skip to Main Content

F-35, cosa prevede il nuovo accordo tra Lockheed Martin e Pentagono

F 35 Pentagono

Il nuovo accordo tra Lockheed Martin e il Pentagono per costruire nuovi caccia F-35 potrebbe valere 30 miliardi di dollari. Ecco tutti i dettagli

Lockheed Martin ha messo a segno un nuovo accordo con il Pentagono per gli F-35.

La scorsa settimana il Dipartimento della Difesa americano ha annunciato di aver raggiunto un accordo preliminare con Lockheed Martin sui lotti di produzione 15-16-17 del velivolo Joint Strike Fighter F-35. Comprenderà la produzione di ulteriori 375 velivoli circa. Si tratta di un calo rispetto a un potenziale 485 ipotizzato nel febbraio 2019, prima dell’inizio dei negoziati, e 404 nell’aprile 2019, segnala Bloomberg. Ma il numero totale di caccia acquistati è influenzato dall’inflazione e dai ritardi accumulati con la pandemia Covid.

Il numero esatto di caccia di nuova generazione inclusi nell’accordo verrà fornito una volta assegnato il contratto, una mossa che potrebbe arrivare quest’estate o all’inizio dell’autunno, anche se resta ancora molto lavoro per arrivare a quel punto, ha affermato il funzionario della Difesa Usa a Bloomberg.

Il prossimo mega contratto per l’appaltatore della difesa dovrebbe valere circa 30 miliardi di dollari, secondo rapporti dei media.

“Nei prossimi mesi, il team della Lockheed Martin e del Pentagono lavorerà insieme per finalizzare l’accordo”, ha affermato Lockheed Martin nel suo comunicato.

Tutti i dettagli.

L’ANNUNCIO DI LOCKHEED MARTIN

“Nel mezzo del continuo impatto del Covid-19 e della diminuzione delle quantità di F-35, l’impresa F-35 è stata in grado di raggiungere un costo per jet inferiore alle tendenze di inflazione da record”, ha affermato Lockheed Martin nella nota del 18 luglio. “Questo prezzo include anche l’hardware modernizzato necessario per alimentare le funzionalità con standard Block 4”.

Secondo un rapporto del Government Accountability Office (GAO) dell’aprile 2022, la consegna dell’aggiornamento della modernizzazione del software e dell’hardware del blocco 4 dell’aeromobile sta richiedendo più tempo del previsto a causa di problemi software, problemi di finanziamento e inclusione di nuove capacità.

LE VARIABILI DA CONSIDERARE

La portavoce della Lockheed Martin, Laura Siebert, ha dichiarato in un’e-mail che “le quantità per ciascun contratto sono determinate dai nostri clienti per soddisfare le loro esigenze di pianificazione della missione e i requisiti di budget”. Si ricorda a questo proposito che di recente sia la Repubblica Ceca sia la Grecia hanno espresso interesse per i caccia di quinta generazione di Lockheed Martin. In particolare, Praga avvierà negoziati con il governo Usa su una potenziale vendita di 24 F-35. Lo ha annunciato la scorsa settimana il governo ceco.

Lo scorso marzo Eric Fick, il precedente Executive Officer del programma F-35 aveva detto ai giornalisti che il costo per jet del prossimo lotto sarebbe aumentato.

Come ricorda Defense News, l’ultimo accordo per tre lotti di F-35 è stato finalizzato nel 2019, portando il costo di ciascun F-35A sotto gli 80 milioni di dollari, raggiungendo i 77,9 milioni di dollari dal lotto 14. Anche gli F-35B e C hanno visto i loro costi unitari diminuire del lotto 14, a 101,3 milioni di dollari per la variante B e 94,4 milioni di dollari per la C.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore