Salute e ricerca

La polizia in Cina e Sudafrica sequestra falsi vaccini Covid. Report Ft

di

efficacia vaccini

E’ boom di vaccini Covid in vendita sul dark web, con venditori che offrono “consegne furtive”, spedizioni notturne, e chiedono pagamenti in bitcoin. Il report del Financial Times

La polizia in Cina e Sudafrica ha sequestrato migliaia di dosi di falsi vaccini Covid-19 e fatto più di 80 arresti dopo aver scoperto una rete criminale che distribuiva vaccini contraffatti, secondo l’Interpol.

La truffa delle esportazioni è stata scoperta dopo che la polizia nella Cina orientale ha identificato una rete che vendeva inoculazioni contraffatte. Gli agenti hanno fatto irruzione in un locale di produzione e hanno trovato più di 3.000 vaccini falsi. Più di 80 persone sono state arrestate riporta il FT.

Separatamente, la polizia sudafricana ha trovato 400 fiale di vaccino falso, sufficienti per circa 2.400 dosi, in un magazzino appena fuori Johannesburg. Gli agenti hanno anche confiscato una grande quantità di mascherine contraffatte e hanno arrestato tre cittadini cinesi e uno zambiano.

L’indagine congiunta è stata coordinata dal programma di beni illeciti e salute globale dell’Interpol, che ha lavorato per evitare che i criminali sfruttino i disagi causati dalla pandemia.

Jürgen Stock, segretario generale dell’Interpol, ha avvertito che la scoperta di questa rete rappresenta “solo la punta dell’iceberg” del crimine legato ai vaccini. L’agenzia sta seguendo altre segnalazioni di false distribuzioni di vaccini e tentativi di truffa contro enti sanitari, come le case di cura.

L’Interpol ha evidenziato a dicembre il rischio crescente che bande criminali cerchino di capitalizzare la domanda globale di vaccini Covid-19 vendendo inoculazioni false o rubando quelle vere. L’agenzia ha detto che la pandemia ha già innescato “un comportamento criminale opportunistico e predatorio senza precedenti” e ha esortato i suoi 194 paesi membri a promuovere una stretta cooperazione tra polizia e funzionari sanitari.

Una ricerca del Financial Times ha già esposto il boom dei vaccini in vendita sul dark web, con venditori che offrono “consegne furtive”, spedizioni notturne, e chiedono pagamenti in bitcoin. Gli esperti hanno detto che molti dei vaccini pubblicizzati erano falsi o non sarebbero mai stati inviati.

I funzionari della sicurezza nel Regno Unito e negli Stati Uniti hanno emesso avvertimenti separati che la ricerca sui vaccini sta diventando sempre più un obiettivo di spionaggio per i paesi ostili che potrebbero anche cercare di interrompere le catene di approvvigionamento.

La scorsa estate, il National Cyber Security Centre della Gran Bretagna, un ramo del GCHQ, ha detto che gli hacker russi sostenuti dallo stato avevano preso di mira le aziende farmaceutiche e le istituzioni accademiche coinvolte nella ricerca sui vaccini nel Regno Unito, Stati Uniti e Canada. Gli Stati Uniti hanno accusato la Cina di hackerare le istituzioni sanitarie e di ricerca statunitensi che lavorano sui vaccini Covid-19, sui trattamenti e sui test.

Il brigadiere Vish Naidoo, portavoce nazionale della polizia sudafricana, ha accolto con favore gli sforzi di coordinamento dell’Interpol per aiutare ad arrestare “i cittadini stranieri che tentano di vendere vaccini falsi a persone ignare” nel suo paese. Il Sudafrica ha finora somministrato solo 70.500 dosi, equivalenti a 0,1 dosi per 100 residenti, secondo il tracker dei vaccini del FT.
Un portavoce del ministero della pubblica sicurezza cinese ha detto che il governo cinese attribuisce “grande importanza” alla sicurezza dei vaccini.

“La polizia cinese sta conducendo una campagna mirata per prevenire e reprimere i crimini legati ai vaccini, indagando in modo proattivo e combattendo i crimini legati ai vaccini in conformità con la legge”, ha detto il portavoce

Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione

Articoli correlati