Mobilità

Fca, Psa, Daimler, Bmw, Toyota e non solo: chi frena e chi accelera nelle immatricolazioni Ue

di

immatricolazioni auto

Pessima performance di Renault e Daimler. Calano anche Fca e Psa. Bene Toyota e Bmw. Tutti i dettagli sulle immatricolazioni auto di gennaio in Europa

Gennaio parte con la retromarcia per le immatricolazioni auto in Europa: le vendite nel primo mese del 2020 sono calate del 7,5% nella Ue a 28. Il mercato soffre, spiega Acea, l’Associazione Europea dei produttori di auto, dell’indebolimento delle condizioni economiche globali e dell’incertezza causata dall’uscita del Regno Unito dall’Unione europea.

In calo le immatricolazioni di Psa ed Fca, in trattative per convolare a nozze, e di Renault e Daimler. Tutti i dettagli.

LE IMMATRICOLAZIONI DI GENNAIO

Dopo un dicembre 2019 decisamente positivo (+ 21,4% a 1,26 milioni di vetture, qui i dettagli), le immatricolazioni di gennaio 2020 nell’Unione Europa a 27 Stati (escluso il Regno Unito per la Brexit, dunque) sono scese del 7,5% rispetto a gennaio 2019.

Pesano sul risultato alcune modifiche fiscali annunciate da alcuni Stati membri, ma anche un clima generale di incertezza economica.

Se si considera il mercato Ue, più l’EFTA, l’Associazione europea del libero scambio (Svizzera, Islanda e Norvegia) ed il Regno Unito, si registra un calo del 7,4%.

VENDITE IN CALO NELLE GRANDI ECONOMIE

Le immatricolazioni sono calate in tutte le grandi economie europee: calano le vendite in Francia (-13,4%), in Spagna (-7,6%) e in Germania (-2,3%). Male anche il mercato italiano, che cala del 5,9% a gennaio, ma fa meglio della media europea.

Nel Regno Unito, invece, le immatricolazioni scendono del 7,3%.

Segnano un dato in controtendenza Lituania (+35%) e Cipro (+14.2%).

IL CALO DI FCA (E NON SOLO)

Performance negativa per Fiat Chrysler Automobiles nel primo mese dell’anno: le immatricolazioni scendono del 6,4% nel complesso dell’Unione Europea più EFTA e UK. La sua futura sposa, invece, lascia su strada il 14%. Più marcato il calo di Renault a meno 16,4%, mentre la tedesca Daimler registra un calo nelle vendite del 10.1%. Ford perde il 18.6% e Volvo il 14.7%.

Lievissimo il calo di Volkswagen, che perde solo lo 0.1%.

TOYOTA E BMW BRINDANO

Possono gioire, invece, Toyota e Bmw. Nonostante lo scenario negativo, la casa auto giapponese registra un incremento delle vendite di oltre il 10%, mentre la tedesca segna un più 3.8%.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati