sempre un rapporto forte, e ancora più stretta è l’amicizia di uno dei soci di Cfe, Daniele Ferrero, paron del colosso cuneese del cioccolato Venchi, con l’ad di Banca Generali, Gian Maria Mossa. Ferrero vanta ottimi rapporti anche con Gianni Quaglia presidente della fondazione Crt, azionista Generali. Quaglia siede ancora oggi nel collegio sindacale di Venchi.

Secondo le indiscrezioni di Start, nel quartier generale di Generali molti si aspettavano un cambio di rotta dei vertici di Banca Generali.

Comprensibile, dunque, lo stupore degli analisti quando la semestrale di Banca Generali di pochi giorni fa ha evidenziato – come detto – massicci accantonamenti (80 milioni di euro), legati alla scelta di Mossa di ricomprare le tranche senior di cartolarizzazioni di crediti sanitari per un valore complessivo di poco inferiore al mezzo miliardo di euro.

Anche se nei report – ad esempio quelli di Beremberg e di Intesa Sanpaolo – non ci sono giudizi negativi su titolo e vertici.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore