skip to Main Content

Esiste un farmaco che blocca il Covid? Sì, secondo uno studio americano

Covid

Sappiamo come il virus SARS-CoV-2 entra e si diffonde nel nostro organismo ma non come bloccarne la replicazione. Ora, però, un nuovo studio pubblicato su Nature potrebbe aver identificato la proteina-bersaglio e un potenziale farmaco specifico, utile anche contro alcuni tumori. Tutti i dettagli

 

Una molecola in grado di fermare l’infezione da Covid-19 a prescindere dalla variante. A scoprirla è stato un gruppo di ricercatori della Keck School of Medicine della University of Southern California di Los Angeles, che ha pubblicato i risultati su Nature Communications.

LA SCOPERTA

Gli autori della ricerca hanno notato che una particolare proteina, denominata ‘chaperone’ e nota come GRP78, svolge un ruolo fondamentale nella replicazione del virus. Durante i processi cellulari, infatti, è il mezzo che porta il virus SARS-CoV-2 all’interno di altre cellule, dove può diffondersi e riprodursi.

Quanto incide sull’infezione è stato dimostrato anche dal fatto che più l’infezione si intensifica più le cellule infette producono tale proteina. Al contrario, sopprimendo la sua produzione nelle cellule polmonari, queste rilasciano una quantità minore di virus per infettare altre cellule.

IL FARMACO CHE PUÒ FERMARE LA PRODUZIONE DI CHAPERONE

Partendo da questa scoperta, i ricercatori hanno prodotto e testato un nuovo farmaco specifico per bloccare la riproduzione della proteina o quantomeno limitarne l’attività.

“I coronavirus – affermano gli autori dello studio – impongono molteplici cambiamenti funzionali, ma anche strutturali, a un’ampia gamma di percorsi cellulari e ci sono prove crescenti che alcuni di questi percorsi possano essere sfruttati terapeuticamente”.

Da alcuni esperimenti su cellule epiteliali polmonari umane in coltura cellulare non si sono riscontrati effetti dannosi sulle cellule. Inoltre, la replicazione del virus e, quindi la carica virale nei polmoni, è stata notevolmente ridotta, dimostrando che chaperone è necessaria per la replicazione e la produzione virale.

UN FARMACO UTILE ANCHE CONTRO ALCUNI TUMORI

Ma lo stesso farmaco è allo studio anche per combattere i tumori al colon, al pancreas e al polmone. Il principio attivo, chiamato HA15, oltre a bloccare l’infezione del virus SARS-CoV-2, ha mostrato in un’altra ricerca, pubblicata sulla rivista Neoplasia, anche di essere in grado di sopprimere una proteina che favorisce lo sviluppo del cancro e di ridurre l’attività delle cellule tumorali, senza intaccare quelle sane.

Gli scienziati della University of Southern California, insieme ai colleghi della USC Norris Comprehensive Cancer Center e della University of Michigan College of Pharmacy, hanno testato il farmaco e dai test in vitro e in vivo è emerso che il principio attivo HA15 riesce a sopprimere la produzione di alcune proteine KRAS mutanti, tra le più difficili da curare perché resistenti ai farmaci.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore