skip to Main Content

Come si muove il commercio da e verso la Corea del nord

Corea Del Nord

L’articolo di Giuseppe Gagliano

 

Se e quanto durerà il regime della Corea del Nord sotto sanzioni e attualmente in autoisolamento a causa della pandemia di COVID-19 dipende dal ruolo che Pechino svolgerà nel sostenere Pyongyang. Nel 2019, la Cina rappresentava circa il 95 per cento del commercio totale della Corea del Nord. Secondo i dati doganali cinesi, le esportazioni cinesi verso il paese sono scese da oltre 250 milioni di dollari a novembre 2019 a soli 3.000 dollari a febbraio.

Allo Stato attuale non si è verificato alcun ritorno del commercio transfrontaliero.

Nel marzo 2021, il Presidium dell’Assemblea Popolare Suprema della Corea ha approvato una legge che rende obbligatoria la disinfezione di tutte le merci importate. In seguito, le strutture di disinfezione sono state costruite a tempo di record a Sinuiju, al confine con la Cina.

Tuttavia l’ambasciatore russo in Corea del Nord Alexander Matsegora ha detto che il confine riaprirà e che le società commerciali del paese erano solo in standby. Tuttavia, ogni volta le date sono state rinviate tra nuovi ceppi del virus e le relative ondate di infezione in Cina.

Il ROK National Intelligence Service ha riferito che la Corea del Nord è in trattative con Cina e Russia per riprendere il traffico ferroviario attraverso il confine e le città di confine della Corea del Nord e della Cina, collegando Sinuiju e Dandong, che potrebbero riprenderlo già a novembre.

Sono confermati inoltre maggiori dati sul commercio marittimo. Come riportato da NKNews, almeno cinque navi collegate alla Corea del Nord si sono alternate al porto di Longkou per possibili vendite di carbone tra il 29 marzo e il 13 aprile, un livello paragonabile alla pre-pandemia.

Tuttavia, l’unico canale operativo per il commercio sino-nordcoreano è il porto di Nampo, ma è sovraccarico a causa della congestione dei carichi soggetti a quarantena obbligatoria. A questo proposito, ci sono segnali di possibili preparativi per aprire e ricevere merci alla stazione di Ryongcheon, nella provincia di North Pyongan.

Un’altra linea di approvvigionamento vitale è l’oleodotto. Secondo l’analisi di NK Pro, dalle recenti immagini satellitari, si evince che i lavori di costruzione sono iniziati ad aprile sia presso gli impianti della China Petroleum Pipeline Engineering Co sul bordo del fiume Yalu che sul territorio nordcoreano. Nel frattempo, la Cina ha continuato a inviare petrolio greggio, come dimostrano i prezzi stabili del carburante.

I dati specifici sugli scambi tra i due paesi sono un po’ sparsi e mostrano (finora) una tendenza al declino.

Secondo l’agenzia di promozione degli investimenti commerciali della Corea di Seoul, il commercio estero totale della Corea del Nord è sceso del 73,4 per cento a 863 milioni di dollari nel 2020. Nel frattempo, da gennaio a luglio di quest’anno, il commercio Corea del Nord-Cina è ammontato a 86 milioni di dollari 660,000, in calo dell’82,1 per cento a causa della prolungata chiusura delle frontiere a causa della pandemia di coronavirus. Con altri dati che mostrano che ha superato 185 milioni di dollari nei primi nove mesi del 2021, rimane 1/3 in meno rispetto allo stesso periodo nel 2020 e non supera il 29% dei dati del 2019. Alla fine del primo trimestre del 2021, il volume degli scambi tra Cina e RPDC era sceso a quasi zero.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore