Mobilità

Apple e Hyundai-Kia sfideranno Tesla?

di

Apple car

Trattative in corso tra Apple e Hyundai-Kia per produrre la prima auto del gruppo di Cupertino. Tutti i dettagli

 

Apple ingrana la marcia ed è pronta a debuttare nel settore auto. La Mela morsicata sarebbe vicina a chiudere un accordo con Hyundai-Kia per la produzione di un veicolo elettrico a brand Apple.

Il veicolo è al centro del progetto “Titan”, cui la società di Cupertino lavora in segreto da anni. Andiamo per gradi.

LE INDISCREZIONI

Secondo quanto rivelato dalla Cnbc, Apple è vicina a concludere un accordo con Hyundai-Kia per la produzione del veicolo elettrico autonomo a cui la Mela morsicata ha lavorato in questi anni.

Sarà una “Apple Car”, non un modello Kia con software Apple.

LA PRODUZIONE

La Apple car dovrebbe essere prodotta presso lo stabilimento di assemblaggio Kia a West Point, in Georgia, secondo più fonti che hanno informato la Cnbc.

IL PROGETTO TITAN

La vettura è stata sviluppata nell’ambito del progetto Titan, avviato nel 2014 e messo in stand-bay per alcuni anni. Secondo Reuters, la Casa di Cupertino è tornata a lavorare a pieno ritmo all’auto elettrica brandizzata nel 2018, Apple ha portato nella società Doug Field, ex dirigente di Tesla.

COME SARANNO LE APPLE CAR

Come saranno le prime vetture del marchio Apple? Poche le informazioni circolate sulla Apple Car.

Le auto “non saranno progettate per avere un conducente”, ha rivelato alla Cnbc una fonte a conoscenza dei piani attuali. “Si tratterà di veicoli elettrici autonomi progettati per funzionare senza conducente e concentrati sull’ultimo miglio”.

GLI IMPIEGHI

Le auto, dunque, potrebbero essere impiegate, almeno inizialmente, nell’attività di consegna di cibo confezionato e in tutte le aziende che fruiscono di robotaxi.

LA CONCORRENZA CON TESLA

Inevitabile la concorrenza con Tesla. La casa auto elettrica, guidata da Elon Musk, da sempre ha puntato allo sviluppo di un software per la guida autonoma, implementando man mano la tecnologia sulle vetture in produzione. Il gruppo auto americano lavora anche allo sviluppo di robotaxi.

LE TEMPISTICHE SULLA PRODUZIONE

In base all’accordo, ancora non siglato, tra Apple e Hyundai-Kia, la produzione della Apple car dovrebbe partire nel 2024, anche se persone che hanno familiarità con la questione avrebbero rivelato che il lancio potrebbe essere ritardato.

NON SOLO HUNDAY-KIA

Apple non siglerà un unico accordo per la produzione. La Mela morsicata potrebbe anche collaborare con un’altra casa automobilistica, separatamente o in aggiunta a Hyundai.

“Dubito che Hyundai sia l’unica casa automobilistica con cui potrebbero concludere un accordo, potrebbe esserci qualcun altro”, ha affermato alla Cnbc una fonte vicina a Cupertino.

PERCHE’ APPLE VUOLE DEBUTTARE NELL’AUTOMOTIVE?

Indipendentemente dal partner, Apple vuole allargare il proprio core business. Debuttare nell’automotive significa poter attingere ad un mercato globale che vale 10 trilioni di dollari.

“Gli smartphone sono un Tam annuale da 500 miliardi di dollari. Apple ha circa un terzo di questo mercato. Il mercato della mobilità è di 10 trilioni di dollari. Quindi Apple avrebbe bisogno solo di una quota del 2% di questo mercato per raggiungere le dimensioni della sua attività in ambito iPhone”, ha detto l’analista di Morgan Stanley, Katie Huberty.

L’INTERESSE DI HYUNDAI-KIA NELLA APPLE CAR

Per Hyundai-Kia, invece, è un’occasione per accelerare sui veicoli elettrici ed autonomi, assorbendo il Know how di Apple. A guidare le trattative con la Mela morsicata, scrive la Cnbc, è il nuovo presidente della società sud coreana, Euisun Chung, che è convinto “che la mobilità è il futuro dell’azienda”.

Hyundai, è necessario ricordare, è partner di Aptiv in una joint-venture che sviluppa tecnologia per veicoli a guida autonoma, compresi i robotaxi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati