skip to Main Content

Vaccini anti Covid, un test capisce quanto è “urgente” fare il richiamo

Test Covid Anticorpi

Un nuovo test realizzato da un gruppo di ricercatori italiani ci dirà se e quanti anticorpi abbiamo per difenderci dal Covid e questo potrebbe influenzare la gestione della pandemia. Tutti i dettagli

 

Presto un nuovo test made in Italy potrebbe essere in grado di dirci quanti anticorpi abbiamo per difenderci dal Covid. A realizzarlo è stato un gruppo di ricercatori italiani dell’IRCCS di Candiolo, insieme all’Italian Institute for Genomic Medicine (IIGM), nel laboratorio Armenise-Harvard di Immunoregolazione.

LA DIFFERENZA CON IL TEST SIEROLOGICO

È vero che esiste già il test sierologico, che rileva la presenza di anticorpi prodotti naturalmente in risposta alla malattia o al vaccino. Il nuovo test, però, riesce a determinare non solo il livello ma anche la durata dell’immunità al virus SARS-CoV-2.

COSA MISURA LA REAZIONE IMMUNITARIA

La reazione immunitaria, naturale o “indotta” dal vaccino, è composta da due tipi di cellule, i linfociti B e i linfociti T. I primi sono responsabili della produzione di anticorpi, i secondi della risposta cellulare contro il virus, ovvero del riconoscimento e dell’eliminazione delle cellule infettate.

“Le cellule T – ha spiegato Luigia Pace, tra gli autori della ricerca – sono ‘allenate’ a riconoscere molte porzioni della proteina spike del virus, e risentono molto di meno delle variazioni introdotte dalle mutazioni delle nuove varianti mai incontrate in precedenza”.

Se per i linfociti B, dunque, è sufficiente il test sierologico, per quantificare i linfociti T il processo è più difficoltoso. Ma il nuovo test viene incontro proprio a questa esigenza.

LO STUDIO

Nello studio, pubblicato su Nature e condotto su oltre 400 persone che avevano ricevuto come vaccino quello a mRna di Pfizer/BioNTech, il team ha analizzato “la reazione immunitaria contro il virus, cioè le risposte delle cellule B che producono gli anticorpi e la risposta dei linfociti T di memoria contro la proteina Spike di SARS-CoV-2 o derivata dalle varianti B.1.351 (Beta), B.1.617.2 (Delta) e B.1.1.529 (Omicron), fino a 10 mesi dopo la vaccinazione”.

I RISULTATI

“In base alla produzione di anticorpi e alla qualità delle risposte delle cellule B e T specifiche contro il virus a 3 mesi dopo la prima dose di vaccino – ha aggiunto Pace – abbiamo identificato due categorie di soggetti, rispettivamente con alte e basse risposte al vaccino. I soggetti con una capacità di risposta superiore presentano un aumento della frequenza delle cellule T – sia le CD4+ che le CD8+ della memoria centrale – anche dopo la dose di richiamo”.

Lo studio ha dimostrato inoltre che la vaccinazione con mRna in chi è stato precedentemente infettato produce un livello più alto di anticorpi e potenzia le cellule T specifiche contro il virus.

QUINDI IL BOOSTER AD ALCUNI NON SERVE?

Anche se è vero che questo test può essere un’indicazione per capire se una persona ha bisogno di una nuova dose di vaccino anti Covid già dopo pochi mesi o se può attendere di più, vale comunque quanto ribadito dagli esperti e da Pace: “Avere gli anticorpi non significa per forza essere protetti dall’infezione, perché nel tempo questi calano e non sono sufficienti a proteggere dal contagio, ragione per cui si è optato per la dose booster”.

IL COSTO DEL TEST

Altro dettaglio non irrilevante è il prezzo. Il semplice prelievo di sangue che permetterà di effettuare il test, scrive Repubblica, “costa non più di 150 euro”. E per quanto questo nuovo strumento possa fare la differenza nella futura gestione della pandemia, non è proprio uno scherzo…

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore