skip to Main Content

Leclerc, Leopard e Challenger. Tutto sui carri armati all’Ucraina

Carri Armati Ucraina

Macron non ha escluso che la Francia invii all’Ucraina i carri armati Leclerc, mentre Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha affermato che una decisione in merito all’invio dei Leopard in Ucraina verrà presa presto. 

 

Risiko europeo sulla fornitura di carri armati all’Ucraina.

La questione della consegna dei Leopard 2 di fabbricazione tedesca all’Ucraina ha dominato le recenti discussioni tra gli alleati occidentali. I funzionari ucraini hanno implorato per mesi gli alleati occidentali di fornire loro carri armati Leopard, ma la Germania si è trattenuta dall’inviarli o consentire ad altri paesi della Nato di esportarli. I veicoli da combattimento pesanti darebbero a Kiev un vantaggio militare contro la Russia, commenta il Financial Times. Nello specifico, i Leopard 2, in dotazione presso tredici paesi europei, sono visti dagli esperti della difesa come i più adatti per l’Ucraina, aggiunge Reuters.

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha dichiarato che se la Germania non manderà carri armati all’Ucraina, la Polonia creerà una “piccola coalizione” tra Paesi europei per inviare tank alle truppe ucraine. Berlino non ostacolerebbe l’invio dei carri armati, ha dichiarato ieri a sorpresa la ministra tedesca Baerbock alla televisione francese Lci dopo il vertice tra il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente francese Emmanuel Macron a Parigi. In quell’occasione Macron non ha escluso che la Francia invii all’Ucraina i carri armati Leclerc. Finora Berlino non si è impegnata a fornire i carri armati né a rilasciare la loro licenza di esportazione.

Oggi il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha affermato che una decisione in merito all’invio dei Leopard in Ucraina verrà presa presto.

Intanto da Mosca arrivano le minacce. “I Paesi europei che contribuiscono direttamente o indirettamente a inondare l’Ucraina di armi, ne sono responsabili, e a pagare per questo pseudo-sostegno sarà il popolo ucraino”, ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, citato dall’agenzia Interfax, rispondendo a una domanda sulla possibile fornitura di carri armati tedeschi Leopard attraverso Paesi terzi, come la Polonia.

Tutti i dettagli.

SI DISCUTE DELL’INVIO DI CARRI ARMATI ALL’UCRAINA

L’Ucraina dovrebbe ricevere carri armati, ma la decisione è degli Stati membri. Lo ha detto oggi Josep Borrell, l’Alto rappresentante Ue per la Politica estera e di sicurezza, al suo arrivo al Consiglio Affari esteri di Bruxelles. “Ho detto più volte che, secondo la mia opinione personale, questo tipo di armamenti dovrebbe essere fornito all’esercito ucraino”, ha detto. “Siamo qui per discuterne, ma questa è una decisione che spetta agli Stati membri”, ha aggiunto. “Il presidente Zelensky li sta chiedendo. Fra gli Stati membri ci sono diverse opinioni e ne discuteremo oggi”, ha concluso Borrell.

I CHALLENGER 2 INGLESI

Diversi alleati europei hanno risposto all’appello. Il Regno Unito ha dichiarato che fornirà 14 carri armati Challenger 2 all’Ucraina mentre i francesi stanno valutando la possibilità di inviare i loro carri armati Leclerc.

MACRON NON ESCLUDE LECLERC DALLA FRANCIA

Nulla si può “escludere” in merito all’invio di carri armati francesi Leclerc in Ucraina. Lo ha detto ieri il presidente francese Emmanuel Macron durante una conferenza stampa a Parigi tenuta al fianco del cancelliere tedesco Olaf Scholz in occasione del sessantesimo anniversario del Trattato dell’Eliseo. “Per quanto riguarda i Leclerc, ho chiesto al ministero della Difesa di lavorarci”. ha dichiarato il presidente francese. “Nulla è escluso e si valuta collettivamente rispetto a tre criteri”, ha però precisato il presidente francese. Il primo è “che non ci sia un’escalation”, il secondo “che possano fornire un sostegno reale ed efficace” all’Ucraina, e il terzo è che non “indeboliscano le nostre stesse capacità di difesa”.

POLONIA (E NON SOLO) PRONTA A INVIARE I LEOPARD

Nel frattempo, anche decine di altri paesi europei hanno indicato che si unirebbero a un’ampia coalizione per inviare Leopard, se la Germania dà il suo consenso. La Polonia ha persino segnalato che potrebbe agire da sola.

Morawiecki aveva detto che se la Germania avesse continuato a rifiutarsi di fornire i carri armati all’Ucraina, “istituiremmo una ‘piccola coalizione’ di paesi pronti a donare alcune delle loro attrezzature moderne, i loro moderni carri armati”. In una dichiarazione congiunta di sabato, i ministri degli Esteri di Lituania, Estonia e Lettonia avevano anche esortato la Germania “a fornire ora carri armati Leopard all’Ucraina”, riporta il Guardian.

VIA LIBERA TEDESCO?

A seguito della riunione del Gruppo di contatto per la difesa dell’Ucraina a Ramstein di venerdì, la Germania non si è ancora impegnata a fornire i carri armati né a rilasciare la loro licenza di esportazione. Ma in un apparente cambiamento nella posizione della Germania, domenica il ministro degli Esteri Annalena Baerbock ha dichiarato che il suo governo non bloccherà la Polonia se tenta di inviare i suoi Leopard.

L’IMPORTANZA DEI LEOPARD 2

Il carro armato Leopard 2 è un’arma di livello mondiale utilizzata da più di una dozzina di paesi. L’Ucraina vede i carri armati come un’altra parte vitale della sua difesa contro le forze russe e i Leopard hanno visto azioni di combattimento in Afghanistan e Siria, ricorda la Cnn.

IL COMMENTO DEGLI ANALISTI

I carri armati occidentali – come l’M1 Abrams americano, il Challenger 2 britannico o il Leopard 2 di costruzione tedesca – darebbero all’esercito ucraino ulteriore potenza di fuoco per sfondare le linee difensive russe e prendere l’iniziativa militare prima che Mosca possa farlo. Sarebbero anche necessari per difendere le linee ucraine contro una possibile rinnovata offensiva russa entro la fine dell’anno, commenta il Financial Times.

Il Leopard tedesco ha capacità simili all’Abrams fabbricato negli Stati Uniti o al Challenger del Regno Unito, ma presenta anche alcuni vantaggi, secondo gli esperti militari. È più leggero e più facile da rifornire del serbatoio americano, alimentato da un motore a turbina assetato. È ritenuto più affidabile del Challenger, aggiunge il Ft.

Ma il vantaggio cruciale è la sua disponibilità.

Ciò che li rende particolarmente attraenti per Kiev è che quasi i due terzi di tutti i Leopard prodotti sono ancora in Europa.

Tredici eserciti europei gestiscono circa 2.000 carri armati Leopard 2, secondo l’International Institute for Strategic Studies. Non è chiaro quanti di questi siano pronti per la battaglia e quanti richiederebbero un rinnovamento.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore