skip to Main Content

Quali sono i farmaci più acquistati dagli italiani e non rimborsati dal Ssn?

Farmaci Non Rimborsati

Ecco quanto abbiamo speso nel 2021 per i medicinali non rimborsati dal Servizio sanitario nazionale (Ssn) e quali sono i più acquistati secondo il rapporto sull’uso dei farmaci in Italia realizzato dall’Aifa

 

Benzodiazepine, contraccettivi, farmaci per disfunzione erettile, FANS e antipiretici sono i farmaci più acquistati dagli italiani e non rimborsati dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN). A riferirlo è il Rapporto Nazionale 2021 “L’uso dei Farmaci in Italia”, realizzato dall’Osservatorio Nazionale sull’impiego dei Medicinali (OsMed) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa).

COSA SONO I FARMACI DI CLASSE C

I farmaci di classe C, così classificati dall’Aifa, sono quei medicinali a totale carico del paziente – a eccezione dei titolari di pensione di guerra diretta vitalizia, come previsto dalla legge 203/2000 – e, dunque, non rimborsati dal SSN.

Si distinguono in farmaci con obbligo di prescrizione medica e farmaci senza obbligo di prescrizione medica.

QUANTO INCIDONO SULLA SPESA SANITARIA NAZIONALE

Secondo quanto riferito da Francesco Trotta, dirigente Settore HTA ed Economia del Farmaco, la spesa farmaceutica dell’Italia è rimborsata per il 69,2% dal SSN, mentre per la restante parte (30,8%) dai cittadini.

La spesa privata risulta in crescita rispetto a quella pubblica.

QUANTO ABBIAMO SPESO

Nel 2021, si legge nel rapporto, la spesa per farmaci di classe C ha raggiunto i 6,1 miliardi di euro circa, con un incremento del 7% rispetto al 2020 (5,7 miliardi); di questi il 57% (3,5 miliardi) è relativo a farmaci con ricetta e il 43% (2,6 miliardi) a farmaci di automedicazione.

LE CAUSE DELL’AUMENTO RISPETTO AL 2020

L’aumento del 4,8% rispetto al 2020, spiega il documento, è stato determinato principalmente da un aumento delle quantità (+3,9%), da un incremento dei prezzi (+3,8%) e, con minor incidenza, da uno spostamento verso specialità più costose.

QUALI SONO I FARMACI PIÙ ACQUISTATI DAGLI ITALIANI

Dal rapporto emerge che i farmaci più acquistati dagli italiani e non rimborsati dal SSN sono benzodiazepine, contraccettivi, farmaci per disfunzione erettile, FANS e antipiretici.

BENZODIAZEPINE

In cima alla classifica, tra le prime 20 categorie terapeutiche di classe C con ricetta a maggiore spesa nel 2021, al primo posto troviamo i derivati benzodiazepinici (ansiolitici) che registrano una spesa di 400,9 milioni di euro, pari all’11,6% della spesa totale.

Sebbene i valori di spesa siano rimasti invariati rispetto all’anno precedente, c’è stata una contrazione dei consumi del 2,8% – segno di un incremento dei prezzi.

L’USO CHE NE VIENE FATTO

Questi farmaci vengono principalmente prescritti per il trattamento di breve durata dell’ansia e dell’insonnia ma anche di convulsioni, spasmi muscolari e astinenza da alcol. Nel rapporto si legge inoltre che l’incremento nell’utilizzo è da rintracciare nell’aumento delle patologie legate allo stress, all’abitudine e alla convinzione di risolvere la problematica ricorrendo a tali sostanze “ma anche a un limitato controllo e a un approfondimento non sempre adeguato della condizione del paziente da parte dei prescrittori”.

CHI NE CONSUMA DI PIÙ

A fare più uso di benzodiazepine sono le donne, quasi il doppio rispetto agli uomini (8,4% vs 3,9%), con un decremento in confronto al 2020 del 5,9% per gli ipnotici e del 5,6% degli ansiolitici, mentre negli uomini emerge una diminuzione solo per gli ansiolitici (-9,1%).

ANILIDI

Alle benzodiazepine segue la categoria delle anilidi, alcune delle quali possiedono proprietà antipiretiche e antinevralgiche, con 319,3 milioni di euro, pari al 9,2% della spesa totale. In questo caso, rispetto al 2020, si nota un incremento sia nei consumi (+4,2%) che nella spesa (+8,5%).

FARMACI PER DISFUNZIONE ERETTILE

Terzo posto per i farmaci usati nella disfunzione erettile, la cui spesa raggiunge i 237,7 milioni di euro, ovvero il 6,9% della spesa totale. In confronto all’anno precedente si registra un aumento del 10,5% nei consumi e dell’11,6% nella spesa.

CONTRACCETTIVI, ALTRI BENZODIAZEPINICI E VACCINI INFUENZALI

Anche la spesa dei contraccettivi (associazioni fisse estro-progestiniche) supera i 200 milioni di euro di spesa. Nel 2021 la spesa pro capite per i farmaci contraccettivi è stata 25,40 euro con una crescita media annuale dal 2015 pari al 7,8%, e un aumento rispetto al 2020 del 6,9%. I consumi di questi farmaci, riferisce il rapporto, sono aumentati in tutte le macroaree geografiche: Nord +3,4%, Centro +5,9%, Sud e isole + 2,6%.

Al quinto posto ritornano i derivati benzodiazepinici con farmaci ipnotici e sedativi che rappresentano il 4,1% della spesa totale, pari a 143,7 milioni di euro.

Complice la diffusione del Covid-19, c’è stata una più ampia adesione alla campagna di vaccinazione antifluenzale nella stagione 2021-2022. L’acquisto in farmacia a carico del cittadino dei vaccini influenzali ha infatti raggiunto una spesa di 74,9 milioni di euro, in aumento del 228,5% rispetto al 2020.

DIFFERENZE REGIONALI

Tutte le Regioni, osserva il rapporto, a eccezione della Valle d’Aosta, registrano un aumento nei consumi dei farmaci con ricetta, e di conseguenza, un aumento dei volumi di spesa. La moderata variabilità dei consumi e della spesa per i farmaci di automedicazione e di classe C con ricetta viene spiegato principalmente da differenze di reddito tra le Regioni ma anche da un diverso atteggiamento di medici e pazienti nel ricorso a questi farmaci.

Per esempio, mentre per i farmaci di classe C con ricetta, la spesa pro capite della Campania è quasi doppia rispetto al quella della Provincia autonoma di Bolzano (81,60 euro vs 41,40), per quanto riguarda i farmaci di automedicazione la spesa pro capite della Liguria risulta essere il 72% più alta della Basilicata (48,20 euro vs 28,10) e al Nord si spende oltre il 21% in più rispetto al Sud.

I maggiori incrementi nei consumi dei farmaci di classe C, sono stati registrati nelle Marche (+35,6%), in Umbria (+28,0%) e, per i farmaci di automedicazione, sempre nella Marche (+12,2%) e in Umbria (+7,7%), mentre le riduzioni maggiori si osservano in Valle d’Aosta (-13,9%) e in Puglia (-14,9%).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore