skip to Main Content

News, Apple e la sua rivoluzione dell’editoria

Apple

iOS 9 di Apple avrà una nuova app dedicata alle notizie, manderà in pensione l’Edicola digitale di Apple. Già coinvolte nel progetto venti gruppi editoriali e 50 testate. Dalla Worldwide Developers’ Conference di Los Angeles Apple introduce le novità del nuovo sistema operativo.

Apple nel corso della Worldwide Developers’ Conference di San Francisco ha presentato il suo nuovo piano per l’editoria. Andrà in pensione la poco fortunata Edicola Digitale di Apple e vedrà luce una nuova app, News. Sarà disponibile per iPhone e iPad a partire da questo autunno nel nuovo sistema operativo iOS 9. Con News Apple si prepara a tenere botta alle novità introdotte da Instant Articles di Facebook e a numerose app già esistenti.

Apple cambia filosofia in tema di informazione. Ormai accantonato il progetto Edicola che riuniva le app delle differenti testate, Cupertino vuole offrire un servizio sempre più personalizzabile. L’idea base è quella di dare al lettore la possibilità di costruire il proprio giornale preferito selezionando le testate o gli argomenti preferiti, integrandoli con suggerimenti in base ai gusti del lettore. Basata su feed Rss, News avrà una veste grafica piuttosto sobria e leggera simile a molte app già viste. Nulla di particolarmente originale, ma il fatto che Cupertino si adatti significa che le necessità editoriali sono profondamente cambiate rispetto al passato e qualcosa di potenzialmente rivoluzionario sta investendo il mercato dell’informazione.

A Cupertino se l’aspettano per questo, in largo anticipo rispetto al lancio ufficiale, Apple ha stretto accordi con più di 20 gruppi editoriali testate corrispondenti a oltre 50 testate. Quali saranno? Le principali non mancano all’appello: Economist, Financial Times, Men’s Health, Vogue,  Guardian, Marie Clarie, People e Vanity Fair ed editori come Condé Nast, ESPN, Hearst, Time Inc., CNN e Bloomberg. News è un progetto in divenire, dalla Worldwide Developers’ Conference fanno sapere che l’app sarà comunque aperta anche ad altri operatori dell’informazione, testate locali e blog.

Intanto le testate si adattano al nuovo corso. Il New York Times renderà disponibili nel nuovo formato almeno 30 articoli al giorno e non sarà più necessario andare all’edicola o frugare nell’apposita app della testata. I siti dei giornali e i giornali stessi perderanno la loro centralità? Probabilmente si, ma aumenteranno il loro raggio d’azione arrivando in modo diretto su milioni di dispositivi. La nuova app sarà disponibile inizialmente negli Usa, nel Regno Unito e in Australia.

Apple

News si presenta come la risposta di Apple a Instant Articles di Facebook e ne ha mutuato pure il modello di finanziamento. Il 100% dei ricavi derivanti dalla pubblicità andranno direttamente all’editore che riuscirà a vendere gli spazi, altrimenti il 70% verrà trattenuto dall’aggregatore di notizie di Apple.

News sarà un successo? Vista le tante offerte è difficile da dirsi, quel che si sa è che agli editori non resta che adattarsi al nuovo corso.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore