Salute e ricerca

Il vaccino non fermerà Covid. Parola dell’Oms

di

Covid primavera sars-cov-2 variante Sudafrica Covid aria aperta superfici Covid coronavirus virus Wuhan Virus

Dovremo continuare a convivere con Covid anche dopo il vaccino: il destino del virus, secondo alcuni esponenti di vertice dell’Oms, è endemico

 

“Il destino del il virus sta per diventare endemico”. Con queste parole il professor David Heymann, direttore generale aggiunto per la sicurezza sanitaria e l’ambiente dell’Oms, manda al mondo intero un messaggio: bisognerà convivere con Covid-19, anche dopo il vaccino.

COVID-19 E DESTINO ENDEMICO

“Sembra che il destino di SARS-CoV-2 [Covid-19] sia quello di diventare endemico, così come altri quattro coronavirus umani, e che continuerà a mutare mentre si riproduce nel cellule umane, soprattutto nelle aree di contaminazione più intensa”, ha detto Heymann, come riporta Tv5 Monde.

IL VACCINO NON CI DARA’ L’IMMUNITA’ SPERATA

Tradotto in parole semplice: dovremo convivere con il Covid anche dopo il vaccino. “Sembra che il destino di Sars-CoV-2 sia quello di diventare endemico, così come altri quattro coronavirus umani, e che continuerà a mutare mentre si riproduce nel cellule umane, soprattutto nelle aree di contaminazione più intensa”, ha aggiunto il direttore generale aggiunto per la sicurezza sanitaria e l’ambiente dell’Oms.

DA VEDERE LIVELLO COPERTURA

Il vaccino giocherà comunque un ruolo importante per il futuro del virus. “Resta da vedere quanto bene i vaccini vengono presi [dalle popolazioni] e quanto siamo vicini a un livello di copertura che potrebbe darci l’opportunità di ‘eliminazione” del virus, ha aggiunto Mark Ryan, capo del programma emergenze sanitarie dell’Oms.

UNA MINACCIA A BASSO RISCHIO

Ove il virus rimanesse, “lo scenario probabile è che il virus diventi un altro virus endemico, che rimarrà una sorta di minaccia, ma di livello molto basso nel contesto di un efficace programma di immunizzazione globale”, ha spiegato Ryan.

NUOVA PANDEMIA IN ARRIVO?

Possiamo quindi tirare un respiro di sollievo? Non proprio, secondo Ryan.  “Questa pandemia è stata molto grave … ha colpito tutti gli angoli del pianeta. Ma non è necessariamente la più importante che dovremo affrontare”, ha detto Ryan, aggiungendo che il Covid-19 “è un campanello d’allarme. Ora stiamo imparando a fare le cose meglio: scienza, logistica, formazione e governance, come comunicare meglio. Ma il pianeta è fragile (…)Viviamo in una società globale sempre più complessa. Queste minacce continueranno. Se c’è una cosa che dobbiamo togliere da questa pandemia, con tutta la tragedia e la perdita, è che dobbiamo agire insieme. Dobbiamo onorare coloro che abbiamo perso migliorando ciò che facciamo ogni giorno”.

Articoli correlati