Mobilità

Cloud, cosa farà Microsoft per le auto a guida autonoma di GM

di

microsoft cruise

Microsoft si unisce a GM, Honda e altri in un round di investimenti da 2 miliardi di dollari in Cruise per commercializzare le sue auto a guida autonoma

 

Il cloud di Microsoft sale a bordo dell’auto a guida autonoma ed elettrica di Cruise.

La divisione di auto senza guidatore di General Motors, Cruise, ha dichiarato che collaborerà con il colosso tecnologico di Redmond per la commercializzare dei veicoli.

Qualsiasi azienda di veicoli a guida autonoma che mira a commercializzare, ovvero portare la propria tecnologia al pubblico su larga scala, necessita di una solida piattaforma di cloud computing.

Axios sottolinea che l’investimento fa parte di un impegno più ampio da parte di GM e Cruise per utilizzare la piattaforma di cloud computing Azure di Microsoft in tutte le loro aziende. Soprattutto quando lanciano veicoli sempre più complessi che si basano su tecnologie digitali.

Tutti i dettagli.

MICROSOFT SI UNISCE A GM E HONDA IN CRUISE

Quindi Microsoft si unisce a General Motors, Honda Motor Co e agli investitori istituzionali in un nuovo round di finanziamenti combinato di oltre 2 miliardi di dollari in Cruise.

CRESCE LA CASA AUTOMOBILISTICA

L’accordo porta la valutazione della controllata di GM, Cruise, a 30 miliardi di dollari, dai 19 miliardi dell’anno scorso.

VICINA AL LANCIO COMMERCIALE DELLA FLOTTA A GUIDA AUTONOMA

“Microsoft, in qualità di gold standard nell’affidabile democratizzazione della tecnologia, sarà un moltiplicatore di forza per noi mentre commercializziamo la nostra flotta di veicoli a guida autonoma, completamente elettrici e condivisi”, ha dichiarato Dan Ammann, ceo di Cruise.

GM lavorerà con Microsoft per accelerare le iniziative di digitalizzazione della casa automobilistica, inclusa l’intelligenza artificiale, ed esplorare le opportunità per semplificare le operazioni attraverso le catene di fornitura digitali e portare nuovi servizi di mobilità ai clienti più velocemente.

LA PIATTAFORMA CLOUD AZURE PER LE AUTO A GUIDA AUTONOMA

Nell’ambito della partnership strategica a lungo termine, Cruise sfrutterà Azure, la piattaforma cloud di Microsoft, per commercializzare le sue soluzioni di veicoli autonomi su larga scala.

Si tratta della prima partnership di Microsoft con un’azienda di veicoli a guida autonoma, puntualizza The Verge.

“In qualità di cloud preferito da Cruise e GM, applicheremo la potenza di Azure per aiutarli a scalare e rendere mainstream il trasporto autonomo”, ha dichiarato in una nota Satya Nadella, ceo di Microsoft.

Da parte sua, Microsoft farà leva sul suo rapporto con Cruise per espandersi maggiormente nel settore dei trasporti.

UNA PARTNERSHIP NON ESCLUSIVA

Ma la partnership con Cruise non sarà esclusiva. Finora Microsoft ha lavorato dietro le quinte per costruire una piattaforma per veicoli connessi sul suo sistema cloud Azure.

Come ricorda The Verge, Renault Nissan è stata la prima a impegnarsi nel gennaio 2017. Volkswagen ha firmato nell’ottobre 2018.

L’IMPORTANZA DEL CLOUD COMPUTING

La gestione di flotte di veicoli a guida autonoma che trasporteranno persone e persino pacchi genera un’enorme quantità di dati, rendendo i servizi cloud uno dei costi maggiori per un’azienda.

Come sottolinea Axios, i veicoli a guida autonoma raccolgono ed elaborano dati da telecamere, radar e sensori lidar per la percezione, la mappatura della posizione e il processo decisionale. La commercializzazione richiede ancora più dati per ottimizzare i percorsi e creare app e siti web rivolti ai consumatori.

CRUISE RESTA DIETRO A WAYMO (ALPHABET)

Cruise ha dimostrato un talento impressionante per la raccolta fondi negli ultimi anni, nonostante sia visto come in ritardo rispetto al suo principale rivale Waymo in termini di risultati tecnici.

Secondo The Verge, la società Alphabet ha probabilmente fatto più passi in termini di commercializzazione della tecnologia. Lo scorso ottobre, Waymo ha annunciato che avrebbe iniziato a offrire corse ai clienti a pagamento nei suoi veicoli completamente senza conducente a Phoenix, in Arizona.

Cruise ha recentemente iniziato a testare per la prima volta i suoi veicoli completamente senza conducente a San Francisco. Ma l’azienda non consente ai non dipendenti di viaggiare sui suoi veicoli. Inoltre la controllata di GM aveva pianificato di lanciare un servizio di taxi commerciale nel 2019. Tuttavia, non è riuscita a farlo e deve ancora comunicare una nuova data.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati