Mobilità

Renata Pavlov, chi è la presidente della neonata Fincantieri China

di

nave cinese fincantieri

Il curriculum di Renata Pavlov, già capo della segreteria dell’ex ministro dell’Economia, Tria, nominata da Bono presidente di Fincantieri China

 

Dal Mef a Fincantieri: nuovo incarico sempre più rilevante per Renata Pavlov, già capo della segreteria tecnica al Tesoro quando al Mef durante il governo Conte 1 era retto da Giovanni Tria.

Pavlov aveva lavorato per Tria quando l’economista ed ex titolare del dicastero dell’Economia era avertici della Scuola nazionale dell’amministrazione (Sna).

Per il ruolo pervasivo nel Mef, Pavlov era stata dipinta dal Fatto Quotidiano e da La Verità come la zarina del dicastero.

Ora Pavlov è stata chiamata dal deus ex machina del gruppo Fincantieri da tempo in espansione in Asia a caccia di nuovo business per il gruppo della cantieristica italiana controllato da Cdp Industria, Giuseppe Bono, alla presidenza della neo costituita Fincantieri China (nella foto la sigla dell’accordo di ieri con la presenza di Pavlov).

Di seguito il curriculum pubblico di Pavlov e in fondo l’articolo di ieri di Start Magazine sull’accordo comunicato da Fincantieri sulla cerimonia della moneta della prima nave da crociera che Shanghai Waigaoqiao Shipbuilding Co. Ltd (Sws) — controllata di China State Shipbuilding Corporation (Cssc), il maggiore conglomerato cantieristico cinese — sta costruendo per Cssc Carnival Cruise Shipping Limited, la joint venture tra Carnival Corporation e Cssc che si occuperà anche dell’unità.

+++

IL CURRICULUM DI RENATA PAVLOV

11/2012–alla data attuale: Direttore Esecutivo MENA-OECD,Governance Programme Centre (Italia) Direttore Esecutivo del Centro OCSE in Italia, con la responsabilità di sviluppare e organizzare attività di capacity building e di formazione nella regione MENA; coordinamento dei rapporti istituzionali con i Paesi OCSE e MENA; attività di fundraising presso i soggetti istituzionali e privati nazionali ed internazionali;

2014–alla data attuale: Docente temporaneo per le materie Leadership e HR Management Scuola Nazionale dell’Amministrazione, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Roma (Italia)

11/2011–08/2013: Consulente Senior per gli Affari internazionali Agenzia per la Diffusione delle tecnologie per l’innovazione ( di seguito Agenzia per l’Italia digitale), Presidenza del Consiglio dei Ministri, Milano (Italia) coordinamento delle relazioni bilaterali e multilaterali nell’ambito del progetto “Italia degli innovatori”; promozione e coordinamento degli incontri tra i rappresentanti delle istituzioni italiane e delle istituzioni russe, cinesi e brasiliane nell’ambito del progetto di cui sopra; progettazione e coordinamento delle attività attinenti ai progetti internazionali

06/2008–11/2011: Consigliere per gli Affari Internazionali del Ministro Presidenza del Consiglio dei Ministri (Italia) relazioni bilaterali, europee e multilaterali e quelli attinenti alla cooperazione presso il Gabinetto del Ministro; progettazione e coordinamento degli eventi a livello internazionale (partecipazione del Dipartimento dell’Innovazione all’Expo Shanghai; Riunione Ministeriale dei Paesi OCSE sulla governance); ideazione e coordinamento di progetti internazionali

02/2007–06/2008: Consulente per gli Affari Europei Goldman Sachs, Bruxelles (Belgio) attività di relazioni europee (Commissione europea e Parlamento europeo) e attività di lobbying 07/2005–05/2007 Consigliere per le relazioni internazionali ed europee Cecodhas, Bruxelles (Belgio) consigliere per le relazioni internazionali ed europee del Presidente; raccordo tra le istituzioni europee e membri dell’organizzazione; coordinamento e controllo delle attività relative a progetti europei nell’ambito delle politiche abitative sostenibili Attività o settore Organizzazione europea per le politiche abitative sostenibili

06/2005–06/2007: Consulente per gli Affari europei ed internazionali Open Society Foundation, New York (Stati Uniti d’America) consulente per i progetti relativi all’EU Monitoring and Advocacy Program e per i progetti relativi all’AfriMAO attinenti alla buona governance e ai diritti umani nei paesi dell’Africa subsahariana

06/2004–06/2005: Direttore della Comunicazione internazionale Fondo Charme, Milano (Italia) attività di media relation internazionale; progettazione e coordinamento del piano di comunicazione; coordinamento di eventi internazionali Attività o settore Industria

01/2002–05/2004: Consulente per la Comunicazione internazionale Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Gabinetto del Ministro (Italia) attività di relazioni internazionali e di media relation esteri, con la particolare attenzione al Semestre di Presidenza Italiana 01/2001–01/2002 Dirigente IPSE 2000, Roma, Milano (Italia) Responsabile per le attività di comunicazione e di affari esterni ed internazionali Attività o settore Industria ICT 1998–2001 Responsabile Area Stampa estera Finmeccanica SpA, Roma (Italia) Responsabile Area stampa estera

1995–1997: External Communications Officer Organizzazione delle Nazioni Unite, New York (Stati Uniti d’America) funzionario temporaneo presso Energy& Environment Group”, UN Development Program

ISTRUZIONE E FORMAZIONE DI PAVLOV

1991 Master of Business Administration University of Pennsylvania, Philadelphia (Stati Uniti d’America)

1989 Master of Arts (MA) in Filosofia e Lingue Moderne Universita Komenskeho, Bratislava (ex-Cecoslovacchia, attuale Rep. Slovacca))

1984–1988 Laurea in Relazioni Internazionali Universitat Wien, Vienna (Austria)

+++

Come sarà la prima nave da crociera cinese che costruirà Fincantieri (non ditelo a Macron)

Salpa la collaborazione di Fincantieri con la Cina.

Si sono tenuti oggi presso il cantiere di Shanghai l’avvio dei lavori in bacino e la cerimonia della moneta della prima nave da crociera che Shanghai Waigaoqiao Shipbuilding Co. Ltd (Sws) — controllata di China State Shipbuilding Corporation (Cssc), il maggiore conglomerato cantieristico cinese — sta costruendo per Cssc Carnival Cruise Shipping Limited, la joint venture tra Carnival Corporation e Cssc che si occuperà anche dell’unità.

La nave si inserisce negli accordi stretti nel 2017 da Fincantieri, China State Shipbuilding Corporation (Cssc) e Carnival Corporation & plc, dal valore di 1,5 miliardi di dollari per la costruzione di due navi da crociera, e ulteriori quattro in opzione, che saranno le prime unità di questo genere mai realizzate in Cina per il mercato cinese.

Come si legge nel comunicato odierno del gruppo cantieristico di Trieste, “la joint venture costituita da Fincantieri e Cssc Cruise Technology Development Co. Ltd (CCTD) fornirà in licenza a Sws la piattaforma tecnologica e una serie di servizi tecnici, tra i quali attività di project management, gestione della catena di fornitura e vendita di sistemi e componenti fondamentali. Il design di bordo sarà appositamente personalizzato secondo i gusti specifici dei clienti cinesi”.

“L’avanzamento della fase produttiva nel pieno rispetto della tabella di marcia è un ottimo segnale per l’industria del cruise in Cina e conferma il grande impegno messo in campo da Fincantieri, Cssc e dal gruppo Carnival in un momento così difficile come quello che stiamo vivendo”. Ha commentato così Giuseppe Bono, ad di Fincantieri.

Tutti i dettagli.

LA PRIMA NAVE DA CROCIERA CINESE

La nuova nave, la cui consegna è prevista nel 2023, avrà la capacità di ospitare a bordo circa 4.250 passeggeri, oltre a 1.400 membri dell’equipaggio. Come dicevamo, si tratta della prima nave da crociera realizzata in Cina per il mercato cinese.

COSA FARÀ MARINE INTERIORS

Inoltre, Marine Interiors, controllata di Fincantieri e player a livello internazionale nella progettazione e realizzazione di aree pubbliche, aree catering e vetrate, ha firmato con Sws il contratto di fornitura per circa 2.800 cabine destinate alla prima unità del programma.”A dimostrazione della validità della vision iniziale di Fincantieri di presidiare e valorizzare la catena di fornitura. Il coinvolgimento di Marine Interiors, infatti, avrà ricadute positive per il territorio italiano, in cui è radicata l’azienda, attraverso la fornitura di materiali e componenti che saranno successivamente installati in Cina, con la supervisione di Fincantieri China”. Si legge nella nota del gruppo.

LA COLLABORAZIONE TRA FINCANTIERI E CSSC

Nell’agosto 2018 Fincantieri, il gruppo della cantieristica controllato da Fintecna-Cdp-Tesoro, ha firmato un Memorandum of Understanding con China State Shipbuilding Corporation (Cssc) per l’ampliamento della cooperazione industriale già in essere tra i due gruppi a tutti i segmenti delle costruzioni navali mercantili.

LA COMMESSA DA 1,5 MILIARDI DI DOLLARI

Nel febbraio del 2017 infatti Fincantieri, Cssc e Carnival Corporation avevano stipulato un accordo vincolante dal valore di 1,5 miliardi di dollari per la costruzione presso il cantiere di Shanghai Waigaoqiao Shipbuilding (Sws) di due navi da crociera, e ulteriori quattro in opzione. Il gruppo ha inoltre firmato una lettera di intenti (LOI) con CSSC e con il distretto di Baoshan della città di Shanghai per lo sviluppo della supply chain dedicata alle attività crocieristiche, ma anche cantieristiche e marittime, e un accordo di cooperazione esclusiva nell’ambito delle riparazioni e trasformazioni navali con Huarun Dadong Dockyard (HRDD), tra i maggiori cantieri cinesi specializzati in repair and refitting, volto a servire le navi da crociera che hanno come base operativa la Cina.

IL MERCATO CINESE

Come primo mercato al mondo per turismo all’estero, i 142 milioni viaggiatori dalla Cina hanno speso circa 258 miliardi di dollari nel 2017, secondo l’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite (Unwto). In confronto, l’industria cruise cinese ha servito solo circa 2,5 milioni di turisti l’anno nel 2017, rappresentando meno del 2% del totale.

Secondo il ministero cinese dei Trasporti, il mercato croceristico cinese ha una potenzialità di crescita stimata in in 8-10 milioni nel 2030 (da 1 milione del 2015) con un trend che se confermato lo porterebbe a diventare il primo al mondo in assolut0.

La Cina, pertanto, rappresenta un’opportunità molto significativa per l’industria crocieristica, presentando ancora un basso tasso di penetrazione e con proiezioni a lungo termine che prevedono la crescita del turismo, e che dovrebbero portare il Paese a diventare il più grande mercato cruise al mondo.

CHE FA TRABALLARE L’ACQUISIZIONE DEI FRANCESI CHANTIERS DE L’ATLANTIQUE (EX STX)

Ma proprio la collaborazione di Fincantieri con la Cina rischia di far traballare l’operazione del gruppo italiani nei cantieri francesi. È stata rimandata alla fine dell’anno infatti la vendita di Chantiers de l’Atlantique (ex Stx France di cui l’84,3% nelle mani dello Stato francese) a Fincantieri.

Il 31 ottobre è scaduto l’offerta di riacquisto dei cantieri navali di Saint-Nazaire da parte del gruppo di Trieste. A destare la preoccupazione di Parigi sulla cessione dell’ex Stx proprio i rischi di trasferimenti di tecnologia alla Cina, partner del potenziale acquirente. Il presidente della commissione Affari economici del Senato francese ha messo in guardia sui rischi per la Francia. “Questa futura acquisizione potrebbe offrire una via d’accesso al suo concorrente più pericoloso, il colosso cinese China State Shipbuilding Corporation (CSSC). Dal 2016 una partnership con quest’ultima ha infatti consentito a Fincantieri di costruire navi di linea direttamente sui propri cantieri di Shanghai, per conto dell’American Carnival, la compagnia di crociere leader a livello mondiale. Da temere quindi un trasferimento di tecnologie, civili ma anche militari, verso l’Asia”.

Non solo, l’offerta di Fincantieri per l’ex Stx è anche in attesa (ancora) dell’approvazione dell’antitrust Ue. Lo scorso ottobre la Commissione europea ha avviato infatti un’indagine approfondita per valutare l’operazione alla luce del regolamento Ue sulle concentrazioni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati