Mobilità

Che cosa succede a prezzi e tempi dei Frecciarossa di Trenitalia (Ferrovie)

di

Fatti, numeri e approfondimenti su alcune variazioni dei biglietti Frecciarossa. Mentre crescono i contributi dello Stato per Trenitalia, Le novità svelate da Start Magazine e La Stampa

Anche i giornali di carta, dopo Start Magazine, si accorgono che i prezzi dei treni Frecciarossa di Trenitalia (gruppo Ferrovie Italiane, controllato dal Tesoro), sono aumentati.

Il quotidiano La Stampa, in un articolo di Nicola Lillo, sabato scorso hanno dato conto in maniera dettagliata degli incrementi sui prezzi dei biglietti per l’Alta Velocità.

TRENITALIA, PREZZI IN AUMENTO

L’aumento del prezzo dei biglietti riguarda tutte le tratte ad Alta velocità. L’aumento è proporzionale, in base alla tratta ed al tipo di biglietto. “Sulla tratta Milano-Roma, per esempio, l’aumento varia tra il 2% e il 4%. Guardando alla tariffa base, per i livelli standard e premium della tratta Roma-Milano l’aumento è pari a 3 euro, mentre per i livelli business ed executive l’aumento è pari a 5 euro”, aveva spiegato Trenitalia a Start Magazine, sottolineando che sono esclusi dagli incrementi gli abbonamenti.

E GLI AUMENTI PER LE ALTRE TRATTE?

Qual è la percentuale del ritocco verso l’alto nelle altre tratte? Start lo ha chiesto il 4 luglio 2019. Attendiamo al momento la risposta. Comunque si tratta, aveva spiegato Trenitalia, di aumenti “fisiologici”. Come scrive La Stampa, da due anni i prezzi sarebbero fermi e mentre sarebbero aumentato i costi industriali.

DOSSIER FRECCIAROSSA

C’è da dire, comunque, che le Frecce “circolano sul territorio nazionale grazie ai biglietti venduti”, ha spiegato La Stampa “e seguono dunque regole di mercato, diversamente dai treni regionali”.

IL SISTEMA DELLE TARIFFE

Parlando di costo dei biglietti, c’è da dire anche che il sistema delle tariffe è cambiato. Prima si prenota, più si risparmia: ci sono nove livelli di prezzo. E poi ci sono le offerte. “Per i mesi estivi si aggiunge Carta Freccia Estate, che permette uno sconto del 50% a tutti coloro che sono possessori di carta freccia”, hanno detto da Trenitalia.

COME AUMENTA IL CONTRIBUTO DELLO STATO PER TRENITALIA

Dal bilancio 2018 appena depositato di Trenitalia, emerge che lo Stato ha incrementato le risorse per la controllata del gruppo capeggiato da Gianfranco Battisti: La voce Ricavi da servizi di trasporto, è scritto, “ammonta a 5.206.607 mila euro e mostra un incremento di 43.338 mila euro, attribuibile sostanzialmente alla voce Corrispettivi per contratti di servizio pubblico, che include i corrispettivi derivanti da contratto di servizio pubblico con lo Stato per la Media e Lunga Percorrenza e per i servizi indivisi regionali pari ad 358.727 mila euro (nel 2017 pari a 342.498 mila euro) e corrispettivi da contratti di servizio con le Regioni pari a 1.697.602 mila euro (nel 2017 pari a 1.666.352 mila euro)”.

DILAZIONE DEI TEMPI

Non solo prezzi e contributi. Altro tema sollevato da alcuni lettori di Start è quello dei tempi. “E’ una questione circoscritta alla tratta ad alta velocità Bologna-Firenze. Domenica 9 giugno sono iniziati dei lavori di manutenzione che, nella sola direzione Sud, portano a tempi dilatati di 8 minuti, anche per i treni Italo. Si tratta di lavori necessari a 10 anni dal debutto dell’alta velocità”, aveva spiegato a Start Rete ferroviaria italiana (Rfi, gruppo Fs).

Ha aggiunto La Stampa: “Consistono nella sostituzione di binari, traversine e pietrisco e richiedono l’attivazione di rallentamenti nei tratti interessati dai lavori”.

I tempi per viaggiare da Roma a Milano sono passati da 2 ore e 55 minuti, e 2 ore e 59 minuti a, rispettivamente, 3 ore e 03 minuti e 3 ore e 07 minuti. Ci sono Frecciarossa che impiegano anche 3 ore e 27 minuti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati