skip to Main Content

Stellantis, Psa, Bmw, Vw e non solo: l’Euro 7 farà sbandare l’industria auto?

Immatricolazioni Auto Bmw

La Commissione Ue lavora a nuovi standard Euro 7, ma le indiscrezioni sui nuovi limiti alle emissioni preoccupano gruppi del settore e governi

 

Non solo Covid. Tra i grattacapi dell’industria automobilistica e del suo futuro ci sono anche i nuovi limiti dei veicoli Euro7. Limiti ai quali è a lavoro la Commissione Ue, e che nelle scorse settimane hanno preoccupato (e non poco) case auto e governi, che a causa delle severe restrizioni potrebbero fare i conti con importanti difficoltà delle loro aziende all’occhiello.

LE CRITICHE FRANCESI AD EURO 7

Tra i più preoccupati c’è il ministro francese dell’Economia Bruno Le Maire, che nelle scorse ore, in un’intervista a Le Figaro, senza utilizzare mezzi termini ha affermato: “Gli standard ambientali europei devono rimanere un fattore di incentivo, non distruttivo per la nostra industria. Sono in corso trattative sull’Euro 7 e sia chiaro: in questa fase, questo standard non è per noi conveniente. Alcune delle proposte che circolano sono eccessive. I nostri costruttori non saranno in grado di tenere il passo”.

STELLANTIS: REGOLE OLTRE LA FISICA

A conferma di quanto detto dal ministro, in effetti, arrivano le parole del ceo di Stellantis, Carlos Tavares: “Allo stato attuale, lo standard Euro 7 va oltre le semplici regole della fisica. Così, sarebbe semplicemente impossibile continuare a produrre auto endotermiche”. Lo stesso manager, scrive La Verità, chiede un “dialogo costruttivo e rispettoso” tra le aziende e le istituzioni europee, ribadendo che per troppo tempo le norme sono state scritte senza un vero confronto con l’industria.

L’INCONTRO STELLANTIS-RENAULT

Confronto che sicuramente ci sarà in Francia: “Il 26 aprile prossimo incontreremo le principali realtà industriali francesi per discuterne insieme con Stellantis e Renault, sperando di trovare interlocutori pragmatici e realisti. Il mondo automobilistico sta affrontando la più importante trasformazione tecnologica degli ultimi cento anni ma in un contesto economico di grande crisi e non di sviluppo come era capitato in passato”, ha detto Le Maire, sottolineando che davanti a limiti restrittivi di emissioni e NOx, “entro il prossimo decennio potrebbero scomparire 50.000 posti di lavoro soprattutto tra i fornitori”.

LE PREOCCUPAZIONI TEDESCHE SU EURO 7

Anche in Germania ci si preoccupa per il futuro di Daimler, Volkswagen e Bmw. Il ministro dei Trasporti tedesco, Andreas Scheuer, invoca limiti tecnicamente raggiungibili, seppur ambiziosi.

“Non dobbiamo perdere l’industria automobilistica europea, perché altrimenti quest’ultima andrà altrove. Dobbiamo essere moderni e innovativi, anche con specifiche rigorose, ma il tutto deve rimanere conveniente e fattibile”, ha affermato il ministro.

I NUOVI LIMITI CON EURO 7

Quello che è certo è che i nuovi limiti sono ancora in discussione presso i tavoli tecnici della Commissione Ue, che intende abbattere le emissioni inquinanti delle quattro ruote. Nelle scorse ore, comunque, l’Agves, ovvero l’Advisory Group on Vehicle Emission Standards, ascoltando paure e preoccupazioni, scrive Quattroruote, ha rivisto le sue raccomandazioni originarie, presentando limiti di NOx “tecnicamente raggiungibili”, aumentando la tolleranza degli ossidi di azoto da 10 a 30 milligrammi per chilometro.

TEMPI INCERTI

Anche i tempi dell’entrata in vigore potrebbero allungarsi e passare dal 2025 al 2027. E anche in questo caso le Case auto verrebbero accontentate, con due anni in più per sperimentare le innovazioni che potrebbero aiutarle a raggiungere gli obiettivi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore