skip to Main Content

L’aspettativa di vita degli americani si sta riducendo sempre di più

Aspettativa Vita Stati Uniti

Un declino di 2,7 anni in soli due anni, che rappresenta il più grande calo di aspettativa di vita dal 1920. Tra le nazioni più sviluppate, gli Stati Uniti sono l’unico Paese a vivere una situazione del genere. L’articolo di Le Monde spiega come sia possibile

 

“Storico”, “Orribile”, “Spaventoso”… I demografi stanno lottando per trovare il modo migliore per descrivere il calo dell’aspettativa di vita negli Stati Uniti, che si è aggravato negli ultimi due anni sotto l’effetto combinato del Covid-19 e di fattori che strutturano la società americana.

L’annuncio di fine agosto da parte dei Centri statunitensi per il controllo delle malattie (CDC) di una perdita di aspettativa di vita di quasi un anno tra il 2020 e il 2021 non è certo una sorpresa, dato che dal 2014 la popolazione statunitense perde costantemente qualche mese di aspettativa di vita ogni anno. Ma i demografi – leggiamo nell’articolo di Le Monde – sono comunque sorpresi dall’entità del fenomeno.

“Questo calo da 77 a 76,1 anni ha portato l’aspettativa di vita alla nascita negli Stati Uniti al livello più basso dal 1996”, scrive il CDC. Più allarmante è il fatto che si tratta del secondo calo in due anni, dato che il 2020 aveva già registrato un calo di 1,8 anni. Un declino di 2,7 anni in due anni, quindi, che rappresenta il più grande calo di questo indicatore dagli anni ’20.

L’aspettativa di vita alla nascita è un calcolo statistico che stabilisce la durata media della vita di una generazione fittizia soggetta alle condizioni di mortalità del momento. In termini pratici, ciò significa che le donne e gli uomini che avrebbero avuto, nel corso della loro vita, i tassi di mortalità specifici per sesso ed età osservati nel 2021 negli Stati Uniti, sarebbero morti in media a 76,1 anni. Più precisamente, a 79,1 anni le donne e a 73,2 anni gli uomini. Naturalmente, questo calcolo è fittizio ed è probabile che le condizioni di vita cambino di anno in anno, in meglio o in peggio. Ma questo indicatore ha il vantaggio di riassumere in una sola cifra lo stato di salute di una popolazione in un determinato momento. Per gli Stati Uniti, questa sintesi è allarmante.

Comorbidità ed esitazione al vaccino

Tra le nazioni più sviluppate, gli Stati Uniti sono l’unico Paese a vivere una situazione del genere. “Alcuni Paesi ad alto reddito non hanno subito alcuna perdita di aspettativa di vita durante la pandemia, mentre altri che hanno subito una perdita nel 2020 hanno ampiamente recuperato il terreno perso nel 2021”, osserva Noreen Goldman, docente di demografia e affari pubblici presso la Princeton School of Public and International Affairs. In Francia, ad esempio, l’aspettativa di vita è diminuita drasticamente nel 2020, prima di aumentare nel 2021, fino a 82,5 anni, tornando quasi al livello pre-pandemia (82,9 anni). È di 79,3 anni per gli uomini e di 85,4 anni per le donne.

Secondo il CDC, metà di questo declino americano può essere spiegato dalla mortalità legata a Covid-19. Il Paese ha pagato a caro prezzo l’epidemia, con un eccesso stimato di oltre un milione di morti in due anni. “Gli americani non solo muoiono di Covid-19 a un ritmo più veloce rispetto agli altri Paesi comparabili, ma anche a un’età più giovane”, sottolinea Magali Barbieri, demografa dell’Istituto nazionale per gli studi demografici, in un editoriale pubblicato sul British Medical Journal.

Come si spiega questo eccesso di mortalità? In primo luogo, lo stato di salute generale della popolazione, un terzo della quale soffre di obesità e il 10% di diabete – comorbilità che la rendono particolarmente vulnerabile al Covid-19. In secondo luogo, la mancanza di un sistema di protezione sociale, che comporta ritardi nelle cure primarie e la difficoltà di negoziare le condizioni di lavoro (come lo smart working durante la pandemia).

Infine, l’elevata esitazione vaccinale: solo il 30% della popolazione ha ricevuto una dose di richiamo contro il Covid-19, rispetto al 60% in Francia. “La maggior parte di questi decessi poteva essere evitata e riflette la cattiva gestione della risposta alla pandemia negli Stati Uniti, sia da parte dei decisori che del pubblico”, afferma Steven Woolf, direttore emerito del Center on Society and Health della Virginia Commonwealth University.

Ma la tendenza era già presente prima della pandemia. I decessi legati alla droga e all’alcol, i suicidi e le malattie cardiometaboliche (ad esempio diabete, obesità, cardiopatia ipertensiva) contribuiscono da anni all’aumento della mortalità tra gli adulti in età lavorativa (25-64 anni). Dal 2010, il Paese ha dovuto affrontare un’esplosione di morti per overdose. Milioni di americani sono diventati dipendenti dagli antidolorifici a base di oppioidi negli anni Novanta e Duemila, grazie alle aggressive campagne di marketing dell’industria farmaceutica.

Quando nel 2010 il governo ha limitato l’accesso a questi prodotti, molti consumatori si sono rivolti al mercato illegale, dove è emersa una nuova droga, il fentanil, più potente e pericolosa di altri oppioidi. Negli ultimi due anni, queste overdose hanno causato la morte di quasi 200.000 persone nel Paese.

Inoltre, “l’aumento della mortalità è legato al rallentamento dei progressi nella lotta alle malattie cardiovascolari, la principale causa di morte negli Stati Uniti”, spiega Magali Barbieri. “Questa tendenza può essere osservata in altri Paesi, ma è molto marcata negli Stati Uniti, anche tra i giovani, in relazione all’obesità, ma anche al Covid-19”, aggiunge il demografo, che dirige un database internazionale sulla mortalità presso l’Università della California, lo Human Mortality Database.

Le disuguaglianze sono aumentate con le minoranze

La situazione è ancora più sconvolgente se si considera che gli Stati Uniti finanziano il settore sanitario più di tutti i Paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, con il 16,8% del prodotto interno lordo destinato alla spesa sanitaria nel 2019. “Ma un terzo di questo denaro va all’amministrazione”, osserva Magali Barbieri. Senza un sistema di protezione sociale generalizzato, ogni compagnia assicurativa ha le sue regole e gli ospedali sono costretti a dedicare molto lavoro a questa gestione; le compagnie assicurative incoraggiano le cure non necessarie e non rimborsate; gli studi dei medici sono molto costosi e quindi il costo delle loro consulenze rimane elevato. “In generale, i ricchi hanno troppe cure e i poveri non ne hanno abbastanza”, afferma Barbieri.

In particolare, le disuguaglianze sono aumentate con le minoranze. “I tassi di mortalità sono aumentati in modo sproporzionato per gli ispanici e i neri americani, ma il rapporto del CDC evidenzia l’impatto terribile sulla popolazione degli Indiani d’America, che ha visto un calo di 6,6 anni nell’aspettativa di vita tra il 2019 e il 2021”, avverte Steven Woolf. I nativi americani nati nel 2021 possono aspettarsi di vivere fino a 65,2 anni, un’età inferiore a quella di tutti i Paesi delle Americhe tranne Haiti.

Si tratta ora di capire se sarà possibile recuperare nel breve periodo o se la tendenza al ribasso continuerà. I demografi non sono affatto ottimisti. “Non torneremo presto al livello di aspettativa di vita del 2019”, afferma Noreen Goldman. Le cause dell’aumento della mortalità sono talmente strutturali che le soluzioni sono a lungo termine. Per Magali Barbieri, c’è il rischio che il possibile “effetto rimbalzo” spesso osservato dopo un improvviso eccesso di mortalità vada a beneficio soprattutto delle popolazioni più ricche, rafforzando ulteriormente le disuguaglianze.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore