skip to Main Content
ads

Ecco come l’Australia giustifica la rottura (salata) del contratto con Naval Group

Australia Lituania

La rottura del “contratto del secolo” con la Francia, a favore dell’accordo tripartito tra Canberra, Washington e Londra (Aukus), potrà costare all’Australia circa 3,7 miliardi di euro. L’approfondimento di Le Monde

È stato durante un’audizione parlamentare sul bilancio 2022-2023 che i contribuenti australiani hanno scoperto, venerdì 1 aprile, quanto costerà loro la rescissione del contratto con il gruppo industriale francese Naval per l’acquisizione di dodici sottomarini a propulsione diesel-elettrica: 3,7 miliardi di euro. Si tratta di un’inezia – leggiamo nell’articolo di Isabelle Dellerba su Le Monde – rispetto alla somma che dovranno spendere per acquistare sottomarini britannici o americani a propulsione nucleare, stimata tra gli 80 e i 115 miliardi di euro, secondo uno studio pubblicato nel dicembre 2021 dall’Australian Strategic Policy Institute (ASPI).

“Sapevamo che la scelta di sottomarini a propulsione nucleare rispetto a quelli diesel-elettrici originariamente previsti avrebbe avuto conseguenze significative. Ma eravamo pronti a prendere decisioni difficili”, ha detto il ministro delle finanze Simon Birmingham venerdì 1 aprile.

All’inizio di marzo, il primo ministro Scott Morrison aveva descritto l’accordo tripartito tra Canberra, Washington e Londra (Aukus), annunciato nel settembre 2021, come la “partnership di difesa più importante dai tempi dell’Anzus [il trattato di sicurezza firmato nel 1951 da Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale]”, in un momento in cui l’isola-continente “sta affrontando il contesto di sicurezza più difficile e pericoloso degli ultimi ottant’anni”. L’obiettivo del capo del governo: l’aumento del potere della Cina nella regione dell’Indo-pacifico.

LA CINA FA PAURA

Questa somma di 3,7 miliardi, che è solo una stima poiché le trattative con Naval Group sono ancora in corso, copre tutte le spese sostenute da Canberra dalla firma del “contratto del secolo” nel 2016: i costi del costruttore francese, quelli dell’americana Lockheed Martin, che doveva fornire il sistema di combattimento del Barracuda, quelli dei subappaltatori, senza dimenticare i costi relativi alla costruzione del cantiere navale in Australia del Sud. Naval Group, che ha perso circa il 10% del suo business (circa 4 miliardi di euro) con questo contratto, riceverà solo una parte di questo importo.

“È uno spreco terribile, ma i sottomarini a propulsione convenzionale non avevano più senso, dato il nostro ambiente strategico in evoluzione. La Cina è molto più aggressiva e ha una capacità di proiezione molto più grande di quanto avevamo previsto nel 2016”, dice Michael Shoebridge, responsabile del programma di difesa di ASPI. Due nuovi elementi hanno rafforzato questa osservazione negli ultimi mesi.

Il 17 febbraio, una nave cinese ha preso di mira un aereo di sorveglianza australiano nel mare di Arafura, al confine con il nord dell’isola-continente, con un laser “di tipo militare”. Soprattutto, Pechino si prepara a firmare un accordo di sicurezza con le Isole Salomone. Una prima volta nel Sud del Pacifico.

Secondo una bozza dell’accordo, la Cina potrà “fare visite con le sue navi, per fornire rifornimenti logistici, condurre scali portuali e transiti. Forze cinesi idonee possono essere utilizzate per proteggere la sicurezza dei lavoratori cinesi e dei progetti chiave nelle Isole Salomone”.

Mentre il primo ministro delle Isole Salomone Manasseh Sogavare, vituperato dall’opposizione per la corruzione, ha detto il 29 marzo di essere stato “insultato” dalla “disinformazione” che suggeriva che avrebbe permesso la costruzione di una base militare nel suo paese, Canberra è preoccupata che Pechino stia ponendo il suo primo piede nel proprio cortile, anche se l’arcipelago melanesiano è a soli 1.500 chilometri dalla sua costa orientale. “La base militare cinese a Gibuti è stata sviluppata in questo modo. Ha iniziato come una semplice struttura di supporto logistico, e poi è diventata una grande base navale”, dice Michael Shoebridge.

AUSTRALIA IMPEGNATA NELLO SVILUPPO DI CAPACITÀ DI DETERRENZA

Dal 2020, riconoscendo il peggioramento delle condizioni strategiche, l’Australia si è impegnata a sviluppare le sue capacità di deterrenza. Negli ultimi due mesi, il governo conservatore ha fatto una serie di annunci, promettendo di aumentare di un terzo il numero delle forze di difesa, di stanziare 6,7 miliardi di euro per rafforzare le sue capacità informatiche e un miliardo per costruire “una nuova infrastruttura portuale” nel Territorio del Nord – dove le autorità locali avevano affidato la gestione del porto di Darwin a una società cinese nel 2015.

Scott Morrison sta anche progettando di costruire una nuova base navale sulla sua costa orientale per ospitare i suoi futuri sottomarini nucleari e quelli dei suoi alleati anglosassoni. Ma la prima nave australiana non dovrebbe essere consegnata prima di 20 anni. “Il problema di questo governo è che la sua spesa non si è tradotta in un aumento delle nostre capacità di difesa”, ha detto lunedì il leader dell’opposizione laburista Anthony Albanese. Le questioni di sicurezza sono uno dei temi principali delle elezioni parlamentari australiane, che si terranno entro la fine di maggio.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore