skip to Main Content

Tutti i licenziamenti che partiranno da Boeing in autunno

Boeing Licenziamenti

Boeing ridurrà il personale nei dipartimenti di tecnologia dell’informazione e finanza. L’azienda sta compiendo questo passo per semplificare la propria struttura societaria. Che cosa sta succedendo

 

A ottobre “decolleranno” i primi avvisi di licenziamento da Boeing.

Boeing ha dichiarato martedì che prevede di tagliare circa 150 posti di lavoro nel settore finanziario negli Stati Uniti quest’anno per semplificare la sua struttura aziendale e concentrare più risorse nella produzione e nello sviluppo dei prodotti.

La società ridurrà il personale nei suoi dipartimenti di tecnologia dell’informazione e finanza, ha affermato Boeing in una dichiarazione inviata via e-mail a Reuters.

Boeing ha affermato di aver aumentato la sua forza lavoro di circa 10.000 dipendenti all’inizio di quest’anno e di aumentare le assunzioni nei suoi dipartimenti di ingegneria e produzione per rispondere alla domanda del mercato.

Due anni fa Boeing aveva deciso già di licenziare migliaia di dipendenti nel tentativo di ridurre i costi operativi dell’azienda nel mezzo della pandemia Covid-19 ha devastato il settore aereo e aerospaziale.

Tutti i dettagli.

LA SFORBICIATA ALL’UNITÀ FINANZIARIA DELL’AZIENDA

Boeing ha dichiarato martedì che circa 150 posti di lavoro a livello nazionale saranno tagliati nel primo lotto di licenziamenti, con altri in arrivo il prossimo anno e successivamente. A ottobre usciranno i primi avvisi di licenziamento.

Secondo il SeattleTimes, il produttore di aerei americano inizierà a esternalizzare lavori finanziari e contabili a Tata Consultancy Services of India.

“Il team finanziario sta pianificando livelli di personale inferiori in quanto semplifica i processi, migliora l’efficienza e condivide il lavoro selezionato con un partner esterno”, ha affermato Boeing in una nota, aggiungendo che “valuterà gli impatti futuri man mano che il processo proseguirà nei prossimi anni”.

Il gruppo finanziario della società prima della pandemia era composto da circa 6.000 dipendenti in tutta l’azienda.

I LICENZIAMENTI DOVUTI ALLA CRISI COVID

Nel bel mezzo della pandemia, Boeing ha tagliato circa 20.000 posti di lavoro nel 2020 in tutta l’azienda, 15.000 dei quali nello stato di Washington. L’anno scorso, ha tagliato altri 1.000 posti di lavoro nello stato di Washington, segnala sempre il SeattleTimes.

Quest’anno, quando la domanda di viaggi aerei è tornata e la Boeing ha iniziato ad aumentare la produzione del 737 MAX e ha investito risorse ingegneristiche per risolvere i problemi del 787 e vari progetti di difesa, l’azienda ha iniziato a riassumere e aggiungere posti di lavoro, principalmente nell’ingegneria e nella produzione.

Il mese scorso, il governo degli Stati Uniti ha approvato la consegna del primo Boeing 787 Dreamliner dal 2021. Gli aerei sono stati bloccati per più di un anno per problemi di qualità, che il colosso americano ha dovuto risolvere. Secondo i rapporti stampa, la Federal Aviation Authority (Faa), l’autorità americana di regolamentazione del settore aereo, ha giudicato soddisfacenti le azioni correttive predisposte da Boeing. Nel settembre 2020, la Faa ha dichiarato che stava indagando sui difetti di produzione in alcuni aerei di linea 787.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore