skip to Main Content

Cosa dice Johnson & Johnson sul richiamo del suo vaccino monodose

Johnson Richiamo

Johnson & Johnson ha diffuso i dati sugli anticorpi garantiti dal richiamo del proprio vaccino monodose. Ecco dettagli e annunci

La società farmaceutica statunitense Johnson & Johnson ha diffuso oggi dei dati che mostrano che il richiamo (booster) del proprio vaccino contro il coronavirus genera “un aumento rapido e robusto” degli anticorpi, “superiore di nove volte rispetto ai ventotto giorni dopo la vaccinazione primaria monodose”.

COSA DICE IL NUOVO STUDIO

La società fa sapere che i partecipanti al test – tutti soggetti a cui era già stata somministrata la prima (e unica) dose del vaccino – di età compresa tra i 18 e i 55 anni hanno registrato aumenti “significativi” della risposta antibiotica. Lo stesso si è notato con i soggetti di 65 anni o più, che hanno ricevuto una dose di richiamo più bassa.

I sommari di studio sono stati inviati a MedRxiv – portale online che distribuisce ricerche nell’ambito delle scienze della salute – il 24 agosto.

RISPOSTA ANTIBIOTICA FORTE A OTTO MESI DALLA VACCINAZIONE

Lo scorso luglio Johnson & Johnson aveva riferito i risultati provvisori di uno studio di Fase 1/2a, pubblicati sulla rivista New England Journal of Medicine. I dati dimostravano che le risposte antibiotiche generate da una singola dose del vaccino erano forti e stabili dopo otto mesi dall’immunizzazione.

In previsione della possibile necessità di un richiamo – vista la diffusione della variante delta del coronavirus, più contagiosa -, la società ha deciso di condurre altri due studi di Fase 1/2a su individui già vaccinati.

COSA HA DETTO MAMMEN (JANSSEN)

Mathai Mammen, a capo della divisione ricerca e sviluppo di Janssen – azienda farmaceutica acquisita da Johnson & Johnson, e che ne ha sviluppato il vaccino -, ha dichiarato che “una dosa singola del nostro vaccino contro il COVID-19 genera risposte immunitarie forti e robuste, durevoli e consistenti per otto mesi. Con questi nuovi dati”, ha proseguito, “vediamo anche che una dose di richiamo del vaccino Johnson & Johnson per il COVID-19 aumenta ulteriormente le risposte anticorpali tra i partecipanti allo studio che avevano precedentemente ricevuto il nostro vaccino”.

Mammen ha anticipato che la società intende discutere con i funzionari della sanità pubblica in merito a una “potenziale strategia per il nostro vaccino Johnson & Johnson”.

DIALOGO CON L’EMA E LA FDA

I test clinici di Fase 1/2a di Johnson & Johnson sono stati in parte finanziati con i fondi federali del dipartimento della Salute degli Stati Uniti.

La società ha detto di star discutendo del richiamo del proprio vaccino sia con la Food and Drug Administration americana (FDA: l’agenzia americana che monitora sulla sicurezza dei farmaci) che con l’Agenzia europea dei medicinali (EMA).

A differenza di quelli di Pfizer-BioNTech e di Moderna, che si basano sull’RNA messaggero, il virus di Johnson & Johnson funziona utilizzando un virus innocuo per l’uomo, l’Adenovirus 26.

Negli Stati Uniti il vaccino di Johnson & Johnson non è ancora stato approvato definitivamente dalla FDA – a differenza di quello di Pfizer, pochi giorni fa -, ma solo in via emergenziale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore