Mobilità

Ford, Stellantis, General Motors: le case auto non sgommano più con la gomma?

di

ford gomma

La scarsità di gomma nuovo grattacapo per le case automobilistiche? L’approfondimento di Bloomberg

 

Le case automobilistiche che lottano con chiusure di impianti indotte da pandemie e una carenza globale di chip stanno ora devono affrontare un altro problema della catena di approvvigionamento: la diminuzione delle forniture di gomma.

Le linee di navigazione bloccate stanno interrompendo il movimento della gomma naturale, un materiale chiave usato nei pneumatici e nei componenti sotto il cofano. Con l’offerta globale già a corto di scorte a seguito della Cina e una devastante malattia delle foglie, i prezzi della gomma sono in aumento e alcuni fornitori di auto degli Stati Uniti si stanno affrettando a garantire le spedizioni prima che il mercato venga ulteriormente schiacciato – scrive Bloomberg.

Mentre le aziende di quasi tutti i mercati sono alle prese con le carenze, forse nessun settore è stato colpito più duramente di quello delle auto. Molte piante sono state fermate da una crisi dei semiconduttori che sta costando decine di miliardi di dollari di mancati guadagni, mentre i materiali, dalla schiuma per sedili al metallo alla resina plastica, stanno diventando più difficili da trovare. L’industria, che ha a lungo fatto affidamento sulla produzione just-in-time per ridurre i costi, sta scoprendo di avere una flessibilità limitata per affrontare i disturbi della catena di approvvigionamento causati dalla pandemia.

La carenza di gomma minaccia di interrompere ulteriormente la produzione di veicoli proprio mentre la domanda rimbalza e l’amministrazione Biden innaffia l’economia statunitense con 1.900 miliardi di dollari di spese di stimolo. E i problemi della gomma potrebbero rivelarsi particolarmente spinosi perché gli alberi hanno bisogno di sette anni per maturare, rendendo improbabile che l’offerta rimbalzi rapidamente.

“È come i tovaglioli di carta all’inizio della crisi del Covid”, ha detto Steve Wybo, che dirige il gruppo di pratica auto alla società di consulenza Conway MacKenzie fuori Detroit. “Se riesci a mettere le mani su un po’ di plastica o di gomma, ne ordinerai più del necessario perché non sai quando sarai in grado di procurartela”.

Ford Motor Co. e Stellantis NV, precedentemente conosciuta come Fiat Chrysler, dicono che stanno monitorando la situazione della gomma ma non hanno ancora sentito un impatto. General Motors Co., allo stesso modo, dice che non è preoccupata per la sua fornitura di gomma. La francese Michelin, uno dei più grandi produttori di pneumatici del mondo, sta aggirando la congestione dei porti usando spedizioni aeree direttamente dall’Asia.

Ma per i fornitori che dipendono dalla distribuzione negli Stati Uniti, la gomma è già una preoccupazione.

La gomma naturale è prodotta dalla linfa bianca degli alberi che si trovano nei climi caldi e umidi di paesi come la Thailandia e il Vietnam. Mentre la gomma sintetica derivata dal petrolio è preferita per alcune applicazioni, la versione naturale ha proprietà che sono fondamentali per prodotti come i guanti e i nastri da imballaggio – entrambi i quali hanno visto aumentare la domanda durante la pandemia. E come componente critico nei pneumatici e nelle parti anti-vibrazione sotto il cofano, è più strettamente associata all’industria automobilistica che a qualsiasi altra.

L’industria della gomma è dominata da piccoli proprietari, il che rende difficile per i produttori adattarsi rapidamente quando la domanda cambia, i prezzi fluttuano o emergono problemi nella catena di approvvigionamento. Non è l’unico mercato delle materie prime che non ha una soluzione facile: ci potrebbe essere un deficit di rame di 10 milioni di tonnellate entro il 2030 se non vengono approntate nuove miniere, secondo il trader di materie prime Trafigura Group.

La Thailandia, il più grande produttore ed esportatore di gomma del mondo, ha lottato con prezzi persistentemente bassi per diversi anni prima della pandemia, portando gli agricoltori a tagliare più alberi per compensare il reddito più basso – e dando loro pochi incentivi a piantarne altri. L’offerta si è stretta sulla domanda di guanti di gomma durante la pandemia, ed è stata anche impoverita da elementi naturali, tra cui siccità, inondazioni e una malattia delle foglie nei paesi produttori più importanti del mondo.

I problemi di approvvigionamento non hanno iniziato a colpire gli Stati Uniti fino alla seconda metà dello scorso anno, quando la Cina, il più grande mercato automobilistico del mondo e il principale consumatore di gomma naturale, ha approfittato dei prezzi bassi e di una ripresa della sua economia per fare acquisti sostanziali, ha detto Whitney Luckett, proprietario di Simko North America, un distributore di gomma naturale con sede a Colorado Springs, Colorado – uno dei soli tre negli Stati Uniti.

La fornitura di gomma degli Stati Uniti è diventata così stretta alla fine dell’anno scorso che alcuni distributori hanno finito le scorte di riserva, ha detto Mike Jones, direttore del sourcing globale di Intertape Polymer Group, che produce nastro per le società di e-commerce.

Questo si vede nel prezzo dei futures sulla gomma. La gomma naturale è salita a circa 2 dollari al chilogrammo alla fine di febbraio, un massimo di quattro anni, prima di un recente calo, come mostrano i dati Bloomberg. Robert Meyer, l’ex amministratore delegato del gigante della gomma Halcyon Agri Corp. Ltd., vede i prezzi salire fino a 5 dollari nei prossimi cinque anni.

“I problemi di fornitura che stiamo vedendo ora sono strutturali”, ha detto Meyer, ora amministratore delegato della società di venture Angsana Investments Private Ltd. a Singapore. “Non cambieranno molto presto”.

La situazione sta esponendo i pericoli delle pratiche di produzione just-in-time che sono state il vangelo dell’industria automobilistica per decenni, secondo Tor Hough, fondatore della società di ricerca Elm Analytics. Mantenendo l’inventario snello per controllare i costi, le aziende sono vulnerabili durante i periodi di maggiore volatilità della catena di approvvigionamento. La carenza di semiconduttori – esacerbata dalle case automobilistiche che tagliano gli ordini durante gli arresti di Covid-19 – potrebbe costare 61 miliardi di dollari di mancate entrate quest’anno, secondo la società di consulenza AlixPartners.

I recenti acquisti di gomma della Cina hanno evidenziato un’ulteriore vulnerabilità per gli Stati Uniti, che non hanno scorte nazionali per servire da rete di sicurezza per le aziende nazionali, ha notato Dan Finkenstadt, professore alla Naval Graduate School of Defense Management di Monterey, California.

“La gente ha creduto per molto tempo che la domanda di mercato e il capitalismo sarebbero stati sempre presenti”, ha detto. “Non è quello che succede in un’emergenza naturale dove tutti tirano allo stesso tempo”.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati