skip to Main Content

Quanto dura la protezione del vaccino Pfizer? Risponde The Lancet

Protezione Pfizer Lancet

Che cosa emerge su efficacia e protezione del vaccino Pfizer da uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet

 

I dati israeliani lo avevano già anticipato ma ora lo conferma anche uno studio pubblicato dalla prestigiosa rivista scientifica The Lancet: il vaccino Pfizer/BioNtech perde efficacia nel tempo contro il contagio ma resta alta la protezione contro la malattia grave e il rischio di ospedalizzazione.

La ricerca che fornisce queste informazioni è stata realizzata dal Kaiser Permanente Southern California Department of Research & Evaluation e finanziata dalla stessa Pfizer.

LO STUDIO

Lo studio di The Lancet, pubblicato nelle scorse ore e in peer-reviewed ha preso in esame le cartelle cliniche di quasi 3,5 milioni di persone che avevano completato il ciclo vaccinale nel periodo compreso tra il 4 dicembre 2020 e l’8 agosto 2021.

I DATI

In base ai dati raccolti e analizzati, tra gli individui che avevano ricevuto entrambe le dosi del vaccino Pfizer l’efficacia è stata del 73% e addirittura del 90% contro i ricoveri ospedalieri legati al Covid-19.

L’efficacia contro le infezioni, invece, è passata dall’88% durante il primo mese dopo la vaccinazione completa al 47% dopo 5 mesi.

L’EFFICACIA CONTRO LE VARIANTI

Tra le infezioni sequenziate, la protezione del vaccino contro i contagi da variante Delta è stata alta durante il primo mese dopo la vaccinazione completa (93%) ma è scesa al 53% dopo 4 mesi.

Anche l’efficacia contro altre varianti nel primo mese dopo la vaccinazione completa è stata alta (97%), ma è diminuita al 67% a 4-5 mesi di distanza.

I RISULTATI

Secondo i ricercatori i risultati forniscono una buona e una cattiva notizia. La buona è che la protezione del vaccino Pfizer contro la malattia grave resta alta fino a sei mesi. La cattiva, invece, è che l’efficacia contro l’infezione da Sars-Cov-2 cala sensibilmente (sotto al 50%) dopo 4-5 mesi.

Nonostante questo, però, dopo 6 mesi il vaccino è comunque un ottimo alleato nel proteggere dall’ospedalizzazione nella maggior parte dei casi, anche in un contesto di ampia diffusione delle varianti.

Per quanto riguarda, infatti, i ricoveri ospedalieri causati dalla variante Delta la protezione è stata complessivamente elevata (93%) fino a 6 mesi.

La progressiva riduzione dell’efficacia del vaccino, conclude lo studio, è probabilmente dovuta al declino dell’immunità nel tempo e non alla variante Delta che sfugge alla protezione del farmaco di Pfizer.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore