skip to Main Content

Silk-Faw, ecco l’alleanza Cina-Usa che elettrizzerà la motor valley italiana

Bonaccini Emilia Romagna

1 miliardo di euro di investimenti e oltre mille posti di lavoro: tutti gli annunci della joint venture sino-americana Silk-Faw a Reggio Emilia per le auto elettriche, nel cuore della motor valley

 

I cinesi di Faw, in joint venture con gli americani di Silk EV, costruiranno una fabbrica per la produzione della supercar elettrica nell’area di Gavassa, a nord di Reggio Emilia.

Previsti oltre 1 miliardo di euro di investimenti per la realizzazione, anche, di un centro di ricerca e sviluppo. Tutti i dettagli.

FAW E SILK SCELGONO REGGIO EMILIA

Silk EV, società americana di ingegneria e design automotive, e FAW, uno dei maggiori produttori automobilistici cinesi, a tre mesi dall’annuncio della joint venture, hanno individuato nella zona a nord est di Reggio Emilia, a Gavassa, l’area ideale per la produzione di una gamma di veicoli ibridi plug-in ed elettrici di alta gamma e ad alte prestazioni.

“Siamo entusiasti che il nostro stabilimento produttivo sorgerà nel comune di Reggio Emilia. Questa è un’area iconica per l’intero network automotive e una location ideale che risponde perfettamente alle nostre necessità logistiche e produttive” ha detto Jonathan Krane, presidente della Silk-Faw.

IL SITO

L’impianto di produzione nascerà su un’area di circa 320 mila metri quadrati, posizionata a pochi chilometri dalla stazione ferroviaria di Reggio Emilia, a soli 20 minuti d’automobile da Bologna e 40 da Milano.

Il sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi, ha anche ipotizzato un possibile nuovo svincolo autostradale, Reggio Emilia Est, per migliorare i collegamenti con l’area di Modena.

COSA FARANNO LE DUE AZIENDE

Nella fabbrica situata nel cuore della Motor Valley italiana, la joint venture progetterà e realizzerà i modelli della serie S di Hongqi. Usciranno dallo stabilimento di Reggio Emilia sia la Hongqi S9, la prima della serie “S”, progettata da Walter De Silva e svelata all’Autoshow di Shanghai, che la Hongqi S7.

Silk-FAW, realtà con 130mila dipendenti e 3,5 milioni di vetture vendute nel 2019, prevede di lanciare i nuovi modelli di lusso entro il 2023, ma ancora non c’è alcun accordo di programma.

I NUMERI DEL PROGETTO SILK E FAW

Quel che è certo è che il tutto comporterà almeno 1 miliardo di euro di investimenti, creando più di mille posti di lavoro diretti e diverse altre migliaia nell’indotto.

LA MOTOR VALLEY SI ARRICCHISCE

Si tratta di un bel colpo per la Motor Valley italiana che già “oggi vanta la presenza di 16.500 aziende e oltre 90mila addetti del settore motori, con 16 miliardi di fatturato annuo e un export di 7 miliardi”, scrive Repubblica, e che è la culla, ricorda Stefano Bonaccini, Governatore dell’Emilia Romagna, di brand quali Maserati e Ferrari, la Toro Rosso, Dallara.

IL COMMENTO DI BONACCINI

“Silk-FAW sceglie la Motor Valley per la produzione di auto elettriche di alta gamma: investimento da 1 miliardo € per oltre mille posti di lavoro. La sede a Reggio Emilia. Progetto industriale di portata mondiale. Assieme alla RegioneER vince il Paese”, commenta il presidente Pd della Regione su Twitter.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore