.Economia, Economia

Fintech, 10 mila dollari per i ristoranti che dicono addio al contante

di

Visa

Per accelerare la diffusione delle carte di credito e l’addio al contante, Visa promette 10mila dollari ai ristoranti che garantiranno esclusivamente pagamenti elettronici

 

L’era delle banconote sta per finire. E il colpo finale potrebbe essere quello che sta per sferrare Visa: l’azienda leader per i pagamenti elettronici è pronta a mettere sul piatto ben 10mila dollari per ogni ristorante che vorrà aggiornare le sue tecnologie per accettare i pagamenti via carta di credito. C’è una condizione, però: il locale dovrà dire addio al contante.

E il fisco sarebbe pronto a cogliere già tutti i vantaggi (dicendo addio al sommesso). Più trasparenza,dunque, ma anche più sicurezza. Approfondiamo insieme.

Addio al contante, l’iniziativa di Visa

Visa è pronta a dare battaglia al contante. E sfodera le sue armi migliori: incentivi economici a tutti quei ristoranti che sono pronti a dire addio alle banconote per accettare solo pagamenti via carta di credito.

Visa rilascerà fino a 500.000 dollari per 50 titolari di servizi alimentari di piccola impresa, che sono sul territorio degli Stati Uniti e che si impegnano a dire addio completamente al contante”, ha scritto la società di carte di credito in un comunicato stampa .

Ogni ristorante otterrà da Visa un aiuto economico pari a 10,000 dollari per pagare gli aggiornamenti tecnologici necessari per garantire agli utenti la possibilità di pagare (esclusivamente) con carta, smartphone, orologi intelligenti o altri dispositivi (come gli occhiali da sole, secondo un nuovo progetto Visa).

Vantaggi per l’economia

L’azienda leader dei pagamenti elettronici spera che, grazie a questa iniziativa, possano crollare gli ultimi scetticismi dei commercianti sulla conversione ai pagamenti cashless. Obiettivo è infatti mostrare, attraverso i fatti, che anche la gestione del contante non è esente da svantaggi e costi: versamenti e prelievi in banca, trasporto dei liquidi affidato a società specializzate, contabilità interna complicata dalla necessità di fare verifiche manuali quotidiane.

Il pagamento attraverso carte di credito, invece, è semplice, veloce, sicuro: garantirebbero tracciabilità finanziaria e l’addio al sommerso. Abbandonare il contante può essere vantaggioso per le piccole imprese.

Società cashless: i numeri dell’Italia

pagamenti digitaliIn Italia, il contante in circolazione vale l’11,2% del Pil nazionale, più o meno 190 miliardi, grazie a una crescita dell’uso di banconote del 6,9% negli ultimi due anni. A dirlo sono gli esperti del The European House – Ambrosetti, che classificano il Paese un’economia cash-based.

In Italia, dunque, la strada verso una società senza contante, come la Svezia, appare decisamente in salita. Tra costi diretti legati alla gestione del cash in circolo e costi collaterali, come quelli legati all’evasione o al mancato supporto alla trasformazione digitale, il contante rappresenta una vera piaga per un Paese che già di suo non brilla per innovazione 2.0.

Oltre il contante, tutti i pagamenti elettronici

Pagamenti con carte

I pagamenti elettronici sono ormai cosa quotidiana. Quasi tutti hanno in tasca una carta di pagamento. Ma quanti tipi di carte esistono?

Carta di credito: è legata ad un conto corrente, l’addebito del pagamento avviene il mese successivo e all’utilizzo e la banca copre anche lo scoperto.

Carte di debito: è legata ad un conto corrente e l’addebito è immediato.

Carta Revolving: è legata ad un conto corrente, con addebito su conto il mese successivo in modalità rateale, fissa o variabile, con tasso di interesse applicato all’operazione. In pratica è una forma di finanziamento.

Carta prepagata: si tratta di una carta non legata ad un conto corrente, perchè viene ricaricata prima dell’utilizzo.

Carta Contacless: può essere di debito o di credito e non richiede firme o Pin, per pagamenti inferiori a 25 euro.

Pagamenti elettronici e nuove forme di Bonifico Bancario

E’ un pagamento soggetto ad una commissione da parte dell’ordinante. Può essere effettuato prevalentemente in due modi, mediante il servizio di home banking(sempre più di frequente disponibile anche mediante smartphone) oppure recandosi allo sportello di un istituto bancario, di cui si è o meno correntisti.

Pagamenti tramite smartphone

pagamenti digitaliAnche in questo casi ci son le carte di mezzo. Ma grazie a delle applicazioni specifiche è possibile realizzare un wallet elettronico e effettuare pagamenti cliccando su un semplice tasto di invio.

Visa e Paypal: accordo per una futura società cashless

Sempre in vista di una società senza contante, Visa e PayPal annunciano oggi l’espansione all’Europa della loro partnership strategica. Le due aziende, che già collaborano negli Stati Uniti e nell’area Asia-Pacifico, da oggi si impegneranno anche nell’area del Vecchio Continente, per accelerare l’adozione di pagamenti sicuri ed efficaci quando si effettua shopping online, in-app e nei negozi fisici.

Sempre secondo gli accordi, PayPal, grazie alla sua licenza bancaria europea, si unirà al network di istituzioni finanziarie clienti di Visa e potrà offrire account Visa* in Europa, permettendo a consumatori e aziende di utilizzare i fondi PayPal per le proprie spese in tutto il mondo, ovunque Visa sia accettata.

In pratica, grazie all’accordo, attraverso la collaborazione con i partner bancari di Visa, i consumatori saranno in grado di aggiungere le carte di pagamento Visa nel wallet PayPal facilmente da altre app bancarie. PayPal, mediante la sua licenza bancaria in Europa, avrà la possibilità di emettere account Visa* ai consumatori e alle aziende europee. La partnership permette l’estensione della partecipazione al Visa Digital Enablement Program (VDEP) anche all’Europa. VDEP garantisce ai partner Visa l’accesso alla tecnologia di tokenizzazione, che rende possibili pagamenti semplici e sicuri da cellulari e da qualsiasi dispositivo connesso. Ciò aiuterà a espandere l’uso di PayPal a tutti gli esercenti che accettano Visa presso punti fisici.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati