skip to Main Content

Conti in altalena per Airbus, tutti i dettagli

Airbus

Cosa emerge dalla trimestrale di Airbus

 

Trimestrale in chiaroscuro per Airbus.

Il produttore aeronautico europeo ha registrato un calo del 19% dell’utile operativo del terzo trimestre a 666 milioni di euro mentre i ricavi sono scesi del 6% a 10,518 miliardi.

Tuttavia la società ha rivisto al rialzo gli obiettivi finanziari per l’intero anno confermando anche l’obiettivo di 600 aerei di linea nel 2021.

Per il ceo Guillaume Faury la ripresa verso i livelli di produzione pre-crisi è in corso. “I risultati dei primi nove mesi dell’anno riflettono un buon andamento dell’intera azienda, nonché l’attenzione posta alla riduzione dei costi e alla competitività”, ha sottolineato Faury.

Tutti i dettagli sulla trimestrale di Airbus.

RICAVI E UTILE

Il gruppo dell’aeronautica e della difesa francese ha pubblicato giovedì mattina risultati trimestrali per il terzo trimestre.

Airbus ha registrato un calo del 19% dell’utile operativo del terzo trimestre a 666 milioni di euro mentre i ricavi sono scesi del 6% a 10,518 miliardi.

BATTUTE LE STIME DEGLI ANALISTI

Battute quindi le aspettative degli analisti. Quest’ultimi stimavano in media un utile operativo trimestrale di 623 milioni di euro su un fatturato di 10,651 miliardi, secondo un consenso compilato dall’azienda.

RIVISTA LA GUIDANCE SUGLI UTILI 2021

In più, Airbus stima ora di un utile operativo per l’intero anno di 4,5 miliardi di euro e un flusso di cassa di 2,5 miliardi, in aumento rispetto ai precedenti obiettivi rispettivamente di 4 miliardi e 2 miliardi.

SOTTO CONTROLLO I PROBLEMI DI APPROVVIGIONAMENTO

“Siamo ora in fase di accelerazione e vediamo tutte le difficoltà di passare da una sorta di letargo e tornare al business in un mondo in cui molte materie prime e settori stanno aumentando di nuovo” ha detto Faury ai giornalisti.

Airbus ha aggiunto che stava affrontando alcuni problemi nel ricevere parti in tempo, portando a rivedere il piano produzione dei velivoli, ma nessuno di questi sembra sistematico.

I VELIVOLI COMMERCIALI TRAINANO IL BUSINESS

Le vendite di velivoli civili continuano a trainare i risultati, con 424 velivoli consegnati in nove mesi (contro i 241 di Boeing), sottolinea Les Echos. Tuttavia, tutti i rami del gruppo — aerei civili, elicotteri, difesa e spazio — contribuiscono ai profitti. Questo dovrebbe consentire ad Airbus di chiudere l’anno in positivo, secondo il quotidiano francese.

La divisione aeronautica civile, che rappresenta oltre i tre quarti dei ricavi del gruppo, ha realizzato un fatturato di 6,8 miliardi di euro nel terzo trimestre, in calo del 12%, mentre l’EBIT rettificato è diminuito del 33% a 448 milioni di euro. Le consegne di aerei sono state di 127 unità nel terzo trimestre, rispetto alle 145 dell’anno precedente.

OBIETTIVO PRODUZIONE

Infine, Airbus ha arrotondato il suo principale obiettivo di produzione della famiglia A320 a 65 al mese entro l’estate 2023.

Airbus vede un rimbalzo nel trasporto aereo, soprattutto nella categoria A320 di medio raggio dove compete con il Boeing 737. Airbus ha affermato che aumenterà la produzione dell’A330 da due al mese a quasi tre alla fine del 2022. Ha ribadito che aumenterà la produzione del nuovo A350 da cinque a sei al mese, ma ha ritardato questo passaggio all’inizio del 2023 dall’autunno 2022.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore